Barriere architettoniche: in arrivo il contributo regionale

“Oltre due milioni e mezzo di euro per dare una speranza concreta a chi è stato abbandonato dal Governo”

La Legge n. 13 del 09/01/1989 ha istituito il Fondo nazionale per l’eliminazione ed il superamento delle barriere architettoniche che prevede la concessione, da parte dello Stato, di contributi a fondo perduto per la realizzazione di interventi per rendere accessibili gli edifici a portatori di menomazioni o di limitazioni funzionali permanenti. Gli interventi devono essere realizzati in edifici privati ad uso abitativo oppure in edifici, pubblici e privati, adibiti a centri o istituti residenziali per l’assistenza agli invalidi e debbono essere finalizzati a rendere accessibili e fruibili le aree in cui si trovano gli edifici.

Purtroppo – afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – da anni lo Stato non finanzia più questa Legge. La nostra Regione ha quindi deciso di sostituirsi, almeno in parte (con un contributo regionale che si attesta su circa il 10% dell’importo totale dei lavori) ad uno dei doveri disattesi dal Governo, verso le categorie più deboli. Senza sottovalutare il fatto che con 2 milioni e mezzo di contributi erogati la nostra Regione riesce a mettere in moto investimenti sul patrimonio immobiliare, da parte dei privati, di oltre 25 milioni di euro. Ossigeno puro, in un momento di crisi come quello attuale, per un settore che, più di altri, sta risentendo della congiuntura economica”.

Le tipologie di interventi più richieste riguardano l’accessibilità all’alloggio di residenza (rampe di accesso, montacarichi, adeguamento di porte ed ascensori), l’adeguamento degli spazi interni dell’abitazione alle mutate esigenze della persona non più libera di muoversi in autonomia (allargamento e rifacimento di bagno e sanitari, adeguamento di camere da letto e cucine) o la sistemazione degli spazi comuni di condomini. Non mancano interventi “particolari” quali l’installazione di dispositivi di segnalazione per non vedenti o l’acquisto di automezzi idonei al trasporto disabili.

Si tratta di interventi, anche relativamente semplici e che hanno importi non eccessivi, che portano enormi benefici alle persone disabili, consentendogli di accrescere il grado di autonomia e di restare a vivere in ambito familiare senza essere segregati in casa o costretti a trasferirsi in strutture sanitarie. È inaccettabile che il Governo non si renda conto di questo ed abbia da anni interrotto i finanziamenti, cancellando addirittura il relativo capitolo dal bilancio dello Stato, lasciando così poche speranze anche per il futuro” conclude Zoffoli.

In particolare, in Provincia di Forlì-Cesena, grazie al contributo regionale di 208.999,76 euro, saranno realizzati interventi per un importo complessivo di 2.048.182,16 euro.

È possibile consultare la TABELLA con il dettaglio degli interventi nei vari Comuni cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Barriere architettoniche: in arrivo il contributo regionale

  • Fringui

    Destinare dei fondi per questi interventi è importante, purtroppo manca ancora una ‘cultura’ in questo senso. Non sono solo i disabili infatti ad avere problemi di deambulazione, bensì una fascia ben più ampia della popolazione, come le persone anziane o i genitori con un passeggino.
    Anche sulla formazione di architetti e tecnici bisognerebbe investire di più: basti pensare che a Cesena lo scivolo di accesso al municipio è stato rifatto perché era troppo ripido ….

  • Pakkia

    Tre anni fa abbiamo accolto in casa mio fratello di 50 anni, rimasto solo dopo la morte di nostro padre. Mio fratello ha una tetraparesi spastica, ritardo mentale, ipoacusia e limitazione visiva. Per rendere fruibile il bagno, che aveva un gradino all’ingresso, abbiamo dovuto fare dei grossi lavori e affrontare una notevole spesa. Mi era stato detto che potevo chiedere il contributo al comune per abbattimento di barriere architettoniche; così ho fatto e non ho ottenuto niente. In quel momento non c’era disponibilità economica perché erano stati fatti dei tagli e non ho avuto contributi. Pensi che possa accedere all’attuale fondo per lavori di superamento di barriere architettoniche o, perso il treno, devo restare a terra?
    Grazie per il tuo impegno quotidiano.

    • Carissimo,
      ti confermo che, purtroppo, il Governo ha tagliato completamente i contributi per questi interventi circa dieci anni orsono.
      Valutati i benefici che questi finanziamenti hanno sempre portato ai cittadini, la nostra Regione ha deciso di sostituirsi allo Stato (nei limiti delle nostre possibilità economiche) ed ha finanziato questo bando.
      I contributi messi a disposizione sono stati suddivisi per tutti i Comuni della Regione, sulla base delle domande pervenute ai Comuni stessi nel corso degli ultimi anni.
      Occorre quindi verificare con il tuo Comune se la vostra domanda rientrava tra quelle ammissibili al finanziamento, ed è stata trasmessa alla Regione, e quindi potrà beneficiare del contributo regionale.
      Tienimi aggiornato sugli esiti della verifica che farai presso il Comune e, nel caso serva, ricontattami trasmettendomi gli estremi della vostra domanda, in modo che possa far fare una verifica anche qui in Regione.
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli