Dal Piano ambientale regionale un milione e 628mila euro per Forlì-Cesena

CC - Martin Sojka

Sostegno alla raccolta domiciliare porta a porta, lavori agli scarichi fognari, centri comunali per il riuso dei materiali, nuove piste ciclabili. Sono i progetti ambientali che la Regione Emilia-Romagna ha finanziato in provincia di Forlì-Cesena, stanziando un contributo di 1 milione e 628mila euro sul totale di 4,7 milioni di euro previsti per i lavori, con l’intesa per l’attuazione del “Piano di azione ambientale per un futuro sostenibile 2011-2013”.

I primi a partire, entro l’autunno, saranno i lavori con progetto esecutivo presentato all’inizio del mese scorso.

Tra questi, quelli presentati da Hera per il potenziamento della raccolta domiciliare porta a porta nel Comune di Cesena (250mila euro il costo, finanziato dalla Regione con 125mila euro) e nel Comune di Forlì in zona 2 (236mila euro di costo, finanziamento regionale 118mila euro), la manutenzione straordinaria della discarica di Cà Antonioli a Savignano sul Rubicone (400mila euro, finanziamenti per 200mila euro), la realizzazione di una pista ciclabile lungo via Cavalli a Santa Maria nuova di Bertinoro (73mila e 800 euro il costo, 33mila e 600 euro il finanziamento).

Una seconda parte di interventi, con consegna lavori entro aprile 2012, riguarderà Forlì, Forlimpopoli, Mercato Saraceno, Cesenatico e le frazioni di Capannaguzzo e Pievesestina nel comune di Cesena.

Nel capoluogo provinciale sarà finanziata l’estensione del servizio di raccolta domiciliare dei rifiuti in zona 3 (contributo di 118mila euro sul progetto di 236mila euro) e la realizzazione di un percorso ciclopedonale su viale dell’Appennino a San Martino in Strada (100mila euro di contributo su 360mila euro di lavori).

A Forlimpopoli si realizzerà invece un centro comunale per il riuso dei materiali (30mila euro il costo del progetto, 15mila euro il contributo regionale). Intervento analogo a Mercato Saraceno, dove il centro comunale del riuso (costo 25mila euro) sarà finanziato con 12mila e 500 euro. Nel comune di Cesena, frazione Pievesestina, la Regione contribuirà con 100mila euro al progetto da 700mila euro per la realizzazione di una pista ciclabile.

Più consistenti gli importi per i lavori in capo a Hera. A Cesenatico la Regione ha messo sul piatto 500mila euro per il progetto (un milione e mezzo di euro il costo complessivo) di potenziamento dell’impianto di sollevamento e depurazione acque S9. A Capannaguzzo di Cesena, invece, il contributo di 306mila euro sosterrà un progetto da 930mila euro per il risanamento degli scarichi fognari.

“Si tratta di interventi trasversali e integrati tra loro – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli (Pd) – parte di una piano regionale da 23,6 milioni di euro, 6,3 dei quali saranno spesi direttamente dalla Regione. Con questi fondi la Regione vuole dare una risposta alle esigenze dei territori, aiutandoli in un percorso di crescita sostenibile e salvaguardia dell’ambiente. La scommessa sulla raccolta domiciliare e sui centri del riuso, poi, è segno di un’attenzione particolare al tema della riduzione dei rifiuti. Solo impegnandoci di più nella riduzione a monte dei rifiuti, infatti, potremo raggiungere l’obiettivo del 65 per cento di raccolta differenziata che ci siamo dati per il prossimo anno”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.