Semplificazione, presentato un nuovo progetto di legge regionale

Creazione di un sistema di analisi e valutazione permanente dei procedimenti che interessano l’Amministrazione regionale e i cittadini, e l’azione amministrativa nel suo complesso. Attuazione di una sessione dell’Assemblea Legislativa – entro il mese di ottobre di ogni anno – dedicata alla semplificazione e adozione di specifici “piani di riduzione degli oneri”.

Sono, in sintesi, alcune delle novità contenute nel progetto di legge approvato dalla Giunta regionale contenente “Misure per l’attuazione degli obiettivi di semplificazione del sistema amministrativo regionale e locale. Istituzione della sessione di semplificazione”.

Obiettivi: elevare il livello di qualità dell’azione amministrativa e dei processi decisionali, semplificando i procedimenti e gli assetti organizzativi, in coerenza con le norme di razionalizzazione, statali e regionali, e sul contenimento della spesa.

L’innovazione più rilevante è l’istituzione di una sessione dedicata dell’Assemblea Legislativa, in cui si adottano le misure legislative utili a snellire le diverse leggi analizzate.

Per quanto riguarda la qualità degli atti normativi, il progetto di legge pone tra suoi i principi innanzitutto l’applicazione di meccanismi di valutazione preventiva degli effetti di proposte che possono avere ricadute dirette sulla vita dei cittadini e delle imprese, e sul funzionamento della pubblica amministrazione regionale e locale, secondo la disciplina dell’Analisi di impatto della regolamentazione (Air) introdotta dalla legislazione statale, e prevista dallo Statuto regionale. Saranno inoltre introdotti, in tutti gli atti normativi, clausole di valutazione e analisi dei costi e benefici.

Per quanto concerne i procedimenti amministrativi, sono previste la piena applicazione del criterio di appropriatezza, il rispetto della certezza, rapidità ed efficacia dei procedimenti e l’adozione, sia di tecniche finalizzate alla semplificazione, attraverso la Misurazione degli oneri amministrativi (Moa), sia di “Piani di riduzione degli oneri”.

“Questa è una legge ‘di metodo’ e rappresenta una novità assoluta nel panorama legislativo italiano – spiega Simonetta Saliera, Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna – in quanto mette a sistema gli strumenti di cui già disponiamo, evitando confusione e inutili duplicazioni. Il nostro obiettivo è quello di realizzare l’ambizioso progetto di un sistema unitario e concordato per il miglioramento dell’azione amministrativa, che tenga insieme Enti e strumenti, senza perdere di vista gli obiettivi finali dei procedimenti, dal momento iniziale a quello finale. Le prime norme di cui ci potremo occupare sono quelle sulla valutazione di impatto ambientale e un pacchetto di procedure nel settore dell’agricoltura”.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO DI LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.