Risoluzione sulla caccia allo storno. Il Governo è responsabile di una situazione paradossale

Con una risoluzione presentata in Assemblea Legislativa, il Gruppo del Partito Democratico ha fatto proprio il documento unitario sottoscritto da tutte le associazioni agricole e venatorie (Confagricoltura, Coldiretti, Cia, Anuu, Enalcaccia, Arcicaccia, Italcaccia, Fidc, Anlc) dell’Emilia-Romagna in materia di caccia in deroga allo storno. Il documento è stato inviato al Governo perché provveda, a breve, ad emanare le direttive nazionali per la caccia in deroga e intervenga sull’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) per favorire l’approvazione dei provvedimenti regionali di caccia in deroga, senza incomprensibili limitazioni. Il documento chiede inoltre al Governo di intervenire in sede comunitaria per accelerare l’inserimento dello storno tra le specie cacciabili.

“Siamo preoccupati che il combinato disposto di un Governo insipiente ed incapace, che non ha ancora emanato le direttive nazionali in materia di caccia in deroga; dell’Ispra, che ha espresso parere negativo sulla proposta della Regione relativa alla riproposizione della caccia in deroga nelle stesse modalità degli anni passati e della Direzione generale ambiente e natura della UE, che impone alle Regioni di sottoporre i propri provvedimenti al parere vincolante dell’Ispra, pena l’apertura di procedure di infrazioni a carico degli inadempienti, blocchino quanto di buono fatto in Emilia-Romagna in materia di caccia in deroga” afferma il Consigliere regionale Mario Mazzotti, primo firmatario della risoluzione.

“La responsabilità di quello che potrebbe accadere col perdurare di questi incomprensibili ritardi, – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – e cioè una forte limitazione della caccia allo storno o addirittura l’impossibilità di procedere al prelievo dello stesso, sarebbe del tutto ascrivibile al Governo nazionale, che non è ancora riuscito a far inserire, a livello europeo, lo storno tra le specie non in estinzione, e dunque cacciabili”.

“Chiediamo che ci sia consentito di continuare ad operare con le stesse modalità e forme previste dagli atti adottati fin qui in Emilia-Romagna, che hanno ridotto i ricorsi avversi, sia al Tar che al Consiglio di Stato, e consentito il prelievo dello storno, in stretta connessione con i danni provocati da questa specie all’agricoltura; danni censiti e verificati dalle Province, in stretta collaborazione con le associazioni agricole. Chiederemo dunque anche ai nostri Parlamentari di intervenire con urgenza per richiamare il Governo alle proprie responsabilità – concludono i Consiglieri – e questo anche in riferimento al ruolo dell’Ispra, che proprio per la funzione che è chiamato a svolgere, deve essere coerente con quanto afferma nello studio prodotto a supporto della recente proposta del Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali ai fini dell’inserimento della specie storno tra quelle cacciabili.  E cioè che l’Italia è l’unico tra i Paesi mediterranei dell’Unione Europea in cui, a fronte di uno stato di conservazione più che soddisfacente della specie, non sia possibile cacciare lo storno”.

È possibile scaricare il testo della risoluzione cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

16 comments to Risoluzione sulla caccia allo storno. Il Governo è responsabile di una situazione paradossale

  • Fringui

    Forse è troppo chiedere che i nostri politici si preoccupino di quel 79% di cittadini che considera la caccia una crudeltà da vietare o da regolare più rigidamente (sondaggio Ipos)? Evidentemente la lobby dei cacciatori finanziano generosamente i partiti, di destra come di sinistra.

    E fra un po’ si tornerà a cacciare anche il lupo:
    http://www.corriere.it/cronache/11_luglio_27/mainardi-lupo-preda_504c071c-b814-11e0-a142-4db684210d8b.shtml

  • Caro Damiano
    tutto è incoerente nell’esercizio venatorio in Provincia di FC. E’ bello scaricare tutto sul Governo quando qui da noi scompaiono i corridoi di migrazione (obbligatori per Legge); gli appostamenti per acquatici vengono fatti passare per appostamenti fissi da terraferma così cadono le distanze di rispetto di 300 mt e l’obbligo di mantenervi l’acqua; si fanno oasi nelle circonvallazioni ed abitati per aprire territori stupendi alla caccia; si autorizzano appostamenti di caccia nei valichi montani dove transitano gli uccelli in migrazione, non si istituisce un CRAS, ospedale per animali, unica Provincia Forlì Cesena a non averne in Regione. Ma il PD non è stato anche al Governo perchè all’epoca non prese provvedimenti? O forse D’alema era troppo impegnato con la barca? Sulla palesata collaborazione con gli ambientalisti è la solita tiritera di comodo. Quando è il momento ci lasciate sempre fuori dalla porta!

