In Emilia-Romagna ticket sanitari modulati sul reddito

Restano valide le attuali esenzioni. Il Presidente Errani: “Ci assumiamo la nostra responsabilità, con una manovra che ha un segno diverso e tutela chi è più debole”

I ticket saranno rimodulati in base al reddito, ma non si toccherà chi è già esente (per età, reddito, disoccupazione, invalidità e patologie croniche). È quanto ha stabilito la Regione Emilia-Romagna, con una delibera approvata ieri dalla Giunta.

Le misure sui ticket verranno applicate una volta completate una serie di adempimenti, tra cui l’adeguamento dei software per le prenotazioni, la predisposizione della modulistica per l’autocertificazione e la formazione degli operatori.

La farmaceutica
Per la prima volta in Emilia-Romagna, per i farmaci di fascia A erogati a carico del Servizio Sanitario Regionale, viene introdotto un ticket in base al reddito familiare lordo, che i cittadini dovranno dimostrare presentando un’autocertificazione.
Sarà di 1 euro a confezione a carico di assistiti appartenenti a nuclei familiari con reddito complessivo tra i 36.000 e 70.000 euro, fino a un massimo di 2 euro per ricetta. Nel caso in cui il reddito sia compreso tra i 70.001 e 100.000 euro, il ticket ammonterà a 2 euro per prescrizione a carico dell’assistito, fino a un massimo di 4 euro per ricetta. Infine, per assistiti appartenenti a nuclei con reddito complessivo superiore a 100.000 euro, il ticket sarà di 3 euro per prescrizione, fino a un massimo di 6 euro per ricetta.
Il ticket è previsto anche per i farmaci equivalenti e per quelli non coperti da brevetto. Nel caso in cui il cittadino non accetti la sostituzione proposta dal farmacista, oppure il medico abbia espresso la non sostituibilità, la differenza fra il prezzo di riferimento e il prezzo del farmaco prescritto dal medico è aggiuntiva rispetto al ticket.

Le esenzioni
Non pagano
il ticket sulla farmaceutica gli esenti per età e reddito; gli assistiti con patologia cronica e invalidante e i pazienti affetti da malattie rare; gli invalidi di guerra titolari di pensione vitalizia, gli invalidi per servizio, gli invalidi civili al 100% e i grandi invalidi per lavoro; coloro che hanno subito danni in seguito a vaccinazione obbligatoria, trasfusioni, somministrazione di emoderivati, limitatamente alle prestazioni necessarie per la cura delle patologie previste dalla Legge 210/1992; le vittime del terrorismo e della criminalità organizzata e familiari; i ciechi e i sordomuti; gli ex deportati da campi di sterminio titolari di pensione vitalizia; gli infortunati sul lavoro per il periodo dell’infortunio e per le patologie direttamente connesse purché indicato sulla ricetta; i disoccupati iscritti agli elenchi anagrafici dei Centri per l’impiego e i familiari a carico, i lavoratori in mobilità e i familiari a carico; i lavoratori in cassa integrazione straordinaria e i familiari a carico; i lavoratori in cassa integrazione “in deroga”.

La specialistica
Aumenta di 5 euro
la quota di compartecipazione del cittadino per le visite specialistiche: per la prima visita sarà di 23 euro, per quella di controllo di 18 euro. Chi era già esente, lo rimane.
Viene introdotto un ticket di 46,15 euro per le prestazioni di chirurgia ambulatoriale della cataratta e della sindrome del tunnel carpale.
Per quanto riguarda la risonanza magnetica e la TAC la compartecipazione del cittadino viene rimodulata sulla base della fascia di reddito del nucleo familiare: se inferiore a 36.000 euro, il ticket rimane invariato e quindi ammonterà a 36,15 euro; se compreso tra 36.001 e 100.000 euro, il ticket sarà di 50 euro (anziché 36,15); in caso di reddito superiore a 100.000 euro, il ticket ammonterà a 70 euro (anziché 36,15).
Viene introdotta una quota fissa sulla ricetta con prestazioni che da sole, o nel loro insieme, hanno un valore tariffario superiore a 10 euro. La quota è rimodulata in base al reddito familiare: se compreso tra i 36.000 e i 70.000 euro, la quota è di 5 euro; da 70.001 a 100.000 euro, la quota ammonta a 10 euro; infine, se il reddito è superiore a 100.000 euro, la quota è di 15 euro.

