Con la manovra del Governo rischio estinzione per il trasporto pubblico locale

Le Regioni, in segno di protesta e in attesa di risposte concrete, hanno riconsegnato i contratti per il trasporto su ferro e gomma

Il trasporto pubblico locale, e i treni per i pendolari in particolare, saranno pesantemente danneggiati dall’ultima manovra approvata, proprio in questi giorni, dal Governo.

Autobus e ferrovie regionali rischiano di essere fermate dai tagli che, secondo i dati forniti da Legambiente, incideranno per ben il 75% sui servizi per i pendolari.

Se nel 2010, infatti, c’erano a disposizione 1.714 milioni di euro, con la manovra dello scorso anno, per il 2011 gli stanziamenti erano già stati diminuiti a 977 milioni di euro (di cui 425 milioni ottenuti solo dopo le proteste dei Governatori, ma in realtà mai trasferiti alle Regioni). Per il 2012 si parla di soli 400 milioni di euro.

In Emilia-Romagna questo vuol dire meno 71 milioni di euro.

Una prospettiva drammatica per oltre 1 milione di emiliano-romagnoli che ogni mattina usano i mezzi pubblici per spostarsi per motivi di lavoro e di studio.

Quando Berlusconi afferma, con questa manovra, di non aver messo le mani nelle tasche degli italiani, e poi taglia del 75% le risorse al trasporto pubblico locale, prende in giro i cittadini due volte.

I nuovi tagli renderanno drammatica una situazione già critica. Un trasporto pubblico efficiente è un modo concreto e immediato per migliorare la qualità della vita dei cittadini, per ridurre il traffico privato e l’inquinamento delle città.

Meno treni significherà, invece, più auto in circolazione, prezzi più alti negli spostamenti, città più congestionate e inquinate, maggiori disagi per i pendolari che già ora viaggiano su treni spesso vecchi e superaffollati.

Ad essere penalizzate, come sempre, saranno le fasce meno abbienti della popolazione.

Ma le Regioni non ci stanno, e hanno deciso di far sentire la loro voce, riconsegnando al Ministro Fitto tutti i contratti per il trasporto pubblico locale.

È un atto che ha certamente un carattere simbolico, ma anche sostanziale, dal momento che, senza fondi, non sarà possibile far circolare autobus e treni locali; e ha un solo fine: trovare le risorse per dar seguito ai contratti (pluriennali) stipulati con le aziende di trasporto.

Il deficit causato dal taglio ai trasferimenti non potrà essere compensato da aumenti di tariffe o piani di riduzione: nessun palliativo potrebbe compensare uno squilibrio come quello che si prospetta.

In questo difficilissimo momento ci sono obiettivi che si possono e si debbono perseguire riducendo costi gestionali, evitando ridondanze e combattendo gli sprechi, seguendo un percorso serio di piena assunzione di responsabilità come giustamente il Presidente Napolitano ha invitato a fare.

In questo momento ciascuno deve fare la propria parte e l’Emilia-Romagna, lo ha già dimostrato, è pronta ad assumersi le sue responsabilità.

Ma se dal Governo non arriveranno risposte concrete, non cesseranno le azioni di protesta con cui tutti gli Enti locali si impegneranno a rendere ancora più evidenti le gravissime conseguenze della manovra su famiglie e imprese.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Con la manovra del Governo rischio estinzione per il trasporto pubblico locale

  • deanna

    Finalmente la regione si è svegliata!! Il trasporto ferroviario locale fa già pena adesso. Treni con orari che non si prendono con niente! Stazioni fatiscenti! Carrozze ante guerra! A volte per lavoro vado da Gatteo a Ravenna con il treno. Sarò sfortunata ma mi è sempre capitata la carrozza senza riscaldamento d’inverno e senza aria condizionata ma con i finestrini sigillati d’estate!!
    Il problema è che i nostri ragazzi devono andare a scuola..io domani devo pagare l’abbonamento per mia figlia …ma sono veramente indecisa.. perchè temo che la situazione peggiori!
    ciao Damiano, continuate su questa strada!!