Enti locali, ecco i criteri per accedere al riparto previsto dal Patto di stabilità regionale

Possibilità di spendere i soldi finora immobilizzati dal Patto di stabilità nazionale. Una boccata di ossigeno per il sistema economico e i fornitori. Domande degli Enti locali entro il 15 settembre

Partendo dalla Legge regionale sul patto di stabilità territoriale, approvata dall’Emilia-Romagna lo scorso dicembre, la Giunta ha approvato i criteri e la tempistica per permettere ai Comuni e alle Province di accedere al riparto delle quote di potenzialità di spesa che, la Regione e il sistema delle autonomie, potranno mettere a disposizione del sistema economico locale, nel rispetto dei limiti fissati dal Patto regionale. In questo modo gli Enti locali potranno provvedere con maggiore facilità al pagamento dei fornitori, riducendo le ristrettezze imposte dal Patto di stabilità nazionale.

“Mentre il Governo ha inasprito il Patto di stabilità nazionale – sottolinea il Consigliere regionale Damiano Zoffolila nostra Regione mantiene fede agli impegni assunti con il territorio e lavora affinché, quei Comuni e quelle Province che hanno risorse in cassa, possano spenderle. Per dare maggiori certezze ai territori sono stati definiti parametri chiari che individuano quali caratteristiche devono avere gli Enti locali per accedere al riparto delle potenzialità di spesa. Negli anni scorsi, benché non avessimo ancora a disposizione le flessibilità contenute nella Legge regionale, abbiamo messo a disposizione 70 milioni di euro di potenzialità di spesa regionale nel 2009 e 92 milioni di euro nel 2010”.

I criteri per accedere al riparto
I criteri indicati sono tre.
In primo luogo verranno privilegiati i Comuni e le Province che hanno maggiore necessità di pagamento sulle opere pubbliche già realizzate e che, quindi, potranno liquidare più celermente i fornitori.
In secondo luogo, al fine di favorire il rispetto degli impegni europei sul Patto di stabilità, saranno presi in considerazione quegli Enti locali che abbiano ridotto nel tempo il peso del debito procapite.
Infine, una particolare attenzione sarà rivolta agli Enti che hanno attuato politiche coerenti con la programmazione regionale per la realizzazione di spese d’investimento cofinanziate dalla Regione, dallo Stato oppure dall’Unione europea, in modo da poter utilizzare compiutamente tutti i finanziamenti assegnati.

Da un punto di vista pratico i Comuni e le Province che ritengano di soddisfare questi parametri dovranno far pervenire, alla Direzione Finanze della Regione, le proprie richieste entro il 15 settembre prossimo. Una volta fatte le valutazioni sulle risorse regionali, si procederà all’assegnazione delle quote.

Il Patto di stabilità territoriale della Regione Emilia-Romagna
Approvato nel dicembre 2010, punta a salvaguardare la qualità dei servizi pubblici dell’Emilia-Romagna, permettendo a Regione ed Enti locali di realizzare un programma di investimenti strategici adeguato e di poter disporre della flessibilità necessaria grazie ad un programma con obiettivi definiti annualmente rispetto alle esigenze e alle emergenze individuate.
Il rispetto del Patto di stabilità è garantito unitariamente a livello regionale, mentre vengono definiti un unico obiettivo territoriale e misure di controllo dell’indebitamento e di rilancio degli investimenti, mettendo a sistema i 189 Comuni, le 9 Province e la Regione.

È possibile scaricare la DELIBERA di Giunta regionale cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.