Restano valide le attuali esenzioni da ticket
Non pagano, dunque, gli esenti per età e reddito; le donne in gravidanza; gli assistiti affetti da patologia cronica e invalidante e i pazienti affetti da malattie rare; gli invalidi di guerra titolari di pensione vitalizia, gli invalidi per servizio, gli invalidi civili al 100% e i grandi invalidi per lavoro; coloro che hanno subito danni in seguito a vaccinazione obbligatoria, trasfusioni, somministrazione di emoderivati, limitatamente alle prestazioni necessarie per la cura delle patologie previste dalla Legge 210/1992; le vittime del terrorismo e della criminalità organizzata e familiari; i ciechi e i sordomuti; gli ex deportati da campi di sterminio titolari di pensione vitalizia; gli infortunati sul lavoro per il periodo dell’infortunio e per le patologie direttamente connesse purché indicato sulla ricetta; i disoccupati iscritti agli elenchi anagrafici dei Centri per l’impiego e i familiari a carico; i lavoratori in mobilità e i familiari a carico; i lavoratori in cassa integrazione straordinaria e i familiari a carico; i lavoratori in cassa integrazione “in deroga”; i detenuti e gli internati; i cittadini sottoposti a terapie del dolore; i donatori; le persone che devono sottoporsi a visita specialistica per idoneità sportiva, adozione, affidamento; i naviganti; le persone inserite nel programma odontoiatria (vulnerabilità sociale); le persone che necessitano di diagnosi precoce, prevenzione e profilassi.

“I ticket imposti oggi dal Governo furono già sperimentati nel 2007, per sei mesi, e poi tolti perché le Regioni dimostrarono che avevano un effetto boomerang sul Servizio Sanitario Nazionale, dirottando il 30% delle prestazioni sul privato. Con un doppio danno, quindi: ai cittadini e al Servizio stesso. Il Governo, prescindendo dagli effetti negativi, ha cancellato una parte di risorse che doveva riconoscere alle Regioni, e ha introdotto una norma che le obbliga a imporre i ticket. Noi – Regioni Emilia-Romagna, Toscana e Umbria – ci assumiamo la nostra responsabilità, varando una manovra che, pur essendo costrette ad applicare, ha un segno diverso e tutela chi è più debole: perché per noi, chi deve pagare di più è chi ha di più, e non chi è più malato” ha dichiarato il Presidente Vasco Errani.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

10 comments to In Emilia-Romagna ticket sanitari modulati sul reddito

  • Fringui

    Damiano, spero comprenderai anche tu che chi guadagna 36.001 euro non può essere paragonato a chi ne prende quasi il triplo (100.000) e pagare lo stesso ticket di 50 euro. Con scaglioni di reddito così ampi che proporionalità c’è?? Ragionate come quelli che stanno al Governo!

  • Cara Fringui,
    se davvero “ragionassimo come quelli che stanno al Governo” perchè fare una delibera ad hoc, proponendo soluzioni diverse?
    Perchè non applicare, invece, così com’era (ingiusta e iniqua, a mio avviso!) la manovra del Governo?
    Poi, come sempre, tutte le cose sono perfettibili.
    Va però detto che, ad esempio per la farmaceutica, gli scaglioni di reddito sono 3: 36.000, 70.000 e 100.000.
    Tu hai portato l’unico esempio (TAC e risonanza magnetica) in cui gli scaglioni sono 2: 36.000 e 100.000.
    Non conosco, nel dettaglio, il confronto che la Giunta ha fatto con i tecnici e i dirigenti (della nostra, e di altre Regioni) per arrivare a questa scelta.
    Ma penso che chi ha un reddito superiore a 36.000 euro, forse, possa pagare 50 euro (anzichè 36,15) per questo tipo di specialistica.
    No. Non è vero che le politiche, e i politici, sono tutti uguali!
    Un caro saluto,
    Damiano

  • Come si è arrivati alla negoziazione di questi esatti scaglioni di reddito? Con quali criteri sono stati calcolati?

    Trasparenza nella pubblica amministrazione non è soltanto sapere a posteriori le scelte fatte, ma soprattutto come si è arrivati a tale scelte. Sono numeri a caso? Sono calcolati per avere a regime, dai ticket, un gettito prefissato?

    Faccio un plauso al tentativo di modulare i sacrifici per fasce di reddito, è una costrizione del governo che la regione ha interpretato con una strada che cerca di ridurre i disagi. Vorremmo, noi cittadini consapevoli, essere anche informati sulle metodologie impiegate e sulle possibilità che abbiamo di poter esprimere opinioni affinchè si arrivi a scelte eque e condivise.

