Il dialetto a portata di mouse

Tutte le parlate romagnole in un dizionario su internet

Leonardo Belli, presidente dell’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?”, in un’intervista pubblicata oggi su La Voce di Romagna, descrive il progetto a cui sta lavorando l’associazione culturale cesenate, cui abbiamo dato vita alcuni anni fa, per promuovere e valorizzare il dialetto romagnolo e riflettere sulle nostre radici culturali.
Av salut!
Damiano Zoffoli

CESENA – Un dizionario dei “dialetti” romagnoli consultabile su internet, un sito in cui gli utenti possono aggiungere parole ed espressioni, un po’ come il modello Wikipedia, l’enciclopedia libera che ha rivoluzionato il mondo del sapere sul web. È questo il progetto a cui sta lavorando l’associazione Te ad chi sit e fiol, in collaborazione con l’Istituto Fredrich Shurr di Santo Stefano (Ravenna) e la Provincia di Forlì-Cesena. I tre soggetti, recentemente, hanno siglato una convenzione che nei prossimi mesi porterà alla concretizzazione di questo interessante e innovativo progetto. Se la parte di ricerca sarà a carico delle due associazioni, la Provincia provvederà a mettere a disposizione un server virtuale e a sostenerne i costi relativi, circa duemila euro all’anno.

“Questo dizionario on line – spiega Leonardo Belli, presidente dell’associazione culturale Te ad chi sit e fiol – sarà interattivo: noi inseriremo una serie di parole con la traduzione in dialetto nelle varie declinazioni che ci sono in Romagna e sotto questo aspetto l’apporto dell’Istituto Shurr è fondamentale, così come per la scrematura delle segnalazioni che riceveremo. Infatti, ci sarà la possibilità di aggiungere termini in dialetto, che gli esperti della Shurr verificheranno e se la parola passerà il loro esame sarà inserita nel dizionario. Un dizionario che, al contrario di uno cartaceo, sarà sempre aggiornato e potrà arricchirsi col tempo. La scrematura che faranno gli studiosi dell’Istituto Shurr sarà importantissima, perché capita sempre più spesso di storpiare una parola in italiano e credere che sia dialetto…”.

Come detto questo dizionario conterrà le varie declinazioni del dialetto romagnolo. “Solo a Cesena ci sono due dialetti e poi ogni paese ha le sue inflessioni – sottolinea Belli – certo che se parli il dialetto romagnolo il senso lo capisci sempre, ma ci possono essere termini che cambiano da posto a posto. E magari su alcune parole specifiche una traduzione può servire, ed ecco che col nostro dizionario si potrà fare una ricerca veloce e precisa. Inoltre la consultazione sarà assolutamente gratuita. Praticamente su una colonna ci sarà la parola in italiano e poi a lato tutte le traduzioni nelle varie declinazioni del romagnolo. Questo è un lavoro utile e importante anche per la conservazione del dialetto e pensiamo sia un modo per farlo apprezzare anche dai più giovani che su internet navigano tutti i giorni”.

Ma non ci si limiterà solo alle singole parole. “Pensiamo anche di inserire anche alcune frasi o espressioni tipiche – aggiunge il presidente dell’associazione culturale cesenate – ci crediamo molto in questo progetto e siamo molto soddisfatti di aver coinvolto l’Istituto Shurr e la Provincia. Ci piacerebbe che il collegamento a questo dizionario on line fosse inserito nei siti istituzionali, come quelli dei Comuni romagnoli. I tempi? Nel giro di qualche mese sarà pronta una prima versione. Internet è uno strumento versatile e abbiamo già previsto la possibilità di porre anche domande direttamente sul portale. Poi oltre alla parole verrà riportata anche l’esatta pronuncia”.

Ma quali dialetti saranno censiti? “Per capire dove finisce la Romagna e dove inizia l’Emilia c’è una storiella che spesso viene raccontata. È una specie di prova. Bisogna chiedere: ‘Tam de da bei?’ e se ti servono vino sei ancora in Romagna, se ti danno dell’acqua hai già varcato i confini dell’Emilia. Se chiedi ‘e bei’ da noi non c’è nessun dubbio: vuoi del vino. In Emilia, la parola più o meno suona uguale, chiedi invece da bere, hai sete, vuoi dell’acqua… Poi ci sono tante altre parole che cambiano all’interno della Romagna: oggi, per esempio, si dice incù o incùa nel forlivese, oz’ e og’ verso il riminese”.

E tutte queste differenze – la vera ricchezza del dialetto romagnolo – saranno raccolte nel grande dizionario on line.

Maicol Mercuriali

È possibile scaricare il testo integrale dell’ARTICOLO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Il dialetto a portata di mouse

  • massimo neri

    Grazie per l’iniziativa, Vi seguirò con molto interesse.
    Av salut. Massimo Neri

    • Caro Massimo,
      ti segnalo che, per essere sempre aggiornati (e, naturalmente, partecipare!) sulle tante iniziative dialettali che si svolgono nel nostro territorio, è possibile iscriversi (con una piccola quota di 10 euro) all’associazione “TE AD CHI SIT E’ FIOL?” (questo è il sito: http://www.teadchisitefiol.it/).
      Per maggiori informazioni: Maurizio Balestra (mauba1959@libero.it).
      At salut!
      Damiano

  • Sarebbe bello che anche la stampa divulgasse questa iniziativa . E’ molto interessante
    AV SALUT Bruno Pirini