Treni, inammissibile la soppressione dell’InterCity 608 Rimini-Bologna

Da Trenitalia una scelta scorretta e senza preavviso. Presentata un’interrogazione

“Riteniamo profondamente scorretto e ingiusto che, a discapito dei pendolari, Trenitalia possa cambiare l’orario senza fornire nessun preavviso o informazione, in deroga alla durata di quello affisso nel bacheche”. È il giudizio di Damiano Zoffoli, Tiziano Alessandrini e Mario Mazzotti in merito alla soppressione, a partire dal prossimo 13 settembre, del treno InterCity 608 che parte da Rimini alle ore 6:13 e arriva a Bologna alle 7:38 e che prevede fermate intermedie a Cesena, Forlì, e Faenza.

I Consiglieri regionali, che sull’argomento hanno presentato un’interrogazione alla Giunta, fanno presente che in mancanza del servizio i pendolari saranno costretti ad utilizzare il treno regionale veloce 2124 che vedrà aumentare il numero di passeggeri e il rischio, per quest’ultimi, di viaggiare in piedi.

“Questa soppressione, subita dagli utenti senza nessun confronto, che si sussegue ad aumenti tariffari, mancato rispetto del contratto di servizio, ritardi e tagli, – sottolineano ancora Zoffoli e colleghi – è un ennesimo atto di grande arroganza, non è più tollerabile”.

I Consiglieri chiedono pertanto se la Giunta regionale sia a conoscenza della soppressione e vogliono sapere quali provvedimenti intenda prendere, con urgenza, nei confronti di Trenitalia affinché venga mantenuto il treno InterCity 608 o perlomeno affinché il nuovo treno EsCity 9802 in partenza alle 6 da Rimini effettui le fermate intermedie, al momento non previste.

Nell’interrogazione si sottolinea, tra l’altro, come molti pendolari, anche grazie al contributo economico della Regione Emilia-Romagna che lo ha reso possibile, “si siano dotati di tessera Mi Muovo Tutto Treno per l’accesso ai treni a lunga percorrenza, sostenendo un costo aggiuntivo rispetto all’abbonamento annuale, ma che a causa della variazione annunciata non potrà più essere utilizzata nel viaggio di andata dal momento che il primo treno utile per raggiungere Bologna rimarrebbe quello che arriva alle 9:14, decisamente tardi rispetto ai normali orari d’ufficio”. Gli esponenti del Pd chiedono quindi all’esecutivo regionale “se non ritenga che tale comportamento, da parte di Trenitalia, sia inammissibile, in quanto gravemente lesivo dei diritti degli utenti”.

Infine, i Consiglieri ricordano che “l’ultima manovra del Governo, approvata in questi giorni al Senato, dal primo gennaio 2012 taglia tre quarti delle risorse (e dei trasferimenti a Regioni ed Enti locali) destinate al trasporto pubblico locale, mettendo seriamente a rischio i servizi ai cittadini”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

24 comments to Treni, inammissibile la soppressione dell’InterCity 608 Rimini-Bologna

  • Fringui

    Se Trenitalia fa quel che vuole la colpa è esclusivamente della Regione che non si fa rispettare e continua a pagare con i soldi dei cittadini un pessimo servizio. E’ inutile ogni anno lamentarsi ed esprimere solidarietà ai pendolari, meglio sarebbe ‘chiudere i rubinetti’ e riaprirli solo quando Trenitalia torna a rispettare il contratto di servizio.

    • Manuela Rontini

      “Ho incontrato l’amministratore delegato di Trenitalia, Vincenzo Soprano. Per la Regione Emilia Romagna quello che hanno fatto e’ inaccettabile, nei modi e nel contenuto. Ai danni provocati dalla manovra del Governo si aggiunge ora il comportamento di Trenitalia. Cosi’ proprio non va”.
      Con queste parole l’assessore ai Trasporti della Regione Emilia Romagna, Alfredo Peri, boccia oggi Trenitalia per la gestione delle corse nell’area romagnola.

