PMI, intervenire subito sui tempi di pagamento dei fornitori

Il Governo è assente. Presentata una risoluzione a sostegno delle imprese

Contro gli effetti della crisi economica che continua a colpire imprese e famiglie “manifestando gli effetti più nefasti sul tessuto economico e produttivo costituito dalle piccole e medie imprese della nostra Regione”, alcuni Consiglieri regionali del Partito Democratico hanno presentato una risoluzione che impegna la Giunta regionale “ad attivarsi in tutte le sedi più opportune per sollecitare il riavvio di un percorso di programmazione economica da parte del Governo centrale, oggi assente”.

“Tra le principali cause di una situazione in cui numerossime piccole e medie imprese sono costrette a chiudere”, i firmatari del documento indicano “l’incapacità del Governo nazionale di fronteggiare la crisi con politiche di sviluppo economico, cui si aggiungono gli eccessivi ritardi nei pagamenti delle forniture e delle subforniture da parte delle grandi aziende, nonché delle Pubbliche Amministrazioni, verso le PMI”.

Nella risoluzione, pertanto, si chiede all’esecutivo regionale di sollecitare i trasferimenti finanziari alle Regioni, a partire da quelli del Fondo Sanitario Nazionale, e a garantire i flussi di cassa nei tempi concordati per evitare problemi al sistema delle imprese e ai cittadini e si impegna la Giunta regionale a rivolgere un ”invito” agli Enti locali affinché promuovano accordi con le banche, per l’anticipo del credito alle imprese a tassi concordati.

I firmatari del testo segnalano che, in base alla una nuova Direttiva Europea del 24 gennaio 2011, per i contratti pubblici sono stati introdotti termini di pagamento di 30 giorni, mentre per i contratti privati i termini di pagamento superiori ai 60 giorni dovranno essere adeguatamente giustificati; è inoltre stata introdotta la previsione di un indennizzo in caso di mancato rispetto dei termini.

“Diversamente da quanto fatto dal Governo – dichiara il Consigliere Damiano Zoffoli – la nostra Regione si è già attivata con le misure previste dal Patto per attraversare la crisi, con cui sono stati stanziati 420 milioni di euro per abbattere i tempi del pagamento nel settore sanitario. Si tratta si tratta di un impegno finanziario considerevole, che permetterà alle aziende sanitarie di migliorare l’efficienza e al sistema produttivo di ridurre l’esposizione nei confronti degli istituti di credito. Inoltre l’Emilia-Romagna è intervenuta più volte, nel corso degli ultimi anni per sostenere le imprese, anticipando le risorse (oltre un miliardo di euro) che non arrivano dallo Stato”.

La Regione ha inoltre adottato il Patto di stabilità territoriale regionale e diversi Comuni, per loro conto, hanno già promosso accordi con istituti di credito per anticipare a fornitori, appaltatori e prestatori di servizi il credito vantato nei confronti della Pubblica Amministrazione, con l’impegno a carico di quest’ultima di attestare, con apposita certificazione, la certezza, la liquidità e l’esigibilità di tale credito.

“Dobbiamo proseguire in questa direzione – conclude Zoffoli – e lavorare affinché le buone pratiche della nostra Regione possano essere un punto di partenza per una programmazione nazionale forte”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.