    Cosiderate che la sanità assorbe da sola i tre quarti del bilancio regionale, la vostra trasparenza dovrebbe essere MASSIMA.

    Cordiali saluti,
    Paolo Marani

  • Fringui

    Grazie per la risposta Damiano. Concordo sul fatto che che chi ha un reddito di 36mila euro può pagare un ticket di 50 euro, ma chi ne prende 100mila può sborsare molto di più, o no? D’accordo, non sarete proprio uguali a quelli che stanno al Governo, ma certamente si può fare di più, e meglio…
    Cari saluti.

  • Caro Paolo,
    come probabilmente sai, l’Assemblea Legislativa ha una funzione di indirizzo, programmazione e controllo sulle scelte e sulle politiche regionali, la cui assunzione, nel dettaglio, spetta poi alla Giunta.

    Nei giorni immediatamente precedenti alla decisione, come maggioranza, ci siamo confrontati e abbiamo scelto di modulare i ticket in base al reddito (ancor di più nei momenti di difficoltà è giusto che, chi ha di più, paghi di più).

    Posso poi dirti che i ticket sono stati calcolati per recuperare i tagli del Governo al Fondo Sanitario Nazionale (482 milioni di euro): questo vuol dire, per la ns Regione, meno 30 milioni di euro (nel 2011, perchè pari ad un semestre; 60 milioni di euro, invece, negli anni successivi).

    Non sono numeri a caso, seppur, come dicevo a Fringui, sempre perfettibili (è anche vero che chi ha un reddito di oltre 100.000 euro può probabilmente permettersi di pagare di più!).

    L’Emilia-Romagna si è confrontata, in maniera serrata, anche con le altre Regioni che hanno deciso (seppur costrette!) di deliberare iniziative simili.

    Infine, per maggiore trasparenza e completezza d’informazione, ho caricato nel mio sito (la puoi scaricare cliccando qui: Delibera 1190/2011) la relativa delibera di Giunta.

    Un caro saluto!
    Damiano Zoffoli

  • Fringui

    Quello di equiparare i redditi è un vizio che hanno anche a Cesena. Nella definizione delle nuove rette per le scuole dell’infanzia l’ultimo scaglione prevede un Isee oltre i 30mila euro. Da questa cifra in su vengono considerati tutti uguali e dunque pagano la stessa retta. Ma che ragionamenti sono? Ci vuole tanto ad aggiungere altri scaglioni per le fasce più alte? Perchè i nostri amministratori naturalmente pensano che una famiglia che ha un reddito di 30mila euro sia ricca! E questa sarebbe gente di sinistra!!

  • Fringui

    I ticket pensati dalla Regione sono modulati in base al reddito familiare annuo lordo: tanto per cambiare vengono penalizzate le coppie regolarmente sposate a scapito di singles e coppie di fatto.
    Forse gli amministratori della nostra Regione non arrivano a capire che la famiglia non è un affare che interessa esclusivamente la religione (e questa cosa è anche colpa dei politici cattolici che hanno sempre posto male la questione) bensì l’intera società italiana (l’articolo “La Costituzione italiana riconosce la famiglia come società naturale fondata sul matrimonio….” vi ricorda qualcosa?)

    Chi non si vuole sposare è liberissimo di farlo, ma lo Stato deve valorizzare e aiutare concretamente quelle coppie che si prendono un impegno ‘ufficiale’ con la società tramite un atto pubblico, che impone loro delle regole da rispettare (al contrario delle coppie di fatto che invece pretendono solo i vantaggi).

    Ha ragione chi accusa il Pd di avere due facce sul tema della famiglia, “una a Roma dove chiede di agganciare il contributo di solidarietà previsto dalla manovra del Governo al quoziente familiare, e una in Emilia Romagna, dove invece se ne frega bellamente della famiglia”.
    Oppure Damiano ci consigli a tutti di separarci per avere vita più facile?

  • Manuela Rontini

    cara Fringui,
    effettivamente, così come sono stati impostati, i ticket penalizzano le coppie regolarmente sposate.
    Ma la Regione è al lavoro per migliorare il meccanismo.

