Scuola, l’Emilia-Romagna ricorre contro la finanziaria del Governo

Contro l’impoverimento delle strutture scolastiche nelle zone montane: “Drammatico colpire zone già deboli e svantaggiate”.

La Regione Emilia-Romagna ha deliberato di ricorrere alla Corte Costituzionale contro le disposizioni contenute nella manovra finanziaria del Governo varata il 15 luglio scorso, nella parte che riguarda l’organizzazione scolastica e che impone la creazione di istituti scolastici comprensivi costituiti da un numero minimo di 1000 alunni, 500 nelle scuole di montagna.

Il Governo ha infatti previsto, all’art. 19 del decreto legge n. 98, che dall’anno scolastico 2011-2012 le scuole dell’infanzia, le scuole primarie e le scuole secondarie di primo grado debbano essere aggregate in istituti comprensivi, con la conseguente soppressione delle istituzioni scolastiche autonome. L’Emilia-Romagna ritiene che la materia dell’organizzazione scolastica sia oggetto di potestà normativa concorrente e che allo Stato spetti la sola emanazione delle norme di principio, mentre alle Regioni competono le disposizioni di dettaglio.

“La Corte Costituzionale già in passato ha confermato la nostra interpretazione sul tema – spiega l’Assessore regionale alla Scuola Patrizio Bianchi  – a partire dalla sentenza n. 13 del 2004. Da tempo abbiamo avviato una politica di ottimizzazione del dimensionamento scolastico, ma sempre con un processo di concertazione con le comunità locali. Nella nostra Regione il 60% delle scuole sono già istituti comprensivi, ma imporre i 500 alunni nei territori di montagna significherebbe accorpare situazioni molto lontane tra loro, e di fatto annullare il radicamento delle scuole sul territorio”.

Quello delle scuole di montagna è, da sempre, un tema caro al Partito Democratico. Nella seduta del 27 luglio scorso, l’Assemblea Legislativa ha infatti approvato una risoluzione, proposta dai Consiglieri PD, che impegna la Giunta regionale a proseguire gli sforzi intrapresi perché “il sistema dell’istruzione sia il terreno prioritario di investimento e qualificazione ed a tenere in primaria considerazione la presenza funzionale della rete scolastica sull’intero territorio regionale, evitando, in particolare, l’impoverimento di strutture scolastiche nelle aree montane.

È drammatico che questo Governo, nel decidere processi di razionalizzazione di spesa, scelga di punire le situazioni strutturalmente più deboli. – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – Le aree montane, da sempre alle prese con carenze infrastrutturali e con problemi di spopolamento e di isolamento, non potrebbero sostenere altri aggravi. L’istruzione è un servizio fondamentale per i cittadini, se una scuola chiude le famiglie se ne vanno”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Scuola, l’Emilia-Romagna ricorre contro la finanziaria del Governo

  • francesca

    NON SE NE PUO’ PIU’!!!!!
    NONOSTANTE IL FATTO CHE SIAMO OBBLIGATI A PAGARE FIOR DI QUATTRINI PER MANDARE I NOSTRI FIGLI A SCUOLA CHE SIA DELL’INFANZIA (SCUSATE SE è POCO…€.22O DI RETTA MENSILE…)PRIMARIA O MEDIA ECC…DOVREBBERO STENDERE I TAPPETI ROSSI ALL’ENTRATA…NON ABBIAMO NEAMCHE IL MINIMO SERVIZIO RICHIESTO, NON CI SONO ” BIDELLE” A SUFFICIENZA PER LE PULIZIE E PER ACCOGLIERE GLI ALUNNI NEL PRE SCUOLA, DOBBIAMO PORTARE NOI GENITORI LA CARTA PER IL BAGNO, PER ASCIUGARSI LE MANI, FAZZOLETTI, BICCHIERI DI PLASTICA….SPERANDO POI DI TROVARE LE MAESTRE CHE ABBIANO VOGLIA DI INSEGNARE…PER NON PARLARE DEI TAGLI ALLE ORE DI INSEGNAMENTO, UN VERO SCHIFO, STIAMO RASENTANDO IL FONDO.
    LA VOLONTA’ DI QUESTI GRAN SIGNORI SEMBRA QUELLA DI RENDERCI UN POPOLO DI IGNORANTI.