L’accesso a Internet è un diritto. Passi avanti per la banda larga in Provincia di Forlì-Cesena

Fibre ottiche

Un documento sui diritti digitali del cittadino. È stato approvato questa mattina dall’Assemblea Legislativa regionale il nuovo Piano telematico dell’Emilia-Romagna 2011-2013. Un atto con il quale la Regione detta i suoi principi in materia di accesso a Internet, banda larga, documenti digitali e nuove tecnologie.

Un documento corposo, che getta le basi per le azioni future. Specie sul fronte dell’accesso a Internet. Perché accedere alla Rete può davvero fare la differenza per un’azienda o una persona, moltiplicando le opportunità economiche, sociali e culturali.

Al momento la velocità minima d’accesso a Internet in “banda larga” è pari a 2 Megabit per secondo. Da questo genere di collegamento minimo sono esclusi 41 comuni emiliani e romagnoli (pari a 62710 abitanti), 4 dei quali in provincia di Forlì-Cesena. Si tratta di Portico e San Benedetto, Tredozio, Premilcuore, nel forlivese, e di Verghereto nel cesenate. Per un totale di 4914 residenti, in Provincia, tagliati fuori dall’Adsl.

Se si tiene conto però della qualità delle linee, la saturazione delle centrali telefoniche e di altri problemi, gli abitanti esclusi dalla banda larga salgono a 501mila in Regione (11,4 per cento della popolazione) e 39mila e 900 in provincia di Forlì-Cesena (10,17 per cento della popolazione).

Sul fronte delle linee a banda larga ordinarie invece (quelle da 7 Mb al secondo) la popolazione coperta a livello provinciale scende al 61 per cento, su 15 comuni: “Il Piano vuole dare la possibilità a tutto il territorio regionale di connettersi almeno alla velocità di 7 Megabit al secondo” spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli.

Negli ultimi anni in Provincia di Forlì-Cesena – continua Zoffoli – sono stati investiti un milione e mezzo di euro per la banda larga, provenienti da fondi regionali (progetto Infratel) e in piccola parte ministeriali. Altri 730mila saranno spesi a breve nel Comune di Verghereto per portare la dorsale in fibra ottica fino alla frazione di Alfero. La società pubblica Lepida, invece, investirà 130mila euro nel comune di Portico e San Benedetto per dare ai residenti l’accesso alla rete in modalità wireless, senza fili”.

Al momento non sono previsti impianti di tipo Wi-max (una specie di super wireless) in provincia di Forlì-Cesena. Lepida, però, ha stipulato una convenzione con la società per Internet via satellite Open Sky, rivolta in primo luogo alle aree non ancora raggiunte dalla banda larga.

Sempre Lepida si farà carico di fornire un servizio di accesso al Wi-Fi pubblico libero e gratuito, come richiesto da due risoluzioni, presentate da Pd e Idv, approvate contestualmente al Piano.

Altre parti significative del nuovo Piano telematico sono la diffusione in modo omogeneo degli atti in Rete, per semplificare e dematerializzare i documenti, il diritto di accesso di tutti gli atti e i dati prodotti dalla Pubblica amministrazione, un ripensamento dell’urbanistica partendo dalle nuove tecnologie. Via libera anche ai programmi software “open source” (gratuiti e modificabili) negli uffici pubblici, anche se non in via esclusiva.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

5 comments to L’accesso a Internet è un diritto. Passi avanti per la banda larga in Provincia di Forlì-Cesena

  • Alex

    sono un abitante di Alfero vorrei sapere quando inizieranno questi lavori per portare la fibra ottica!

    visto che in quest’articolo si specifica “a breve” e visto che è un articolo del 2011, vorrei sapere che fine hanno fatto i fondi stanziati, se ci sono ancora e se l’opera verrà realizzata!

    grazie!

    • Gentile Alex,
      prima di tutto un chiarimento doveroso. Quando si parla di fibra ottica si intende l’utilizzo della stessa come dorsale, una sorta di autostrada digitale per portare la banda larga alla centrale telefonica. In questo modo gli operatori possono commercializzare agli utenti finali, raggiunti da quella centrale, delle Adsl classiche.

