Immigrazione, lavoro e legalità

Dibattito "Immigrazione, lavoro, legalità"L’immigrazione come fatto naturale, non legato alle “emergenze sicurezza”, vere o presunte, richiamate in continuazione dai media. Semplicemente uomini e donne che si spostano per lavoro, all’interno di un paese o in altre nazioni.

Milioni di italiani nel secolo scorso hanno lasciato questo Paese, dal sud e dal nord, per lavorare altrove. Centinaia di migliaia di meridionali si sono spinti ogni anno al nord Italia, dalla fine della seconda guerra mondiale in poi, seguendo il miraggio di un posto nelle grandi fabbriche del settentrione. Ora è la volta degli stranieri. La mobilità lavorativa, ormai, è rimasta loro appannaggio.

Di questi temi si è discusso venerdì 8 luglio alla Festa nazionale democratica “con i nuovi italiani”, organizzata dal Forum Immigrazione del Partito Democratico al parco Frutipapalina di Cesena.

Il dibattito su “Immigrazione, lavoro, legalità”, con una decina di ospiti, era presieduto dal Consigliere regionale Damiano Zoffoli. Il quale, non a caso, ha subito posto l’accento sui temi del lavoro: “Il tema della serata richiama i primi tre articoli della costituzione, per la cui attuazione ci si batte giorno per giorno”.

Zoffoli ha tracciato il quadro dell’immigrazione straniera in Regione: “In Emilia-Romagna gli stranieri nel 2009 avevano raggiunto quota 463mila, passando nel giro di sette anni dal 6,9 al 10,5 per cento della popolazione. Anche la forza lavoro sta diventando multietnica: quasi il 20 per cento dei dipendenti è straniero, specie nell’industria e nel turismo, mentre tra gli imprenditori gli stranieri titolari di impresa individuale sono il 7,3 per cento del totale”.

Un apporto insostituibile alla produzione e ai consumi italiani, ma anche per garantire la sostenibilità del sistema pensionistico: “Gli immigrati – ha continuato Zoffoli – assicurano allo sviluppo dell’economia Italiana un contributo notevole: incidono per l’11,1 per cento sul Pil (dato 2008), pagano 7,5 miliardi di euro di contributi previdenziali e dichiarano al fisco un imponibile di oltre 33 miliardi di euro. Mettendo sui piatti della bilancia le tasse e i contributi pagati, da un lato, e le uscite per assistenza scuola e servizi a loro favore, dall’altro, risulta che gli immigrati lasciano 1 miliardo di euro ogni anno di saldo positivo per lo Stato secondo i dati Caritas. Questo anche perché tra gli immigrati ci sono pochissimi pensionati: 1 ogni 30, contro l’1 ogni 4 degli italiani”.

Nonostante la disoccupazione stia aumentando anche in Emilia-Romagna, toccando il 6 per cento nel 2010, la presenza degli immigrati resta insostituibile. Mentre tanto resta da fare per allargare il mercato del lavoro ai giovani e alle donne: “Non abbiamo raggiunto gli obiettivi di Lisbona – ha spiegato Zoffoli – e l’occupazione femminile, specie nella fascia tra i 55 e i 64 anni, rimane sempre di diversi punti percentuali indietro. Nel gennaio scorso l’85 per cento di tutte le assunzioni è avvenuto a tempo determinato, mentre il rapporto tra disoccupazione giovanile e disoccupazione adulta è di 4 a 1, dato che sale a 4,8 a 1 in Emilia-Romagna. Il nostro mercato del lavoro è molto più chiuso rispetto agli altri paesi europei”.

Una riforma del mercato del lavoro non può prescindere dalla sicurezza sul posto di lavoro e dalla legalità. Per questo la Regione Emilia-Romagna è impegnata contro lo sfruttamento del lavoro nero, anche nelle piccole imprese terziste, e nel contrasto del fenomeno del caporalato: “Non avendo forze dell’ordine alle dipendenze – ha aggiunto Zoffoli – l’impegno diretto della Regione si concentra sull’innovazione, la ricerca, l’export e l’internazionalizzazione, le reti di imprese, il supporto ai consorzi fidi. Sono stati promossi poi tavoli di confronto con le associazioni di categoria e gli enti locali. Sempre sul fronte della legalità la Regione ha varato una legge per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose nell’economia locale e di contrasto al racket”.

L’onorevole Sandro Brandolini (Pd) ha lodato le iniziative della Regione Emilia-Romagna in tema di legalità e sicurezza, puntando poi il dito sul Governo: “Il Partito Democratico si sta battendo in Parlamento per la reintroduzione del reato di caporalato, fenomeno ancora troppo diffuso nelle campagne, e per cercare di portare avanti il permesso di lavoro pluriennale. Tanti immigrati, infatti, lavorano stabilmente stagione dopo stagione nella stessa azienda. E’ urgente anche una riforma dei voucher. Questi “buoni lavoro”, nati per studenti e pensionati, sono spesso usati impropriamente per celare lavoro nero o grigio”.

Anche Stefano Fassina, responsabile nazionale Economia e lavoro del Pd, ha rilanciato sul permesso di soggiorno: “Bisogna distinguere tra il primo rilascio e il rinnovo – ha puntualizzato l’economista – per evitare che centinaia di migliaia di persone si trovino ogni anno sulle soglie della clandestinità in caso di perdita del lavoro”.

A cambiare, però, dev’essere prima di tutto il mercato del lavoro: “Non possiamo riprodurre le politiche del lavoro degli ultimi tre anni. In questo lasso di tempo abbiamo perso 400mila posti di lavoro, con la diminuzione di un milione di posti di lavoro di lavoratori italiani e l’aumento di 600mila unità dei lavoratori immigrati. Bisogna ripensare il lavoro partendo dalla persona, rendendoci conto che persona e lavoro sono le basi della democrazia”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.