  • Marina Tosi

    Sono una pendolare della tratta Bologna e Modena, e vorrei mettere in evidenza come la soppressione dell’IC 608 reca notevoli disaggi anche alle persone che erano solite utilizzare questo treno per raggiungere il loro uffici a Modena a Reggio Emilia a Parma. Come già ampiamente detto è inconcepibile che trenitalia sospenda un servizio senza alcun preavviso, inoltre tutti noi avevamo acquistato “la tesserina mi muovo tutto treno” per poter utilizzare quel treno, che ci faceva vivere il nostro status da pendolare con meno disaggio, ed ora cosa ci facciamo? In tutta questa situazione mi domando: noi abbiamo acquistato un servizio e trenitalia non ci permette più di usufruirne, ma tutto ciò è legale???

  • Maurizio Maiani

    Sono anche io un pendolare BOLOGNA – MODENA. La soppressione di tale treno non solo danneggia la parte est di Bologna ma anche la tratta Bologna – Milano. Questo era l’unico treno che si poteva usare in orario mattiniero che non facesse fermate nelle stazioni intermedie, che sono già ampiamente servite dalla Rete dei treni regionali, ma solo nelle citta capoluogo di provincia: modena, reggio emilia ecc…. Questo comporta aumento dei tempi e una situazione notevolmente degenerata sui regionali rimasti visto l’aumentare delle persone. Peraltro non oso immaginare quando inizierà il periodo scolastico / universitario. E’ una scorrettezza sotto ogni punto di vista. Auspico che il treno venga al più presto ripristinato.

  • Manuela Rontini

    Ho appena letto sul web (http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/cronaca/2011/09/14/581253-arrivano_rimborsi.shtml) questa notizia che, pur non essendo chiaramente risolutiva, penso possa essere interessante per i pendolari.
    Manuela

    Arrivano i rimborsi per i treni soppressi. Lo comunica il gruppo Fs

    “Rimborso integrale della Carta MiMuovo Tutto Treno Emilia Romagna ai clienti interessati dalla cancellazione degli InterCity 608 e 629 tra Rimini e Milano”
    14 settembre 2011 – Dopo il taglio delle corse arrivano i rimborsi. “Rimborso integrale della Carta MiMuovo Tutto Treno Emilia Romagna ai clienti interessati dalla cancellazione degli InterCity 608 e 629 tra Rimini e Milano. Saranno rimborsati tutti i mesi non utilizzati, compreso l’intero mese di settembre”, precisa oggi in una nota il gruppo Fs. Dopo la protesta dei sindaci romagnoli, ieri, e le critiche dell’assessore regionale Alfredo Peri per la soppressione di una coppia di Intercity Rimini-Milano, Trenitalia si limita a far presente che “i titolari di abbonamento mensile MiMuovo Es City-Ic valido per il mese di settembre e relativo a tratte interessate dalla cancellazione hanno diritto al rimborso integrale della quota parte residua non utilizzata”.

    I rimborsi in ballo potranno essere richiesti fino al 30 settembre, “esclusivamente dal titolare e dietro esibizione di un documento di riconoscimento valido, presso le biglietterie della regione, che provvederanno al rimborso immediato”, assicurano le Ferrovie. Che colgono l’occasione per tornare a ribadire quanto gia’ sostenuto ieri: “Gli InterCity 608 e 629, cancellati a partire dal 13 settembre, non sono inseriti in alcun Contratto di Servizio e non ricevono quindi contribuiti ne’ dalla Regione Emilia Romagna ne’ dallo Stato. Sono treni a mercato, che si dovrebbero sostenere economicamente solo grazie ai ricavi dei biglietti venduti. In questo caso, pero’, l’utilizzo e’ cosi’ scarso che i ricavi non riescono a coprire i costi e determinano ingenti perdite economiche a carico dell’azienda”.

