Se la politica si accorge di noi…

Intervista a cura di Paolo Marani (vice Presidente Movimento Impatto Zero di Cesena), pubblicata sulla rivista A TUTTO GASgiugno/agosto 2011.

Damiano Zoffoli, 50 anni, laureato in medicina, dentista, marito felice, babbo di due figlie, romagnolo doc e politico, come lui ama definirsi, “terraterra”.
Gli abbiamo chiesto un’intervista in qualità di Presidente della III Commissione assembleare che si occupa di Territorio, Ambiente e Mobilità nella Regione Emilia-Romagna.
Attualmente sta lavorando al secondo triennio di attuazione del Piano Energetico Regionale. Negli ultimi mesi, a Cesena, ha promosso due cicli di incontri sulla buona politica e sulle buone pratiche a livello locale in cui si è parlato di finanza etica e microcredito, terzo settore e impresa sociale, green economy e nuova occupazione.

Conosce le realtà dei Gruppi di Acquisto Solidale? Conosce il nostro giornale “A TUTTO GAS”? Come valuta queste iniziative editoriali di sostegno mirate alle piccole realtà locali che si distinguono dal punto di vista etico?
Sì, conosco la realtà dei gruppi di acquisto solidale, pur non essendo iscritto ad un gruppo.
Ma sono figlio di agricoltori e ho quindi sempre avuto la fortuna di nutrirmi dei prodotti genuini della nostra terra.
Conosco anche il vostro giornale lo considero un utile strumento per mettere in rete le esperienze diffuse sul nostro territorio e per promuovere “un’economia locale del buon senso”, che metta al centro la persona e la comunità.
Ritengo che la pratica di acquisti diretti, dal produttore al consumatore, senza passaggi intermedi, permetta un maggior controllo da parte del consumatore, un aiuto all’ambiente e all’economia locale, perseguendo un giusto mix tra risparmio e qualità.
Da Sindaco di Cesenatico ho promosso, nella mia città, la nascita di una delle prime esperienze di farmer’s market.

Cosa si sta facendo in Emilia-Romagna per rilanciare l’economia agricola locale e promuovere al contempo una filiera di qualità?
Mi piace evidenziare, fra le ultime proposte, quella che riguarda l’istituzione di un codice di “buone prassi”, ambientali e sociali, per i prodotti tipici dell’Emilia-Romagna.
L’obiettivo è promuovere un’agricoltura che sia sempre più anche motore di uno sviluppo sostenibile ed equilibrato per il territorio: un “codice volontario di buone prassi”, in base al quale non solo regolare i propri comportamenti, ma anche selezionare le imprese fornitrici, con la possibilità di richiedere l’utilizzo del logo della Regione.
Viene proposto alle imprese di distri buzione per l’adesione ad una prima sperimentazione di un anno e parla di qualità dei prodotti e valorizzazione delle produzioni locali, rispetto dell’ambiente e delle risorse naturali, tutela della salute e dei diritti dei lavoratori, legalità e responsabilità sociale dell’impresa. Ma anche di contratti scritti tra l’impresa distributrice e i propri fornitori, rispetto dei termini di pagamento.

