Contributi e percorsi formativi per l’auto impiego: al via la selezione

Sono stati pubblicati gli inviti delle Provincie per la selezione dei partecipanti ai percorsi formativi per l’auto impiego predisposti nell’ambito dell’azione di sistema Welfare to work. Possono accedervi le persone intenzionate ad avviare un’impresa o un’attività autonoma.

Le domande di partecipazione devono essere presentate alla Provincia di residenza utilizzando la modulistica che può essere scaricata dai siti dedicati delle Province o richiesta direttamente alle stesse. La scadenza è il 10 ottobre 2011 per tutte le Provincie ad eccezione di Modena (posticipata al 12 ottobre).

L’azione di sistema Welfare to work ha l’obiettivo di favorire il reinserimento nel mercato di lavoro di persone in particolari condizioni di difficoltà occupazionale. Nello specifico gli inviti sono rivolti a genitori soli con figli a carico e a persone seguite dai servizi sociali che intendano costituire un’impresa individuale o una società, o intraprendere un’attività autonoma, di nuova costituzione, in forma individuale o associata.

Le persone selezionate dalle Province saranno informate sulle modalità di accesso ai percorsi formativi individualizzati e ne dovranno fare richiesta entro 15 giorni dalla comunicazione provinciale, pena l’impossibilità di beneficarne. La scelta dell’ente presso cui fruire della formazione sarà poi effettuata dall’interessato.

Le persone che parteciperanno ai percorsi formativi per l’auto impiego riceveranno, a partire dalla data di inizio del percorso, un sostegno al reddito dell’importo di 2.250 euro, la cui erogazione sarà curata dall’INPS dietro comunicazione della Regione Emilia-Romagna.

È poi prevista l’erogazione di una seconda tranche, del medesimo importo di 2.250 euro, all’effettivo avvio dell’impresa e dell’attività autonoma programmata.

È possibile consultare le pagine delle Province, dedicate alla pubblicazione degli inviti, cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.