  • Intili Enzo

    La gestione della tratta Forlì Bologna è ritorno e confrontabile solo con quella di un paese del Centroafrica, non dell’Europa. Sporcizia, condizionatori malfunzionanti, passeggeri stipati come bestie, zingari che si intrufolano tra le stazioni importunando i passeggeri, ritardi cronici.
    C’è una spiegazione per tali disservizi o è opportuno importare dirigenti meno pagati dall’Europa ove le cose appaiono addirittura idilliache se confrontate con la realtà italiana?
    Forse alla regione converrebbe gestire direttamente il traffico dei pendolari. Nessuno può fare peggio di così.

  • Cara Fringui,

    non è vero che se “Trenitalia fa quel che vuole la colpa è esclusivamente della Regione”.

    Come tu scrivi, la Regione affida la gestione dei servizi alle aziende ferroviarie stipulando “contratti di servizio”, che definiscono: il programma di esercizio annuale che le imprese ferroviarie si impegnano ad erogare; il proporzionale corrispettivo regionale; gli standard qualitativi (specificamente definiti) di puntualità e affidabilità, pulizia dei mezzi e delle stazioni, di miglioramento delle relazioni con l’utenza, con particolare riguardo agli aspetti legati all’informazione e al comfort, oltre che a eventi singoli di disservizio.

    Ma a fronte del mancato rispetto degli standard qualitativi, e dell’eventuale minore quantità del servizio erogato rispetto al Programma di esercizio concordato, la Regione applica alle Imprese ferroviarie riduzioni ai corrispettivi contrattuali.

    Parliamo, ogni anno, di oltre un milione di euro, come puoi vedere a pagina 159 (capitolo 5) del “Rapporto annuale di monitoraggio della mobilità e del trasporto in Emilia-Romagna” (maggio 2011): http://mobilita.regione.emilia-romagna.it/entra-in-regione/Pubblicazioni/rapporti-annuali-di-monitoraggio/rapporto-annuale-di-monitoraggio-della-mobilita-e-del-trasporto-in-emilia-romagna.

    Con queste risorse, ad esempio, nel corso del 2008 è stata riconosciuta agli utenti, abbonati dei servizi di competenza regionale sulla Rete Nazionale, la gratuità di un mese di abbonamento al servizio ferroviario.
    Un mese gratuito nel mese di maggio del 2009 è stato riconosciuto agli abbonati della linea
    Bologna-Portomaggiore per i disagi che hanno subito.
    E ancora, nel maggio 2010, la Regione ha riconosciuto agli utenti-abbonati dei servizi sulla Rete Nazionale per relazioni con almeno un’origine o una destinazione sul proprio territorio e a quelli, utenti ricorrenti dei servizi delle linee Bologna-Portomaggiore, Casalecchio-Vignola e Parma-Suzzara (linee sulle quali i disservizi sono stati particolarmente accentuati), un altro mese gratuito.

    Le penali sono quindi lo strumento attraverso cui la nostra Regione agisce a tutela degli utenti.

    Infine, aggiungo qualche altra informazione sul gestore e sulle tappe e scadenze future.

    Il Consorzio Trasporti Integrati (CTI) è il consorzio di società cui, con procedura di gara indetta dalla Regione nell’aprile 2005, è stato affidato il servizio di trasporto pubblico locale ferroviario di interesse regionale e locale in Emilia-Romagna. La gara è stata aggiudicata nel luglio 2007, con stipula del Contratto di Servizio nel marzo 2008.

    L’affidamento, che è partito dal 1° luglio 2008, e avrà termine il 30 giugno 2012.

    La nostra Regione, una delle poche in Italia, è quindi intenzionata a procedere ad una nuova gara d’appalto per l’affidamento dei servizi, dopo aver rifiutato la proposta di Trenitalia di procedere all’affidamento diretto di 6 anni, con un contratto a catalogo (basato sui tempi di percorrenza e non sui chilometri percorsi).

