Crisi ortofrutta, risoluzione a sostegno del settore peschicolo

Una risoluzione del Gruppo PD in Regione per sostenere “il settore peschicolo, che da diversi anni sta attraversando una crisi senza precedenti, drammaticamente accentuatasi nelle ultime settimane”. Settore “nel quale opera un sistema economico di rilievo nazionale, caratterizzato da decine di migliaia di occupati e da un indotto industriale di rilevanza europea” e in cui “l’Italia, fin dalla prima metà del ‘900, è ai vertici, essendo il primo Paese produttore al mondo di pesche e nettarine”.

Nel testo si ricorda che l’Assessore regionale all’Agricoltura, Tiberio Rabboni, ha scritto al Governo ed alla Commissione Europea proponendo una serie di misure per tamponare la crisi ma, soprattutto, per intervenire sulle cause strutturali della riduzione di reddito per gli agricoltori.

La risoluzione, pertanto, individua una serie di contromisure per dare sollievo al settore. In particolare chiede al Governo “di sostenere la ricerca di un accordo interprofessionale, riaprendo il tavolo, tra la grande distribuzione organizzata e le imprese di produzione ortofrutticole e le loro organizzazioni, perché si adottino tutte le misure necessarie a garantire massima trasparenza e correttezza nel meccanismo di formazione dei prezzi lungo tutta la filiera, anche accogliendo il Codice etico proposto dalle Regioni; di attivarsi presso l’Unione Europea affinché vengano destinate risorse specifiche ad un intervento straordinario per pesche e nettarine valido per tutti i produttori dell’Unione Europea e di adeguare i prezzi di intervento con le medesime modalità adottate in occasione dell’intervento per la crisi dovuta all’Escherichia coli”.

I Consiglieri regionali del Partito Democratico chiedono inoltre al Governo nazionale di “attivarsi per riformare le attuali misure di prevenzione e gestione delle crisi che si sono dimostrate inadeguate, in particolare proponendo di: 1) prevedere, per i pochi prodotti frutticoli fortemente deperibili come pesche, nettarine e susine, meccanismi collettivi, applicabili a livello europeo, per la gestione dei ritiri; 2) aumentare al 10% la percentuale massima dei prodotti ritirabili per singola specie, incentivando la destinazione del prodotto ritirato ad uso energetico; 3) adeguare i massimali di aiuto previsti dalla normativa comunitaria per i ritiri dal mercato lasciando agli Stati Membri, per i prodotti altamente deperibili, la definizione dei valori da applicare; 4) incentivare la destinazione dei prodotti alla distribuzione gratuita a favore di indigenti creando un capitolo di spesa al di fuori dell’aiuto previsto per la prevenzione e gestione delle crisi; 5) istituire un fondo destinato ad assicurare crediti derivanti da esportazioni verso Paesi terzi in quanto, ad oggi, le imprese non dispongono di alcun strumento a salvaguardia dei mancati pagamenti derivanti dall’insolvenza di aziende importatrici; 6) favorire la costituzione di fondi mutualistici, cofinanziati dalla UE e utilizzabili per integrare i produttori nel caso di crisi dei prezzi di mercato; 7) valutare nuove forme assicurative in grado di garantire una salvaguardia del reddito ai produttori che continuano a rappresentare l’anello debole di tutta la filiera”.

Infine, con la risoluzione si chiede alla Giunta regionale “di proseguire la propria azione di sostegno al comparto, con un tavolo di confronto di tutto il mondo agricolo con la Grande Distribuzione Organizzata e con l’azione presso la Conferenza delle Regioni, affinché il Governo promuova azioni immediate presso l’Unione Europea”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.