    Ti riporto, in merito, alcune dichiarazioni dell’Assessore Lusenti, diffuse ieri con un comunicato stampa:
    I tempi imposti dal Governo ci hanno portato a utilizzare lo strumento più immediato, che è l’autocertificazione. Ma stiamo già lavorando per mettere a punto uno strumento che introduca ancora maggiore equità“.
    Uno strumento già previsto e ribadito il 23 agosto scorso, quando la Regione ha siglato un’intesa con le organizzazioni sindacali e le associazioni del tavolo per l’imprenditoria sull’applicazione delle nuove modalità di contribuzione alla spesa per i soggetti non esenti. In quest’occasione, i firmatari si sono impegnati “a condividere un percorso per individuare strumenti più puntuali di valutazione della condizione economico-patrimoniale di ciascuna famiglia a cui fare riferimento per l’applicazione delle quote di partecipazione della spesa, partendo dallo strumento Isee“.
    Il nostro obiettivo – ha ribadito Lusenti – è tutelare i cittadini più deboli e le famiglie in difficoltà e piu’ numerose. Tutela di fronte a una misura sbagliata, imposta dal Governo. Per questo continuiamo e continueremo a lavorare per mettere a punto modalità più avanzate di valutazione del reddito, in modo da garantire sempre più equità, tenendo conto dei gravi e ormai universalmente riconosciuti limiti del sistema fiscale italiano. Ribadiamo comunque la nostra posizione, che è quella delle Regioni italiane: la scelta dei ticket è sbagliata, ed è per questo che abbiamo chiesto e chiediamo al Governo di superarli anche attraverso l’introduzione di una tassa sul consumo di tabacco“.

    Dici bene 2 volte quando scrivi che “la famiglia non è un affare che interessa esclusivamente la religione (e questa cosa è anche colpa dei politici cattolici che hanno sempre posto male la questione) bensì l’intera società italiana”.
    Penso anch’io che, a chi si sposa (non mi interessa se in Chiesa o in Comune) vadano riconosciuti maggiori diritti, poichè con il matrimonio la coppia assume, di fronte alla società, maggiori doveri.
    Forme disuguali non possono essere trattate in modo uguale!
    Lo diceva anche don Milani.
    Scopo della distinzione fra ciò che è famiglia e ciò che non lo è, pertanto, non è penalizzare i conviventi o negare i diritti umani della singola persona, ma promuovere le diverse qualità e potenzialità di umanizzazione contenute nelle diverse forme di relazioni tra le persone, riconoscendo inoltre quelle relazioni che si assumono un impegno pubblico di responsabilità sociale, come i coniugi fanno nel matrimonio.
    Bisogna, cioè, tenere assieme diritti e doveri, libertà e responsabilità.
    Questo, a mio avviso, è l’approccio che andrebbe usato quando si affrontano queste tematiche.
    Ed è anche l’approccio (mai strumentale!) che ho sempre osservato in Damiano.

    Un caro saluto,
    Manuela

  • Fringui

    @Manuela Rontini

    Grazie della risposta Manu. Purtroppo l’Emilia Romagna ha fatto una brutta figura rispetto alla Toscana, il cui presidente non ci ha pensato due volte a invitare i cittadini ”ad autocertificare il reddito sulla base dell’Isee, che rappresenta in modo migliore le effettive condizioni economiche di una famiglia, rispetto al reddito familiare annuo fiscale …”.
    Sempre la Toscana ha utilizzato scaglioni di reddito più equi: da36.151,98 a 70.000 euro, da 70.000,01 a 100.000 euro e oltre i 100.000 euro. Non come nella nostra Regione dove per Tac e risonanza magnetica chi ha un reddito di 36.000 e 100.000 paga lo stesso ticket. Anche su questo punto penso che don Milani non sarebbe molto d’accordo.

    Mi chiedo allora: perché due Regioni che sono amministrate dalla stessa forza politica (Pd) ragionano in modo così diverso? Io penso che in questi frangenti i nostri amministratori hanno semplicemente fatto vedere di che pasta sono fatti. Sono le persone, non i partiti, a far la differenza. Qui si è visto chiaramente come si sono rapportati con la questione ‘famiglia’.

    Un caso analogo è accaduto anche a Cesena, dove il Comune ha aumentato le rette degli asili nido e per la scuola materna: servizi fondamentali per le famiglie e le donne che vogliono continuare a lavorare anche dopo la maternità. E dare la colpa esclusivamente ai tagli del Governo significa non affrontare le proprie responsabilità. A Cesena il 70-80% del budget del welfare è destinato ai servizi per gli anziani, alcuni dei quali non essenziali. Questo perché la popolazione anziana è in costante aumento … ma forse anche perché i bambini, al contrario degli anziani, non votano.

    Ciao!

  • Manuela Rontini

    “Sono le persone, non i partiti, a far la differenza”.
    è propio così!
    un caro saluto Fringui!
    Manuela