    Spero che queste informazioni siano state utili a fare maggiore chiarezza su quel che fa (e su come lo fa!) la nostra Regione, proprio perché lo fa “con i soldi dei cittadini”.

    Un caro saluto,
    Damiano Zoffoli

  • Aggiornamento: a questo link (http://www.damianozoffoli.com/wp-content/uploads/2011/09/RER__lettera_misure-urgenti-compensazione-IC-608.pdf) è possibile leggere la lettera recante “misure urgenti per compensare la soppressione IC 608/629” che la Regione ha inviato a Trenitalia.

    Un caro saluto a tutti,
    Damiano Zoffoli

  • Fringui

    ciao Damiano, grazie per la risposta, che rende le cose molto più chiare.

    Il Consorzio Trasporti Integrati è costituito, oltre che da Trenitalia, anche da Ferrovie Emilia Romagna (FER), azienda compartecipata dalla Regine Emilia Romagna (di cui detiene la maggioranza delle quote). Le penali che la Regione richiede per i disservizi, ricadono in parte anche sulla sua compartecipata (dato che si tratta di un Consorzio)?

    Cari saluti.

    • cara Fringui,
      certo che sì!
      La Regione, in termini contrattuali, si rapporta con il Consorzio Trasporti Integrati come se fosse un soggetto unico.

      Proprio il fatto che il CTI sia costituito, oltre che da Trenitalia, anche dall’azienda compartecipata FER, “obbliga” l’Emilia-Romagna ad usare lo stesso “metro di misura” (passami i termini); cioè è ugualmente rigorosa, nel richiedere le penali, sia che queste riguardino disservizi imputabili all’uno o all’altro soggetto. è un segno di coerenza e correttezza.

      Spero che adesso sia tutto chiaro.
      un caro saluto,

      Damiano

  • Pompignoli Annalisa

    Buongiorno, sono una pendolare di Forlì che utilizzava tutte le mattine il treno IC 608 per andare al lavoro a Bologna,

    Ho scritto questo a Trenitalia:

    E’ stato soppresso il treno IC 608 che partiva da Rimini alle 6.13, io e tanti altri pendolari lo utilizzavamo per andare al lavoro, la tratta di mio interesse era Forlì-Bologna, ora rimangono
    solo regionali in quella fascia oraria, stracarichi di gente. MI CHIEDO PERCHE ? Avete qualcosa contro di noi che siamo costretti a viaggiare tutti i giorni con i vostri treni e vi portiamo soldi ?
    Almeno fossero puntuali ! Lo avete oltretutto sostituito con un ES* City, il 9802 che parte da Rimini ed effettua la prima fermata a Bologna, voglio sperare che mezza Rimini lo prenda altrimenti sono costretta a chiedermi che senso ha ? Voglio sperare che a qualcuno torni un po’ di lucidità e lo rimetta al suo posto quel cavolo di treno. Grazie.

    Questa è stata la risposta:

    Gentile Signora Annalisa Pompignoli , rispondiamo alla sua segnalazione relativa alla soppressione del treno IC 608. Gli InterCity 608 e 629, cancellati a partire dal 13 settembre, non sono inseriti in alcun Contratto di Servizio e non ricevono quindi contribuiti né dalla Regione Emilia Romagna né dallo Stato. Sono treni a mercato, che si dovrebbero sostenere economicamente solo grazie ai ricavi dei biglietti venduti. In questo caso, però, l’utilizzo è così scarso che i ricavi non riescono a coprire i costi e determinano ingenti perdite economiche a carico dell’azienda. E’ stato previsto il Rimborso integrale della Carta MiMuovo Tutto Treno Emilia Romagna ai clienti interessati dalla cancellazione degli InterCity 608 e 629 tra Rimini e Milano. Saranno rimborsati tutti i mesi non utilizzati, compreso l’intero mese di settembre. I titolari di abbonamento mensile MiMuovo ES City-IC valido per il mese di settembre e relativo a tratte interessate dalla cancellazione, hanno diritto al rimborso integrale della quota parte residua non utilizzata. I rimborsi potranno essere richiesti fino al 30 settembre, esclusivamente dal titolare e dietro esibizione di un documento di riconoscimento valido, presso le biglietterie della regione, che provvederanno al rimborso immediato. Quanto riportato è stato segnalato anche tramite Comunicato Stampa consultabile sul nostro sito alla pagina FS NEWS in data 14 settembre 2011. Locandine riportanti l’informativa sono disponibili nelle p rincipali stazioni. .Distinti saluti