Sappiamo che state lavorando su proposte in consiglio regionale per sostenere i GAS e la promozione dei prodotti agroalimentari “a chilometri zero”, da filiera corta, biologici e solidali. A che punto siete?
Proprio in queste settimane ci stiamo confrontando con l’Assessore regionale all’Agricoltura, Tiberio Rabboni, per definire una proposta di legge condivisa che riconosca e valorizzi il consumo critico, consapevole e responsabile, come strumento di promozione della salute e del benessere dei cittadini.
Tutto questo anche alla luce del rapporto Bio Bank 2010, che ha censito quasi 8.000 operatori del settore in tutt’Italia, e dal quale emerge che l’Emilia-Romagna è prima nella vendita diretta in azienda con 359 spacci bio sui 2.176 rilevati in Italia (pari al 16%); è prima nella ristorazione scolastica biologica, con 147 mense sulle 837 censite; è prima nei mercatini, con 37 realtà su un totale di 225.
Ottimi risultati e un buon trend regionale ci spronano, quindi, a fare qualcosa di più per sostenere, come Regione Emilia-Romagna, nuovi modelli di distribuzione già apprezzati dai consumatori italiani e per promuovere il consumo di prodotti alimentari a chilometro zero, provenienti da filiera corta, biologici e solidali.
Sostenere l’attività dei GAS, riconoscere il ruolo di primo piano svolto da loro nella riduzione dei consumi inutili o eccessivi, nella valorizzazione di questi prodotti e nella promozione e diffusione di quelli provenienti dalle cooperative sociali, dal commercio equo-solidale e dalle associazioni impegnate nella lotta alle mafie, è un passo importante da compiere.
L’obiettivo prioritario è quello di incoraggiare l’acquisto di alimenti prodotti in ambito locale, lo stesso in cui devono essere consumati, anche attraverso un’informazione trasparente, puntuale ed efficace sul settore.
La proposta di legge cercherà quindi di andare incontro all’evoluzione delle preferenze dei consumatori che, già oggi, oltre a ricercare prodotti con prezzi più contenuti, sono particolarmente attenti alle caratteristiche di qualità nutrizionali, di sicurezza, di eticità e di eco compatibilità degli alimenti.

Secondo lei, i gruppi GAS possono rappresentare un ausilio per dare una risposta concreta alle famiglie e alle piccole imprese afflitte dalla crisi economica? In che modo?
Sostenere e promuovere prodotti a chilometri zero vuole anche dire valorizzare le piccole e medie imprese (agricole, ma non solo), per lo più a conduzione familiare, che operano e vivono sul territorio regionale, preservandone l’identità e la sopravvivenza.
Una risposta alla crisi economica, seppur parziale, può quindi venire anche dall’incentivare queste nuove forme di scambio, capaci di veicolare e promuovere le filiere corte, a partire da opportunità di incontro e da strumenti di cooperazione diretta tra chi produce e chi consuma.

Abbiamo l’impressione che Il sistema agro-alimentare attuale favorisca la crescita ed il mantenimento sul mercato di “filiere lunghe”, dominate da poche imprese di sempre più grandi dimensioni, il movimento dei gruppi GAS cerca di andare in direzione opposta. Cosa si può fare in regione per ridurre l’ipertrofia della filiera alimentare e restituire più risorse a chi produce il prodotto nei luoghi di origine?
Non si tratta, a mio avviso, di mettere in contrapposizione le filiere.
Oggi le strategie agricole si decidono a livello europeo, mentre le azioni concrete di supporto alle specifiche vocazioni produttive sono decise a livello regionale.
Serve, quindi, una politica agricola comune (PAC) diversa da quella fin qui conosciuta, per sostenere il reddito degli agricoltori. C’è bisogno di nuove “reti protettive” per le imprese agricole che operano nel mercato globale: strumenti di assicurazione del reddito, adeguate politiche per l’intervento e l’ammasso privato, codici di condotta obbligatori per l’industria e la grande distribuzione, possibilità di tutelare le produzioni “sensibili”, effettiva promozione di filiere di trasformazione alimentare governate dai produttori, reciprocità con i produttori extraeuropei, obbligo di indicare l’origine in etichetta, contrasto alle contraffazioni su tutti i mercati del mondo.
Sono obiettivi sacrosanti che sosteniamo e, per tutto ciò, la Regione ha deciso di giocare d’anticipo e di mettere in campo un nuovo strumento di “agricoltura contrattualizzata”: la possibilità di costituire organismi a carattere regionale o interregionale che, in base alle norme europee vigenti, possano essere sede di regolazione dei rapporti tra aziende di produzione, trasformazione e distribuzione.
Regole di filiera condivise, fidelizzazione dei rapporti, progetti comuni e predeterminazione dei ricavi: siamo convinti che stia qui una parte del futuro della nostra agricoltura.

