Rifinanziata la legge che riconosce la funzione sociale degli oratori e dello scoutismo

157.428 euro saranno destinati a progetti in Provincia di Forlì-Cesena, a sostegno dei giovani e degli adolescenti

Quella sulle giovani generazioni è stata una delle leggi regionali più importanti della scorsa legislatura. Adesso, dopo la positiva esperienza del precedente bando, è pronta la delibera di Giunta (approvata proprio oggi dalla competente Commissione assembleare) che mette a disposizione, per il 2011, 1.820.000 euro per sostenere il fitto tessuto di soggetti (associazioni, privato sociale, terzo settore, Enti locali) e luoghi di aggregazione che costituiscono la rete su cui poggiano le politiche giovanili del nostro territorio.

Di questi, 157.428 euro saranno destinati alla Provincia di Forlì-Cesena: 120.817 euro andranno a finanziare progetti e investimenti degli Enti locali (rispettivamente 29.289 euro per le attività e 91.528 euro per ristrutturazioni, adeguamento sedi e acquisto di strumenti informatici); 36.611 euro per sostenere le attività del privato sociale e dell’associazionismo.

In aggiunta a questi fondi, che sono stati ripartiti in base al numero di giovani presenti sul territorio provinciale, ci sono ulteriori 100.000 euro destinati a grandi progetti di valenza regionale. Tra questi potrebbero rientrare cooperative sociali che si occupano di giovani e adolescenti, il servizio regionale di Pastorale giovanile della Conferenza episcopale e le associazioni scoutistiche, che furono parte attiva nella costruzione della legge.

“I giovani hanno bisogno di spazi di aggregazione e divertimento – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – che permettano loro di crescere come persone, essere protagonisti ed evitare l’abbandono scolastico. Le Istituzioni pubbliche devono essere capaci di riconoscere le tante esperienze positive nate dalla società civile, nel mondo delle associazioni o nelle parrocchie. Nei fatti, è proprio quello che fanno questa legge e questo bando”.

I tempi sono stretti: le domande dovranno essere presentate entro le ore 17:00 del trentesimo giorno successivo alla pubblicazione sul bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna del presente bando, prevista la prossima settimana.

Non si tratterà di contributi a pioggia. – spiega Zoffoli – Per evitare una dispersione delle risorse, e rendere più incisivo il sostegno, saranno finanziati, con un contributo pari al 50% della spesa, solo progetti dal valore di almeno 5.000 euro, ristrutturazioni dai 20.000 euro in su o acquisto di attrezzature per almeno 8.000 euro”.

Questo bando, – conclude Zoffoli – è un esempio concreto di sussidiarietà, a sostegno di realtà che già ci sono e funzionano, e che potranno accedere alle richieste di finanziamento, per vincere la sfida dell’emergenza educativa e contrastare i fenomeni di bullismo. Anche in questo periodo di grande incertezza e difficoltà economica, la nostra Regione non si rassegna e investe sul futuro; e intervenendo a fianco delle famiglie, da una risposta ai bisogni delle nuove generazioni”.

È possibile scaricare il testo del BANDO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Rifinanziata la legge che riconosce la funzione sociale degli oratori e dello scoutismo

  • Silvana Manzitti

    Grazie per l’informazione. Un saluto e un augurio di buon lavoro

  • bravo perchè fai girare l’informazione e permetti a tutti noi di continuare a svolgere il lavoro con i giovani che tanto ci fa piacere ma ci impegna. Buon lavoro
    Maria Dari