    Trenitalia S.p.A.
    Divisione Passeggeri N/I –
    Vendita e Customer Service Base Centro N/I

    Giovanni Sciarrone

    Sara’ vero ? Io appena avrò tempo andrò a Rimini a prendere il 9802 per fare una gita a Milano ma soprattutto per vedere quanta gente lo prende perchè so che l’ IC 608 era pieno, e visto che parlano
    di biglietti venduti voglio vedere quanti ne vendono per un treno inutile almeno a parere mio.

    Grazie e mi scuso per la lunghezza del messaggio.

  • Maurizio Maiani

    Salve, dopo tutti questi scambi di mail che riguardano peraltro rimborsi parziali ovviamente non risolutivi, gradirei sapere a che punto stanno le eventuali trattative intraprese con Trenitalia circa un ripristino dell’ IC 608. Sottolineo nuovamente che la problematica riguarda anche la tratta BOLOGNA-MILANO. In questi giorni (oltre a cancellazioni improvvise di treni regionali come il n. 2124 a causa di “GUASTO TECNICO”) la situazione dei treni in partenza da Bologna verso Modena e seguito sono degenerati: stamattina sul treno delle 7,32 si faticava a trovare un posto libero per sedersi !!!! Grazie ed un saluto.

    • @ Maurizio
      mi risulta che l’Assessore regionale Alfredo Peri incontrerà, nei prossimi giorni (la proposta, in attesa dell’assenso del CRUFER, è per venerdì pomeriggio), i comitati dei pendolari per aggiornarli sulla situazione e sulla risposta di Trenitalia in merito allo studio di fattibilità richiesto dalla nostra Regione.

      Ad oggi, personalmente, non ho altre informazioni. Ma sarà mia cura, come ho cercato di fare in questi giorni, pubblicare qui sul mio sito tutti gli aggiornamenti di cui dispongo.
      un caro saluto,

      Damiano Zoffoli

  • Manuela Rontini

    http://www.forlitoday.it/cronaca/tagliato-l-intercity-i-sindaci-colpo-mortale-ai-pendolari.html

    ‘Tagliato’ l’Intercity, i sindaci: “Colpo mortale ai pendolari”
    “Ciò che sta accadendo ai servizi ferroviari e, più in generale, al trasporto pubblico locale è assolutamente intollerabile”. E’ quanto dichiara l’assessore regionale alla Mobilità e Trasporti Alfredo Peri insieme ai sindaci di Faenza, Forlì, Cesena, Ravenna e Rimini. “Il governo, senza nemmeno il coraggio di dichiararlo apertamente, sta mettendo le Regioni e gli enti locali nelle condizioni di non operare tagliando le risorse fondamentali per garantire i servizi pubblici, rendendoli ancor più insicuri in una fase come questa”.

    “Con fatica, negli ultimi anni abbiamo investito e lavorato per migliorare la qualità, integrare le varie modalità e i territori, calmierare le tariffe e rendere più affidabili i servizi. Ora, il governo non paga Trenitalia che, cinicamente, taglia e riduce i servizi di sua competenza, come accaduto per gli Intercity che servono la Romagna e la Via Emilia. Al tempo stesso, con la manovra approvata, riduce le risorse del 75%, dando un colpo mortale alle esigenze dei cittadini e ai lavoratori delle stesse aziende dei trasporti”.

