Dalla Regione 10,2 milioni di euro per la realizzazione di invasi di raccolta dell’acqua

Incentivi per realizzare o potenziare invasi destinati ai campi e agli allevamenti

La Regione Emilia-Romagna ha approvato il Programma operativo della Misura 125 “Infrastrutture connesse allo sviluppo ed all’adeguamento dell’agricoltura e della silvicoltura del Piano di Sviluppo Rurale e mette a disposizione 10,2 milioni di euro di incentivi a fronte di investimenti per la realizzazione e il potenziamento di invasi per la raccolta dell’acqua (da destinare all’irrigazione in agricoltura e agli allevamenti) e delle reti di distribuzione.

“I cambiamenti climatici in corso – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – che interessano anche la nostra Regione, richiedono scelte di governo delle risorse idriche sempre più attente e consapevoli. Risulta quindi sempre più importante lo sviluppo di una corretta gestione dell’acqua, attraverso fonti di approvvigionamento costanti che garantiscano al contempo la buona qualità, il contenimento dei consumi e un miglioramento dell’efficienza d’uso. La necessità di realizzare nuove infrastrutture di accumulo e distribuzione è diretta conseguenza dell’esigenza di migliorare la programmazione del processo irriguo, contrastando gli emungimenti privati incontrollati ed i prelievi da falde sotterranee, che sono una delle cause all’origine del fenomeno della subsidenza del territorio regionale”.

Le domande possono essere presentate, entro il prossimo 18 novembre, da Consorzi di scopo costituiti da almeno 20 imprese agricole.

Gli invasi di raccolta delle acque devono avere carattere interaziendale, essere al servizio delle imprese agricole aderenti al Consorzio, e avere una dimensione compresa tra 50 mila e 250 mila metri cubi.

Gli investimenti ammessi potranno avere una dimensione finanziaria tra 100 mila e 1 milione di euro. L’aiuto sarà concesso sottoforma di contributo in conto capitale e potrà coprire fino al 70% del totale della spesa.

Sarà riconosciuta la precedenza assoluta ai progetti al servizio di territori collinari e montani; avranno priorità i progetti che coinvolgono un più ampio numero di imprese oltre il livello minimo, la maggior estensione delle superfici asservite o la realizzazione ex novo di invasi con relative reti di adduzione.

“Con questa Misura – conclude Zoffoli – intendiamo favorire l’accumulo di risorse irrigue nelle stagioni a maggiore piovosità, attraverso la captazione di acque meteoriche e di corrivazione, consentendone l’utilizzo durante il periodo di maggiore carenza, per migliorare la gestione di quei terreni che, ad esempio, sarebbero costretti a prelevare l’acqua dalla falda. E diamo anche una risposta a quel ventaglio di nuove sfide, tra cui quella del risparmio idrico, che ci pone l’Unione Europea con la riforma Health Check”.

È possibile scaricare il testo della delibera cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Dalla Regione 10,2 milioni di euro per la realizzazione di invasi di raccolta dell’acqua

  • bernabini learco

    Purtroppo ancora una volta la politica agricola regionale mostra tutti i suoi limiti, l’acqua per le aziende agricole è una vera emergenza e lo è in particolare in collina e alla luce di quanto letto in materia di finanziamenti appare chiaro che le piccole aziende che sono il vero motore dell’economia agricola regionale saranno definitivamente escluse da ogni tipo di finanziamento. Già lo erano con le disposizioni precedenti dove la dimensione minima per eventuali benefici erano state portate da 500 metri cubi a 5000, figuriamoci con quelle future!
    L’esperienza degli invasi consorziali sono stati un fallimento 20 anni fà (vedi invaso di Casale di Cesena) non si capisce l’ostinazione a voler riproporre lo stesso modello che ha portato quasi al fallimento le aziende coinvolte.
    In ogi caso mi pare più che evidente che si vogliano favorire solo poche grandi aziende, sarebbe sufficente togliere tutti quei costi e quelle lungaggini burocratiche che sono il vero ostacolo allo sviluppo delle aziende.
    Nel nostro caso ci sono voluti 4 anni per l’autorizzazione, una montagna di carte e un costo di progettazione e documenti vari che hanno superato il costo dei lavori, una vergogna! altro che terzo mondo.
    Purtroppo i politici sono sempre più lontani dalla realtà e da chi lavora e produce, le aziende non devono vivere di finanziamenti ma allo stesso tempo non possono sciupare soldi e tempo in questo modo. penso che molti dei nostri problemi si possano risolvere a costo zero, bastano idee nuove e voglia di farlo.
    Cordiali saluti
    learco bernabini

  • Gentile Learco,

    cerco di risponderle utilizzando anche alcune dichiarazioni (in risposta a quesiti analoghi a quelli che lei pone) dell’Assessore regionale all’Agricoltura, Tiberio Rabboni:

    Il bando regionale che cofinanzia la realizzazione di invasi irrigui interaziendali prevede un minimo di venti aziende, ma questo numero è stato imposto da Bruxelles. Le 20 aziende sono state richieste dall’Unione Europea nel 2009, quando il provvedimento é stato inserito su nostra richiesta nel Piano di sviluppo rurale regionale, e all’epoca furono tutti d’accordo: associazioni agricole e Province.
    Modificare ora quel numero richiederebbe una nuova negoziazione ed approvazione del Piano da parte di Bruxelles, e dunque il rischio di molti mesi ancora di attesa. Per questo si é deciso di confermare quanto già previsto
    ”.
    Per la Regione, come vede, non era quindi possibile modificarlo di propria iniziativa, pena una ritrattazione a Bruxelles dell’intero Piano ed una ulteriore “lungaggine burocratica” per poter mettere a disposizione fondi per la nostra agricoltura.

    La collina non sarà penalizzata: “Nessun territorio é escluso dalle provvidenze e tutti i territori vedranno opere finanziate. Semplicemente é previsto qualche punto in più per i progetti provenienti dai territori collinari, perché le aree di pianura sono già servite da circa 20.000 km di canali di bonifica, gran parte dei quali con funzione irrigua di distribuzione primaria e secondaria”.

    Quanto alla politica agricola regionale, fa notare Rabboni: “questo é al momento l’unico provvedimento di una qualche consistenza per invasare acqua ad usi irrigui. Ed é un provvedimento regionale. Del Piano irriguo nazionale, sul quale dall’Emilia-Romagna sono stati presentati progetti per oltre 200 milioni di euro, non abbiamo invece più alcuna notizia”.

    Infine una mia considerazione sulla tanta burocrazia che, nonostante gli sforzi, come lei dice, è un onere per le nostre aziende. È anche per questo che, da alcuni di mesi, assieme alla Vicepresidente Saliera, stiamo lavorando ad un progetto di legge di semplificazione dei procedimenti amministrativi. Maggiori dettagli, li trova qui: http://www.damianozoffoli.com/2011/08/05/semplificazione-progetto-di-legge-regionale/.

    Un caro saluto,
    Damiano Zoffoli

    (Il testo integrale delle dichiarazioni dell’Assessore Rabboni li trova a questi link: http://salastampa.regione.emilia-romagna.it/comunicato.jsp?codComunicato=35122; http://www.regione.emilia-romagna.it/giunta/tiberio-rabboni-1/comunicati-stampa/@@comunicatodettaglio_view?codComunicato=35104).