Conosce l’esigenza di incentivare i prodotti alla spina, per garantire qualità, approvvigionamenti locali, e ridurre i rifiuti? Cosa sta facendo la regione per promuovere queste attività? Sa quanto costa, mediamente, un litro di latte alla spina?
Parto da una considerazione più generale: oggi è finalmente chiaro a tutti che benessere e aumento dei rifiuti non hanno necessariamente una relazione diretta (la sovrabbondanza di imballaggi, che spesso non portano alcun vantaggio di tipo funzionale, è solo un piccolo esempio). Basta con la cultura dell’usa e getta!
La Regione sta affrontando il tema della gestione dei rifiuti, in linea con l’ultima Direttiva Europea, predisponendo il nuovo Piano Direttore regionale, con il quale ci proponiamo un’azione e uno sforzo ancora più forte in direzione di una “società del riciclaggio”, che sappia limitare la produzione e utilizzare i rifiuti come risorsa.
Se, fino a oggi, la questione rifiuti è stata (e in alcuni casi tuttora rimane) un problema relativo alla gestione degli scarti del modo di vivere e produrre della nostra società, adesso serve un cambiamento di prospettiva che sappia coniugare gli aspetti sociali, ambientali ed economici, in un’ottica di sostenibilità complessiva per una crescita intelligente e duratura.
Quindi ben vengano tutte le iniziative, come lo sono i prodotti alla spina, per la riduzione a monte di quanto inutilmente prodotto.
Il latte alla spina penso che costi un euro a litro, ma confesso che della spesa in famiglia si occupa più spesso mia moglie.

È sufficiente una legge regionale per promuovere il consumo di prodotti alimentari a Km 0, biologici, oppure è necessaria anche una forte operazione di tipo culturale per convincere i consumatori a richiedere questo genere di servizi?
Come sempre, le leggi, perché siano più efficaci, vanno accompagnate da un lavoro di sensibilizzazione, di conoscenza e di promozione culturale.
È quello che voi fate, ad esempio, anche con questa pubblicazione che, come altre iniziative “dal basso”, è un supporto prezioso al lavoro delle Istituzioni che devono cambiare in un mondo che cambia.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Se la politica si accorge di noi…

  • Paola Bassi

    Salve, faccio parte del GAS di Imola e credo sarebbe interessante e molto utile reciprocamente che la proposta di legge regionale fosse condivisa con più gruppi di acquisto solidale prima della ratifica in consiglio e giunta regionale, anche per onorare la legge regionale sulla partecipazione.

  • cara Paola,
    condivido quanto scrivi.
    quello che descrivi è proprio il nostro modo di operare: i testi dei progetti di legge, infatti, una volta depositati e assegnati alla Commissione assembleare competente in materia, prima della loro approvazione in Consiglio regionale, iniziano un iter che prevede la convocazione di un’udienza conoscitiva alla quale sono invitate tutte le associazioni iscritte all’Albo regionale (maggiori informazioni le trovi qui: http://assemblealegislativa.regione.emilia-romagna.it/wcm/al/aal/ist/commal/legIX/comm_perm/consultazioni/partecipa.htm assieme ai moduli per richiedere l’iscrizione; l’Albo viene aggiornato semestralmente) e, a seconda del tema, agli altri soggetti interessati.
    in sede di udienza è possibile intervenire (proporre miglioramenti/suggerimenti, segnalare critiche) o lasciare proposte scritte.
    i verbali dell’udienza sono poi inviati a tutti Consiglieri, cosicchè può essere informato anche chi, eventualmente, non fosse presente.
    per quanto riguarda i GAS, siamo ancora in una fase precedente.
    noi del PD stiamo ancora lavorando ad un progetto di legge.
    è nostra intenzione, nelle prossime settimane, consultare tutti i gruppi GAS che operano sul territorio regionale, per raccogliere spunti preziosi anche in questa fase di elaborazione.
    per questo ti chiedo, se lo vorrai, di segnalarmi la mail e il nominativo del responsabile del vostro gruppo, così da poterlo invitare a questo momento di confronto.
    altrimenti faremo riferimento al tuo.
    scusa se sono stato un po’ prolisso, ma ci tenevo a spiegarti le cose nella maniera più dettagliata possibile.
    un caro saluto,
    Damiano Zoffoli