    Negli incontri avuti con il governo “tutte le Regioni, Anci e Upi – aggiungono assessore e sindaci – hanno chiesto con urgenza risposte chiare e atti concreti per risolvere questa situazione assolutamente insostenibile. Gli effetti negativi già si vedono. La riduzione di servizi nel bacino della Romagna, operato in modo unilaterale e senza preavviso, è lì a testimoniarlo”.

    La Regione, d’intesa con gli enti locali, sta cercando di individuare “una soluzione sostitutiva, che riduca il danno provocato da tale miopia”. Nei prossimi giorni verrà illustrata nei dettagli in un apposito incontro, così come richiesto anche dai sindaci delle città romagnole. “Rimane l’assoluta necessità – concludono assessore e sindaci – di dare a questo settore certezze e prospettive modificando, radicalmente, le scelte contenute nella manovra finanziaria del governo”.

  • Aggiornamento:
    come alcuni di voi già sanno, al posto del soppresso IC 608, verrà presto introdotto un treno regionale veloce che partirà da Rimini alle 6:15 ed arriverà a Bologna alle 7:30, con fermate intermedie a Cesena, Forlì e Faenza. Del costo necessario a garantire questo treno si farà completamente carico la Regione, per un importo di 600 mila euro.

    Per maggiori dettagli:
    ho provveduto a caricare (potete consultarlo a questo link: http://www.damianozoffoli.com/wp-content/uploads/2011/10/CRUFER__verbale_5-ottobre-2011.pdf) il verbale, redatto dal CRUFER, della riunione di venerdì scorso tra la Regione, Trenitalia e i comitati dei pendolari.

    In particolare, estrapolo, e riporto qui di seguito, alcuni passaggi:
    (…)
    PROPOSTA PER SUPPLIRE ALLA ELIMINAZIONE DI TRENI DELLA L.P. NELLA TRATTA BO-RN
    Questa soppressione del servizio, motivata da Di Ruzza come “poco redditizia”, impedisce di fatto agli utenti l’utilizzo della carta MMTT già pagata e per la quale se ne prevede il rimborso.
    La Regione ha tentato il ripristino di questa coppia di treni molto utilizzati dai pendolari romagnoli sia per la velocità nel collegamento (fermate intermedie a Cesena, Forlì, Faenza) sia per la possibilità di utilizzo con carta MMTT.
    La Regione, con difficoltà, si farà carico dello stanziamento dell’importo di 600.000 €, per garantire un nuovo regionale veloce Rimini – Bologna (con fermate intermedie a Cesena, Forlì e Faenza) con partenza da Rimini alle 6.15 ed arrivo a Bologna alle 7.30.Nella fascia serale sarà prolungato un treno proveniente da Milano fino a Rimini, con partenza alle 22.35 da Bologna ed arrivo a Rimini alle 23.50 (fermate a S. Lazzaro, Ozzano, Faenza, Forlì, Cesena) e composto da 8 carrozze MD.
    I nuovi servizi saranno fruibili a breve (si prevede un tempo massimo di circa 10 gg). A tale scopo la Regione inoltrerà apposita comunicazione.
    (…)
    Lara Cirielli e Pascale Buda riconoscendo alla Regione il merito per l’introduzione di un nuovo treno regionale veloce in sostituzione dell’IC soppresso d’iniziativa da Trenitalia, chiedono con forza di intervenire sulle tratte romagnole per le restanti problematiche e si impegnano ad inoltrare alla Regione nuovamente una nota con le richieste del caso.

  • Antonio

    Purtroppo una soluzione a metà… c’è un motivo specifico per cui la tratta BOLOGNA-MILANO non debba essere considerata?

  • Piero

    Ovviamente Trenitalia ha assegnato una nuova numerazione per questi regionali (33979 -33978) introdotti in sostituzione dell’Intercity.Questo per evitare che la gente sappia che il materiale prosegua/provenga per/da Milano come 2276 e 2287?Il Sipax e il sito di Trenitalia presenteranno due treni differenti,quando non è cosi’.Vorrei che la regione pubblicizzasse questo aspetto (come per i treni 2064-2068 che effettuano Ancona – Torino e non Ancona – Piacenza come riportato, cambia solo la numerazione.Ciò vale anche per i rispettivi dispari).

  • Antonio

    Scusi ma lei in pratica mi sta semplicemente dicendo di prendere il treno successivo in quanto quello delle 7.52 era un treno che esisteva già da prima della soppressione dell’IC608. Con il treno Bologna – Milano delle 7.52 i tempi di percorrenza di allungano (solo per arrivare a Modena) di ben 20 minuti. Venendo da Molinella, complice soprattutto il cambio di orario dell’anno scorso, sono impossibilitato a prendere gli altri treni.

  • il testo della risposta alla nostra interrogazione, che contiene anche tutti i dettagli per rispondere ai vostri quesiti, lo trovate qui: http://www.damianozoffoli.com/wp-content/uploads/2011/10/DZ__interrogazione_soppressione-treno-IC_risposta.pdf

  • Alessandro Betti

    Sono un italiano che lavora all’estero (da ormai quasi 16 anni) e piu’ precisamente in Svizzera.
    La mia famiglia abita a Castel San Pietro Terme (Bologna) ed io torno a casa ogni week-end in treno, partendo ovviamente quando il lavoro me lo consente e spesso dopo le ore 17.00 arrivando alla stazione di Bologna Centrale verso le 00.19 e talvolta anche alle 1.24. Con il nuovo orario (in vigore a partire da metà dicembre 2011) Trenitalia ha soppresso tutti i collegamenti da Milano Centrale a Bologna Centrale dopo le ore 20.20, orario in cui parte l’ultimo Freccia Rossa. Successivo collegamento utile per Bologna alle 5.50 del giorno dopo! Ma è possibile che questa gente stravolga quello che è sempre stato un servizio del popolo e lo voglia trasformare in un servizio pseudo-extralusso aumentandone a dismisura i prezzi e limitandone il servizio? A mia memoria (ho 55 anni) il treno è sempre stato un servizio destinato a tutti i segmenti della popolazione, e soprattutto fondamentale per la mobilità della gente italiana. Che cosa intendono fare? Di chi è la colpa?
    Grazie.
    Alessandro Betti

    • Gentile Alessandro,
      i tagli del Governo Berlusconi\Tremonti (siamo passati da circa 116 milioni di euro del 2010, a poco più di 21 milioni di euro per il 2012. Supera, cioè, l’80% nel giro di due anni, il calo dei trasferimenti statali alla Regione Emilia-Romagna per il trasporto pubblico locale) e le scelte unilaterali di Trenitalia mettono in difficoltà, nostro malgrado, le persone che, come lei, utilizzano il treno per raggiungere la propria famiglia o i pendolari che, quotidianamente, si spostano per esigenze di studio o di lavoro.
      Il trasporto pubblico locale, come lei scrive, è un servizio indispensabile che, tra l’altro, coniuga diversi importanti vantaggi: un minor inquinamento ambientale, un minor congestionamento delle strade, una mobilità più sostenibile; insomma, un miglioramento della qualità della nostra vita.
      Togliere risorse al trasporto pubblico (treni, autobus, …) è, a mio avviso, un grave errore strategico: non solo si limita il diritto alla mobilità dei cittadini, ma si aumentano i costi sociali legati all’incidentalità, si deprimono l’economia e lo sviluppo del nostro Paese.
      Mi chiede cosa intendiamo e, aggiungo io, cosa possiamo fare.
      Faccio un esempio. Nei mesi scorsi, come avrà visto qui sopra, Trenitalia ha unilateralmente soppresso gli Intercity 608/629 che collegavano la Romagna a Bologna.
      In quel caso la nostra Regione, facendosi carico di uno stanziamento di 600.000 euro, ha garantito un nuovo treno regionale veloce che parte da Rimini alle 6.15 e arriva a Bologna alle 7.30, con fermate intermedie a Cesena, Forlì e Faenza. Nella fascia serale è invece stato prolungato fino a Rimini un treno proveniente da Milano.
      Successivamente, a metà novembre, anche grazie alla segnalazione del Comitato pendolari della Romagna (RomBo), abbiamo appreso che era intenzione di Trenitalia apportare significative modifiche al nuovo orario dei treni, in vigore dal prossimo 12 dicembre 2011, cancellando molte fermate intermedie ed eliminando diversi treni a lunga percorrenza.
      Assieme ad altri Consiglieri regionali abbiamo immediatamente presentato un’interrogazione (http://www.damianozoffoli.com/2011/11/22/preoccupazione-in-romagna-per-il-nuovo-orario-dei-treni/) per chiedere un intervento della Regione rispetto al nuovo orario della tratta Rimini-Bologna.
      Il Presidente della Regione Vasco Errani ha scritto all’Amministratore delegato delle FS, Mauro Moretti, “per lamentare la soppressione, appresa solo in questi giorni secondo una prassi divenuta ormai consueta, di diversi treni della lunga percorrenza della dorsale centrale Milano-Rimini” (http://salastampa.regione.emilia-romagna.it/comunicato.jsp?codComunicato=36008).
      È di oggi la notizia che qualche risultato è stato ottenuto (http://www.forlitoday.it/cronaca/treni-fermate-eurostar-city-Milano-Rimini.html).
      Ma non basta. Continueremo con forza a chiedere ulteriori sforzi a tutela dei cittadini-pendolari, bistrattati dalle scelte di Trenitalia, e lavoreremo perché cessi, quanto prima, una politica aziendale che spinge al ribasso tutti i servizi.
      Mi scuso se sono stato un po’ prolisso…
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli

  • lorenzo

    salve, mi chiedo come è possibile che Trenitalia sopprima il treno delle 20.20 il sabato e durante le feste (vedi lunedì 30 aprile a cavallo del primo maggio) sulla tratta Milano-Rimini… giustificandosi che non hanno passeggeri a sufficienza per ricoprire le loro spese (questa è stata la loro risposta)

    • Spiace constatare, per non dire altro, come Trenitalia, società di trasporto controllata al 100% da Ferrovie dello Stato, sia molto lontana, con comportamenti come questo, dal concetto di servizio pubblico.
      A questo si aggiunge il fatto che, come ha evidenziato l’Assessore regionale Peri, la Regione Emilia-Romagna non è stata informata preventivamente da Trenitalia sulle scelte dell’orario invernale (entrato in vigore dall’11 dicembre 2011) che hanno provocato, come anche lei segnala, numerosi disagi nel servizio ferroviario, ma le ha apprese solo dopo la sua pubblicazione.
      Chiudo, però, con una buona notizia!
      Infatti, anche a seguito delle sollecitazioni della nostra Regione, si prospetta, per il nuovo orario estivo (in vigore a partire dal prossimo 10 giugno), una positiva riorganizzazione dell’offerta per la tratta Milano-Ancona: Trenitalia ha rivisto l’offerta di treni notturni, 2 coppie dei quali verranno attestate a Milano e non più a Bologna, ripristinando così le possibilità di un rientro da Milano a Bologna alle 20:50 e alle 21:50.
      Maggiori informazioni le trova qui: http://salastampa.regione.emilia-romagna.it/comunicato.jsp?codComunicato=37707.
      Un cordiale saluto,
      Damiano Zoffoli