Associazionismo, bando regionale per finanziare progetti sociali

200mila euro a sostegno di iniziative delle Aps che valorizzino partecipazione e solidarietà

In arrivo dalla Regione un nuovo contributo a sostegno dell’associazionismo e della partecipazione. La Giunta regionale ha approvato un bando che metterà a disposizione 200mila euro alle Associazioni di promozione sociale (Aps) che presenteranno progetti volti a valorizzare l’associazionismo.

Per partecipare al bando i progetti dovranno essere presentati entro il 17 ottobre 2011. Possono fare domanda le associazioni iscritte da almeno un anno al registro regionale di cui alla Legge regionale 34/2002, art. 4, comma 3.

Verranno presi in considerazione progetti che promuovano una conoscenza dei principi e dell’evoluzione dell’associazionismo, rafforzino le sinergie tra i diversi livelli associativi, puntino al potenziamento dei servizi anche attraverso un aggiornamento degli aderenti e valorizzino il patrimonio delle associazioni storiche. Il contributo regionale per ciascun progetto non potrà superare i 20mila euro, mentre non potrà eccedere l’importo di 40mila euro per i progetti gestiti in rete da più associazioni.

Nella stesura della graduatoria verrà comunque data la priorità alle iniziative gestite in rete, ai progetti di formazione e aggiornamento dei quadri dirigenti, a quelli che riservano ruoli di responsabilità ai giovani e che coinvolgono un elevato numero di cittadini. Verrà inoltre data precedenza a quelli che prevedono un piano di monitoraggio degli obiettivi prefissati e che presentano una quota di autofinanziamento superiore al 50%.

Le domande devono essere sottoscritte dal legale rappresentante dell’associazione interessata e devono essere corredate da schede che illustrino gli obiettivi, i contenuti e la consistenza economica delle iniziative.

In questo modo la Regione intende essere al fianco del dinamico mondo delle Aps, una realtà che in Emilia-Romagna contribuisce fortemente al miglioramento della qualità della vita e alla crescita e allo sviluppo sociale del territorio, svolgendo attività negli ambiti di cultura, assistenza, sanità, ambiente, diritti umani, formazione, turismo, sport, protezione degli animali e valorizzazione della pace.

In tutta la Regione, al 30 giugno 2011, le Aps risultano 3437. Di queste, 910 hanno sede a Modena, seguono Bologna (707), Forlì-Cesena (330), Reggio Emilia (323), Ravenna (290), Ferrara (285), Parma (246), Piacenza (215), Rimini (131).

È possibile scaricare il BANDO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Associazionismo, bando regionale per finanziare progetti sociali

  • mauro

    il governo è alla frutta?
    è questa la tua preoccupazione quando è la tua coscienza di cattolico che è alla frutta. Perchè? Le scelte del consiglio regionale riguardo ai ticket sanitari che privilegiano le coppie di fatto alle famiglie, mandano ai giovani questo messaggio “viva la convivenza”
    ciao Damiano

  • Caro Mauro,
    innanzitutto bisogna, per amor del vero, chiarire che è stato il Governo ad aver imposto i ticket contro il parere di tutte le Regioni d’Italia che, al contrario, avevano proposto di finanziare gli 834 milioni di euro tagliati al Fondo Sanitario Nazionale con l’inserimento di un’accisa sulle sigarette e sul tabacco. Le Regioni, per di più, non hanno avuto scelta: il Decreto nazionale impone alle stesse di ricorrere ai ticket, pena la denuncia alla Corte dei conti per danno erariale e conseguente sospensione dei finanziamenti. Si tratta, dunque, di un obbligo di legge.
    La nostra Regione, a questo punto, anziché applicare in maniera indistinta il ticket aggiuntivo di 10 euro (uguale per tutti e per tutti gli esami), ha inteso modulare l’applicazione del ticket, introducendo criteri “più equi” che andassero a tutelare i cittadini con i redditi più bassi.
    Con i ticket del Governo, infatti, chi guadagna poco e chi guadagna molto pagherebbe la stessa cifra. È per questo che, fin da subito, li abbiamo definiti iniqui.
    Nel far questo, però, invece di introdurre il criterio dell’ISEE, l’Emilia-Romagna ha utilizzato esclusivamente il reddito familiare complessivo lordo.
    A mio avviso è un errore e confido che, come hanno già dichiarato Errani e Lusenti nei giorni scorsi, anche a seguito dei primi 2 mesi di sperimentazione, vi si porrà rimedio.
    Il mio impegno sarà convintamente in questo senso.
    Devo inoltre dirti che questa è stata una scelta della Giunta regionale, fatta in autonomia nel mese di agosto, senza confrontarsi con il Consiglio regionale, anche alla luce delle scadenze imposte dal Decreto del Governo. Solo questa mattina è stata convocata, sul tema, per un’informativa, la competente Commissione assembleare “Politiche per la Salute e Politiche Sociali”.
    Lo dico non per volermi giustificare, ma per raccontarti come sono andati i fatti.
    Infine non posso che osservare come questa situazione abbia nuovamente messo in luce la necessità di una riforma complessiva del nostro welfare che, a partire dal livello nazionale, metta davvero al centro la famiglia.
    La proposta del fattore famiglia, a parole condivisa da pressoché tutte le forze politiche, è la strada da percorrere anche nella nostra Regione.
    Un caro saluto,
    Damiano