Dalla Regione oltre 23 milioni di euro per l’ambiente

L’Emilia-Romagna punta a raggiungere, entro 2012, il 65% di raccolta differenziata. Presentata una risoluzione all’Assemblea Legislativa

L’Assemblea Legislativa ha approvato il “Piano di azione ambientale per un futuro sostenibile 2011-2013 che conferma l’impegno della Regione Emilia-Romagna per la qualità ambientale, e mette a disposizione risorse per oltre 23 milioni di euro. I primi interventi potranno partire già dal mese di luglio.

Oltre a proseguire l’impegno del precedente Piano sul versante della conservazione della biodiversità, della riduzione e della gestione dei rifiuti, il PAA 2011-2013 punta in particolare sull’integrazione e sulla trasversalità, per massimizzare l’efficacia dei singoli interventi.

Dei 23,6 milioni di euro a disposizione, 6,3 saranno programmati direttamente dalla Regione, mentre la quota più rilevante (17,3) è stata ripartita a livello provinciale per cofinanziare, in collaborazione con gli Enti locali, interventi specifici sui territori. Alla Provincia di Forlì-Cesena andranno 1.778.637,98 di euro.

Con questo Piano la Regione offre un sostegno concreto alle azioni strategiche sull’ambiente, per rispondere alle esigenze dei territori e raggiungere gli obiettivi fissati dall’Europa, per centrare obiettivi coerenti con le strategie di salvaguardia dell’ambiente, da una parte, e di crescita sostenibile, dall’altra.

Particolare attenzione viene data al tema della riduzione dei rifiuti: l’Emilia-Romagna punta a raggiungere, entro 2012, il 65% di raccolta differenziata.

Per farlo è indispensabile sviluppare politiche di gestione del ciclo integrato dei rifiuti, stabilendo con chiarezza la gerarchia delle azioni (prima riduzione della produzione; poi preparazione per il riutilizzo; quindi il riciclaggio e il recupero; solo alla fine lo smaltimento), in accordo con la Direttiva Europea 98/CE/2008, che prevede che, entro il 2020, il 50% del materiale prodotto sia avviato a recupero.

È anche per questo motivo che, in collaborazione con il Gruppo amministratori politiche innovative del PD Emilia-Romagna (coordinato dal Sindaco di Sasso Marconi, Stefano Mazzetti), abbiamo presentato una risoluzione all’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna che impegna la Giunta regionale a incoraggiare il principio della premialità verso le Amministrazioni locali che intraprendono efficaci metodi di raccolta differenziata; promuovere, verso imprese e cittadini, iniziative di riduzione dei rifiuti e sostenere azioni volte al riuso per il risparmio di materia prima; verificare, nel processo di revisione degli ATO, le dimensioni territoriali che meglio valorizzino le esperienze di gestione del ciclo integrato dei rifiuti fin qui realizzate.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Dalla Regione oltre 23 milioni di euro per l’ambiente

  • Ciao Damiano,

    oltre l’immondizia perchè non stanziare un pò di soldi al fine di istituire dei CRAS (centri di recupero o ospedali per animali). Ma non è ora di pensare che la maggioranza della gente ha una sensibilità diversa da quelli che maneggiano fucili da caccia e che le lobby dei cacciatori sono destinate ad esaurisrsi. Il consenso si perde anche, vedi la romagna, per la cecità di chi continua a fare finta di niente.

  • Fringui

    Il suggerimento di Sandro Brina è totalmente condivisibile. La maggioranza della gente è contro la caccia eppure i politici (di destra e sinistra) rimangono fortemente condizionati dalla “lobby delle doppiette”. Peggio, tanti politici sono cacciatori. Ma chi si diverte a sparare a una creatura indifesa non è moralmente degno di amministrare (e infatti si riconoscono subito ….)