  • Caro Damiano, sono rimasto impietrito da questa richiesta di deroga, di cui lei appare il portavoce e promotore.
    Ma le sembra possibile che per risparmiare un po di soldi a tutela dei danni provocati dalla fauna selvatica, non ci sia altra soluzione che la caccia in deroga ? Questa non è buona politica, è ASSERVIMENTO ALLE LOBBY DEI CACCIATORI, che con alcuni pretesti fanno passare per ambientalmente necessario una operazione che è motivata dal solo desiderio di esercitare il proprio hobby preferito.
    Spero che la prossima volta che si compie uno scempio del genere, le associazioni ambientaliste siano interpellate e possano esprimere le loro considerazioni in merito. Altrimenti la parola “buona politica” suonerà solo come vuota retorica.

    Non è la fauna selvatica a causare danni all’agricoltura, ma la mancata tutela del territorio dalla urbanizzazione selvaggia, unita a una politica che tutela gli agricoltori solo tramite “sovvenzioni” e non con politiche strutturali di sostegno della filiera locale.

    Cosa facciamo, abbattiamo tutti gli alberi per evitare di pagare i danni di un ramo ci può cadere in testa ? … ops, in parecchie città lo si sta già facendo…

    L’esercizio venatorio va regolato, ma non in maniera emergenziale, se dipendesse da me sarebbe proibito e basta, ma almeno regolato si, senza invocare a sproposito il governo.

  • Fringui

    No Paolo, il primo firmatario della risoluzione (e naturalmente tutti gli altri a ruota perchè trovarne uno che fa un ragionamento diverso dal mucchio è raro trovarlo) è un certo Mario Mazzotti, che dall’alto della sua saggezza politica si permette di dire che il “Governo è insipiente ed incapace”. Non ha ancora capito che alla favola del “gli altri sono cattivi e noi buoni” non ci crede più nessuno.

  • Caro Damiano,
    purtroppo siamo ormai abituati alle brutture politiche (eufemismo) che ci combina il governo ogni giorno, che ormai non ci sorprendiamo nemmeno più, ma ancora non siamo abituati (per fortuna), che provengano dalla nostra stessa regione, da gente che conosciamo, che vive nella nostra stessa città, che respira la nostra stessa aria,con cui abbiamo condiviso prospettive e progetti, no davvero non ce lo aspettavamo.
    Sono molto triste nel leggere le tue note odierne e soprattutto sono triste perchè si è svenduta la tutela di un territorio per 4 soldi, per 4 agricoltori, difesi dalle solite 4 associazioni di categoria e tutto per cosa? Per un territorio che abbiamo devastato noi: lo sanno tutti, anche i bambini lo studiano a scuola che la fauna selvatica,a causa dell’urbanizzazione selvaggia del territorio scende sempre più a valle alla ricerca di cibo, per via di un habitat compromesso non certo per causa loro. Vogliamo davvero nasconderci dietro i nostri stessi errori decretando la condanna a morte di una specie che vive i nostri territori, probabilmente molto prima di noi e che ha lo stesso diritto di sopravvivere come lo abbiamo noi? Mi sembra davvero che siamo tutti in preda a un delirio di onnipotenza. Siamo così piccoli da prendercela con loro invece di rimboccarci le maniche verso la soluzione di una condivisione naturale dell’ambiente dove TUTTI, ma dico proprio tutti hanno il diritto di vivere: questa soluzione esiste e si chiama tutela del territorio e per realizzarla ci vuole tempo, impegno e amore verso la natura, non certo dichiarandole guerra. Se almeno mi dimostraste che avete tentato tutte le strade possibili, che vi siete spesi per qualche soluzione, ci rimarrebbe ancora un pò di stima e soprattutto di speranza verso il vostro partito, ma come possiamo accettare questo “scambio di merce”, una deroga alla caccia in cambio di indennizzi? Abbiamo dato un prezzo a tutto e ci stiamo comportando come mercanti e, come in questo caso con le mani insaguinate, è il caso di dirlo. Considero la caccia, da quando non è più una necessità come ora di sopravvivenza, una delle cose più ripugnanti e non so come si possa definire un hobby e pure interessante, braccare animali indifesi con un fucile, un atto veramente di “grande coraggio e di lealtà”, non c’è che dire. Prima o poi arriverà un conto e anche bello salato e non riusciremo a risolverlo con una deroga, in cambio di “qualcos’altro” e forse sarà troppo tardi. Spero di avere presto notizie più confortanti in merito, spero di avere da te in particolare, perchè ti conosco, una spiegazione e un’altra soluzione.

