La finanziaria Tremonti/Berlusconi colpisce i più deboli: più ticket sanitari per tutti!

La salute costa sempre più cara e a pagare sono sempre i soliti. Soprattutto dopo l’ultima finanziaria approvata dal Governo Tremonti/Berlusconi. Una manovra profondamente sbagliata, che si accanisce contro i più debolifamiglie, lavoratori e pensionati – su cui si scaricano i costi altissimi di questi tre anni di malgoverno della destra.

La scelta di tagliare ulteriori 482 milioni di euro al Fondo Sanitario Nazionale (30 milioni in meno per l’Emilia-Romagna), sostituendoli con un ticket di 10 euro sulle ricette mediche per visite specialistiche ed esami diagnostici (ecografie, radiografie, …), è profondamente iniqua.

Grava, in modo indifferenziato, sulle spalle dei cittadini e finirà, di fatto, con lo spostare verso il privato tantissime visite ed esami specialistici, a danno del Servizio Sanitario Nazionale.

È per questo motivo che la nostra Regione ha deciso di non applicarlo e si è presa due settimane per approfondire la situazione e capire quali azioni alternative mettere in campo.

La stessa manovra ha poi previsto un ulteriore ticket di 25 euro per il Pronto soccorso.

In Emilia-Romagna anche questo ticket non sarà applicato, poiché in questa Regione abbiamo già regolamentato l’accesso ai servizi di Pronto soccorso prevedendone il pagamento solo ed esclusivamente per gli accessi inappropriati (codici bianchi, cioè prestazioni che andrebbero correttamente erogate in altri contesti assistenziali). Va poi ricordato che, a maggio scorso, la Regione ha aumentato le prestazioni esenti dal pagamento del ticket (colica renale, crisi di asma, dolore toracico, aritmie cardiache, glaucoma acuto, corpo estraneo oculare, sanguinamento dal naso, corpo estraneo nell’orecchio, complicanze di intervento chirurgico entro 3 giorni dalla dimissione ospedaliera, problemi e sintomi correlati alla gravidanza).

La stessa Regione ha inoltre predisposto un nuovo Piano per la riduzione delle liste di attesa che avrà a disposizione, per il 2011, uno stanziamento regionale di 10 milioni di euro, da ripartire tra le Aziende Usl (452.688 a Cesena). L’obiettivo è garantire visite ed esami specialistici nei tempi previsti: entro 24 ore le urgenze, 7 giorni per le urgenze differibili, 30 giorni per le prime visite programmabili e entro 60 giorni gli esami di diagnostica programmabili.

È quindi evidente che l’Emilia-Romagna si muove, e si è sempre mossa, in maniera totalmente diversa da quanto fa il Governo nazionale, con la sua politica di tagli lineari e indiscriminati. Con l’assestamento al bilancio regionale, che voteremo lunedì in Aula, su 102,7 milioni di euro ne abbiamo destinati 68,5 alla sanità, di cui 8,5 a sostegno del programma di investimenti (per la realizzazione o il completamento di strutture, impianti, attrezzature e tecnologie a destinazione sanitaria).

Investire sulla prevenzione e sull’innovazione in sanità, infatti, oltre ad essere un diritto fondamentale, è il modo più intelligente per risparmiare in futuro.

Non è vero che i politici, e le politiche, sono tutti uguali!

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.