  • Caro Sandro,
    il Piano di Azione Ambientale per un Futuro Sostenibile 2011-2013, appena approvato dall’Assemblea Legislativa, prevede lo stanziamento ed il riparto, su base provinciale, dei fondi destinati agli interventi che saranno determinati (su iniziativa di Province e Comuni ed in parte su iniziativa diretta della Giunta regionale) nei prossimi mesi, sulla base delle seguenti priorità:
    a) conservazione della biodiversità;
    b) riduzione dei rifiuti e ottimizzazione della loro gestione;
    c) esigenze territoriali specifiche.
    Per quanto riguarda il punto a), la Regione intende concorrere all’obiettivo, fissato in sede mondiale (Conferenza di Nagoya, ottobre 2010), di arrestare la perdita della biodiversità entro il 2020 e di garantire il mantenimento dei servizi eco sistemici offerti dalla natura, partecipando attivamente alla realizzazione della strategia nazionale per la conservazione della biodiversità (Documento strategico nazionale approvato dalla Conferenza Stato-Regioni, ottobre 2010).
    Per fare questo intende sviluppare prioritariamente le seguenti strategie:
    1) migliorare l’efficacia e l’efficienza degli strumenti normativi e/o regolamentari e degli istituti di tutela esistenti (Aree Protette e Siti della Rete Natura);
    2) estendere quantitativamente il numero e la superficie delle aree naturali protette e dei Siti della Rete Natura 2000;
    3) perfezionare l’integrazione tra le azioni di tutela e quelle di valorizzazione della biodiversità, nell’ottica dello sviluppo sostenibile e secondo gli obiettivi contenuti nel nuovo PTR;
    4) estendere le aree boscate presenti nel territorio della bassa collina e della pianura, ed intervenire per qualificare, diversificare ed in alcuni casi contenere, lo sviluppo dei complessi forestali nel crinale appenninico;
    5) sviluppare la conoscenza naturalistica, l’educazione e la divulgazione ambientale per rafforzare la sensibilità e il senso di appartenenza dei cittadini nei confronti del patrimonio naturale dell’Emilia-Romagna;
    6) garantire la realizzazione di politiche, e di azioni coerenti e coordinate, per la conservazione della biodiversità relativamente ai principali sistemi naturali interregionali, quali la dorsale appenninica, il medio corso ed il delta del fiume Po;
    Le azioni che saranno finanziate in via prioritaria dal Piano, nel campo della conservazione e della valorizzazione del patrimonio naturale, con l’obiettivo di arrestare la perdita di biodiversità, sono le seguenti:
    – la realizzazione di interventi volti ad aumentare la resilienza dei sistemi naturali, con priorità per quelli che conservano gli habitat e le specie di cui alle direttive Comunitaria denominate Habitat ed Uccelli, con priorità per quelli delle zone umide, caratterizzati dalla presenza di acque dolci o di transizione;
    – la realizzazione di iniziative volte a promuovere tra i cittadini dell’Emilia-Romagna la conoscenza, l’educazione e la divulgazione dei valori naturalistici, ed in particolare il significato e gli obiettivi della Rete Europea Natura 2000 (attraverso la predisposizione di una specifica programmazione di interventi a regia regionale, articolata per ambiti provinciali).
    Per quanto riguarda il punto b), la Regione intende sostenere le Amministrazioni locali nel raggiungimento degli obiettivi definiti dal D.lgs. 205/2010, che richiedono consistenti sforzi ed investimenti.
    Infine, per quanto riguarda il punto c), la Regione intende concorrere
    va detto che quella tipologia di interventi è destinata a risolvere singole problematicità a livello territoriale da individuarsi da parte delle amministrazioni provinciali secondo la
    gravità o l’urgenza dell’intervento in coerenza con le finalità del Piano di azione
    ambientale e secondo le criticità emerse in sede di sua elaborazione.

    Per quanto riguarda il punto c), la Regione concorrerà a risolvere singole problematicità a livello territoriale, da individuarsi da parte delle Amministrazioni provinciali, secondo la gravità o l’urgenza dell’intervento, in coerenza con le finalità del Piano di azione Ambientale, e secondo le criticità emerse in sede di sua elaborazione.
    Come vedi, “oltre l’immondizia” (che comunque è un problema prioritario in campo ambientale, ed è giusto occuparsene seriamente, onde evitare di fare la fine di altre Regioni meno virtuose della nostra), il Piano prevede di investire anche in altri settori ambientali strategici.
    Per quanto riguarda la possibilità di finanziare, attraverso questo strumento, anche i CRAS, penso che le possibilità siano poche, a meno che non si rientri nel punto a) (occorrerebbe collegare il CRAS al tema della biodiversità ed alle azioni che ti ho elencato sopra).
    Sperando di averti dato alcuni elementi utili di valutazione per il tuo progetto, ti saluto cordialmente.
    Damiano Zoffoli

  • sandro brina

    Ti ringrazio per l’esauriente risposta che, se attuata, sarebbe un grande salto in avanti sulla conservazione dell’ambiente. Tuttavia nel frattempo la realtà è ben diversa in Provincia di Forlì-Cesena. Infatti basta leggere le ultime disposizioni del Presidente Bulbi in materia di caccia allo Storno per restare allibiti. Mentre la Regione Emilia Romagna parla di salvaguardia dell’agricoltura ove insistano frutti pendenti (uva, caki, olivi) Secondo Lui invece in tema di caccia in deroga a questa specie è sufficiente una sola pianta per definirsi appezzamento agricolo da salvaguardare (Sua lettera agli apostoli del 30 agosto 2011).
    Il mondo dei cacciatori con soluzioni simili è proprio alla frutta.
    Quando sei in zona dammi uno squillo che ti aggiorno