  • Non conosco Mario Mazzotti (immagino sia del PD pure lui). In ogni caso, perché sostenerlo senza un minimo di dibattito ? Possibile che questi storni siano per gli agricoltori come la piaga delle cavallette ? Possibile che la soluzione sia pagare una marchetta ai cacciatori ? Possibile che ambizione del PD sia quello di dar spazio inevitabilmente a chi lavora per farlo sparire dalla scena politica ?

  • blubibulga

    E’ sorprendente cone in un sistema democratico, governato da norme, diritti e doveri, permangano sacche di anarchia palese, come quella osservata in ambito venatorio. A questo si aggiunge una totale mancanza di attenzione verso i problemi ambientali locali e globali. Che poi questa anarchia sia sostenuta dai partiti non è certo rassicurante per alcuno di noi. Non potremo non tenerne conto in sede di votazione.

  • Davide Caminati

    I cittadini devono partecipare a questi dibattiti, se veramente sono interessati…
    agire ex post purtroppo è sempre difficile (per non dire inutile)
    dobbiamo renderci conto che se vogliamo poter dire la nostra dobbiamo essere
    attivi e propositivi, e anche un po’ scassa… se necessario.
    Indignarsi, non basta più, iniziamo a manifestare anche rumorosamente se necessario.
    Difendiamo noi i diritti degli animali! (e i nostri)
    Sappiamo che con Bulbi, i cacciatori “hanno un santo in paradiso”…
    Credo che noi dobbiamo organizzare iniziative di pressione politica
    magari riusciamo a far alzare un po’ la temperatura in paradiso…

  • Sono assolutamente convinto che Damiano Zoffoli sia estraneo a questa porcata, nonostante il PD abbia “abbracciato” il documento degli agricoltori e dei cacciatori (pensando verosimilmente, ma sbagliando, di abbracciare anche i relativi voti).
    Chiedo pertanto che Damiano si esprima IN MERITO, difendendo e spiegando adeguatamente tale scelta se necessario, oppure mostrando il suo dissenso, che sarà ovviamente in empatia con il nostro.

  • Fringui

    Non mi pare proprio che Damiano sia estraneo alla cosa considerato che sulla risoluzione del Pd c’è anche la sua firma (ed è presidente della Commisisone che tratta le questioni ambientali). E mi pare che la sua posizione, Paolo, sia espressa chiaramente nel comunicato sopra.

  • Non penso sia Damiano in prima persona a scrivere e curare il blog (non ne avrebbe comunque il tempo materiale), quindi è sempre possibile che le reali motivazioni su un provvedimento siano ignote o non sufficientemente chiarite. E’ una apertura di credito nei suoi confronti. E’ per questo che chiedo si esprima pubblicamente. Magari il suo staff, in un eccesso di zelo informativo, scrivendo un post in questi termini ha commesso semplicemente una leggerezza che Damiano potrà chiarire.

  • Credo che a questo punto il PD, l’unica cosa possa fare, è vergognarsi profondamente e fare ammenda per i grossolani errori compiuti in materia di caccia!

    http://www.youtube.com/watch?v=U4phTewNLEM

    Guardate il filmato, estremamente istruttivo.