      La Regione ha affidato il prolungamento della fibra ottica da San Piero in Bagno fino ad Alfero alla società pubblico-privata Lepida, con finanziamenti del Piano di sviluppo rurale (fondi FEASR). La fibra ottica dovrebbe raggiungere la centrale telefonica di Alfero entro la fine del 2013. A quel punto sarà possibile decongestionare gli attuali collegamenti Internet e innalzare la velocità degli stessi (oggi ferma a 640 kbps).

      Nel frattempo, nel resto del territorio provinciale, sono stati conclusi di recente lavori di potenziamento a cavallo del comune di Bagno di Romagna e quello di Santa Sofia (località Boscarelle) e a Santa Sofia stessa. Qui, oggi, si possono richiedere collegamenti fino a 20 Mbps. Velocità che potrà essere raggiunta entro pochi mesi anche a San Piero in Bagno. Ad Alfero è prevista, una volta completata la dorsale da San Piero, la commercializzazione di linee a 7 Mbps ma non è esclusa la possibilità di offrire i 20 Mbps come nelle località vicine. Diverso, invece, il discorso per le altre frazioni del comune di Verghereto che (ad eccezione del municipio) saranno coperte solo con collegamenti Wireless tramite la Dorsale Radio Sud.

      Buona giornata,
      Damiano Zoffoli

  • Alex

    Ok! Grazie per la sua risposta! Non pensavo mi rispondesse sinceramente!
    Resteremo in attesa della realizzazione del progetto da parte di lepida! Che se non erro è la stessa società che a portato la fibra ottica da Santa Sofia a san Piero in bagno! Sono un perito elettronico quindi so come funzionano queste tecnologie!
    A tal proposito vorrei chiedere se sa se la fibra ottica da San Piero alla centrale di alfero sarà portata per via aerea cioè attraverso pali esistenti telefonici o di linea elettrica o verrà portata sotto uno scavo lungo la strada provinciale come è successo tra Santa Sofia e San Piero in bagno! Grazie!
    Per il resto resteremo in attesa come abbiamo fatto fin ora perché è dal 2011 che ci viene detto che il progetto verrà realizzato immantinente!
    Comunque la ringrazio per l’interesse per noi che abitiamo in zone rurali! Ma che comunque abbiamo diritto come gli altri di avere un collegammento ADSL decente! Anche se purtroppo tutta Italia a confronto con il resto del mondo in questo settore come in altri è in una situazione disastrosa! Siamo in 83esimo posto nel mondo come velocità ADSL quando paesi nel mondo meno avanzati di noi hanno un collegamento migliore del nostro!

    Cordiali saluti
    Alex Bartolini

    • Gentile Alex,
      a quello che mi risulta il prolungamento della fibra ottica fino ad Alfero dovrebbe avvenire per mezzo di scavi, in collaborazione con la Provincia. Ad ogni modo, dato che come consiglieri regionali seguiamo tanti temi, potrò essere più preciso dopo il prossimo aggiornamento da parte di Lepida.
      Quello che posso dire è che Alfero, grazie al collegamento in fibra ottica fino alla centrale, una volta finiti i lavori avrà l’Adsl più veloce nel territorio del comune di Verghereto (fatta eccezione per il municipio che disporrà di una linea ad hoc).
      Un’esigenza ormai ineludibile, dato che oggi la centrale di Alfero non solo è limitata in velocità a 640 kbps, ma si avvia anche alla saturazione di banda (a differenza della vicina Pereto, con la quale, peraltro, condivide la stessa velocità massima).
      Appena avrò aggiornamenti sullo stato dei lavori scriverò certamente un nuovo post (questo è del 2011, ne ho scritti sul tema anche nel 2012). L’invito, dunque, è quello di continuare a seguire questo blog.
      Cordiali saluti,
      Damiano Zoffoli

  • Alex

    Ok!
    Ho letto anche l’articolo che ha scritto nel marzo 2012!

    Grazie per le sue risposte!

    Continuo a seguire il blog, se avrà notizie sulla data di inizio lavori da parte di Lepida le sarei grato se mi informasse, sul blog o su email!

    Grazie ancora per la sua disponibilità!

    Cordiali saluti
    Alex Bartolini