Distributore di benzina a marchio Conad, nell’area Montefiore del Comune di Cesena

Presentata un’interrogazione alla Giunta regionale sul ricorso della Società Eni

ll Consiglio comunale di Cesena, in data 24 febbraio 2011, ha approvato una variante sostanziale al Programma Integrato dell’area Montefiore, che prevede, tra le altre cose, l’inserimento di un impianto per la distribuzione di carburanti a marchio Conad, contro il quale la Società Eni, essendo scaduti i tempi per il ricorso al TAR, avrebbe presentato ricorso al Presidente della Repubblica.

Ne dà notizia il Consigliere regionale Damiano Zoffoli in un’interrogazione, in cui ricorda che, nel 1999, la Regione Emilia-Romagna ha dato attuazione alla riforma del commercio prodotta dal decreto Bersani ed ha successivamente definito la normativa nel settore dei pubblici esercizi con gli obiettivi di favorire l’equilibrio fra le diverse tipologie distributive, promuovere più concorrenza, agevolare processi di produzione e ammodernamento della rete distributiva.

Nel 2005, inoltre, la stessa Regione – sottolinea il Consigliere – ha attivato l’Osservatorio regionale dei prezzi e delle tariffe, che consente ai consumatori un facile e rapido accesso alle informazioni sull’andamento del livello dei prezzi dei beni di largo e generale consumo e sulle occasioni di convenienza disponibili sulla rete distributiva dell’Emilia-Romagna.

La Regione, con queste iniziative, si è mossa per difendere il potere d’acquisto dei cittadini e favorire la concorrenza nel commercio”, scrive Zoffoli nell’interrogazione, ricordando che “la libera concorrenza – fatta di rispetto delle regole da una parte, ma anche di opportunità piene per i cittadini e di una trasparenza resa evidente dalle diverse offerte commerciali, dall’altra – è un principio sacrosanto, dal quale nessuno può sottrarsi, indispensabile in un’Italia nella quale le grandi compagnie, petrolifere ma non solo, dovranno sempre più abituarsi a rispettare i consumatori e la loro esigenza, ancor più pressante in questa fase di crisi economica, di poter acquistare prodotti a prezzi contenuti”.

Il Consigliere del PD chiede quindi alla Giunta regionale se sia a conoscenza e come valuti il ricorso presentato dalla Società Eni contro il distributore Conad, previsto nell’area Montefiore del comune di Cesena, e se ritenga che l’Accordo di programma concretizzato dal Comune di Cesena, in conseguenza del quale verrà anche prevista l’apertura del nuovo impianto per la distribuzione di carburanti, sia coerente con le politiche promosse dalla Regione al fine di esercitare un effetto di contenimento della crescita dei prezzi, anche sul fronte dei carburanti.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Distributore di benzina a marchio Conad, nell’area Montefiore del Comune di Cesena

  • Bravissimo, l’atto di intimidire la giunta di Cesena da parte di ENI, che pur con una rete commerciale di oltre 1400 distributori in italia piange per la concorrenza dovuta all’entrata di un soggetto terzo minoritario e competitivo, va stroncata sul nascere!Si difendono i diritti dei cittadini anche garantendo che la vera concorrenza non sia un optional, ma una esigenza non rinunciabile. E’ ora che la regione si faccia sentire su questioni così basilari. Una economia resiliente è anche una economia che predilige i piccoli esercenti distribuiti sul territorio (meglio se autoctoni) a fronte degli attacchi dei grandi monopoli industriali e internazionali. Lo stesso vale anche per l’agricoltura e per tanti altri settori produttivi.

  • ceccarelli mirella

    Condivido in pieno il commento di paolo Marani e lo sottoscrivo anche se ora, come pensionata prediligo la bici e l’ autobus.
    Ma in casi eccezionali e urgenti, devo usare l’ auto e vedo l’effetto economico nel mio borsellino e come pensionata ne risento della conseguenza pesante.
    Ma i lavoratori e i giovani disoccupati che comunque devono muoversi con l’ auto cosa ne dicono ?
    A quando le liberalizzazioni in tutto il settore commerciale ?