  • Fringui

    Se ci stanno sempre le stesse persone che portano avanti le stesse idee, come si può pretendere che cambi qualcosa? L’unica cosa che sanno fare è chiedere delle deroghe….perchè mettersi a un tavolo a ragionare con degli esperti in materia (e non solo con le associazioni che difendono gli interessei di qualcuno) per trovare soluzioni alternative è evidentemente troppo difficile. Sono convinta che la gente che ci amministra non è abbastanza evoluta per tutelare l’ambiente e le creature che lo abitano.

  • […] ci si può stupire troppo pertanto di leggere risoluzioni regionali come questa firmata da Damiano Zoffoli, in cui non solo si chiede a gran voce una deroga per la caccia agli storni, ma se ne approfitta […]

  • CACCIATORE

    Dopo tutto questo rumoreggiare su questioni che si dovrebbero conoscere prima di giudicare, vorrei che qualcuno ascoltasse anche le parole di chi vive la propria passione a contatto con la natura e la rispetta cogliendone i frutti che ci offre e facendo attenzione a non impoverirla troppo.Cacciare in modo consapevole e’ piu’ che possibile , perche’ noi cacciatori ( non bracconieri )ci teniamo che il numero di animali resti sufficiente;non siamo sfruttatori come si vuol far intendere senza comprendonio e Sandro Brina rappresentante di una associazione ambientalista dovrebbe fare da maestro in quanto conosce i problemi delle varie speci; perche’ non esplicita i problemi che portano le gazze,le cornacchie, le volpi?.Tutti animali da proteggere ma anche da contenere come gli storni che negli ultimi anni stanno crescendo in modo esorbitante,tanto da essere approvato dall’ISPRA IL LORO REINSERIMENTO COME SPECIE CACCIABILE.Vorrei inoltre che ognuno di voi facesse analisi di coscienza e pensasse se e’ giusto dare veleni nelle zone balneari,buttare dal finestrino ogni qualsivoglia porcheria(vedere margini strade piu’ trafficate),cementificare senza ritegno e senza logica? In ultimo se ognuno di voi subisse dei danni nel proprio lavoro e nessuno li risarcisse??Perche’ non ci sono fondi,perche gli storni,i lupi,le volpi,le nutrie,i piccioni,gli istrici SONO ANIMALI!!!Certo bisogna proteggerli ma nella giusta dose e quando ce ne sono troppi, bisogna contenerli e aiutare le altre speci a sopravvivere.Questo e’ molto importante perche’ e’ facile proteggere a priori finche’ i danni sono nelle tasche degli altri .VORREI INFINE CHE OGNUNO SI FACESSE SPEGARE DA BRINA QUANTE REGOLE DOBBIAMO RISPETTARE E PER QUANTI MOTIVI CI VIENE RITIRATO IL PORTO D’ ARMI. IO RISPETTO TUTTE LE VOSTRE IDEE PERO ‘ VORREI CHE ANCHE VOI VALUTASTE LE MIE, PERCHE A TUTTI STA A CUORE IL BENE DELLA NOSTRA NATURA MA CON LA CONSAPEVOLEZZA , DA PARTE MIA , CHE SIAMO UOMINI E CHE PER VIVERE, IN MILLE MODI LA SFRUTTIAMO MA NON DOBBIAMO DEVASTARLA.

  • sandro brina

    Leggo solo oggi questo delirio di cacciatore che mi pare pur con la doppietta in mano non abbia il coraggio di qualificarsi e resta anonimo. Ebbene signor nessuno la risposta è semplice: il mondo venatorio è possibile ha solo bisogno che si allontani velocemente dalla politica che per propri interessi lo inquina fortemente e di rispettare leggi e regolamenti che sono oltretutto distribuiti dalle Vostre sezioni cacciatori. Per il resto chi si comporta bene non ha nulla da temere. Potrei dilungarmi su quanto accade in questi giorni proprio in Provincia di Forlì Cesena con lo Storno e su come si sia fatto passare un cammello dalla cruna di un ago rendendo possibile l’impossibile addirittura interpretando provincialmente la caccia in deroga. In ultima analisi quale sport è mai quello che uccide un essere vivente? ma non è ora di smetterla?