“Dona il sangue del cordone ombelicale: assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura”

Continua la campagna di sensibilizzazione della Regione Emilia-Romagna. Realizzato un nuovo opuscolo, rivolto a tutte le donne che stanno per partorire, che spiega l’importanza di questa donazione e fornisce indicazioni utili su cosa fare e a chi rivolgersi per comunicare la propria volontà

Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura” è il messaggio scelto dalla Regione Emilia-Romagna per la campagna di sensibilizzazione alla donazione del sangue cordonale; affinché le future mamme abbiano le informazioni necessarie per fare una scelta consapevole, sapendo che con il loro gesto gratuito e generoso offrono una possibilità di cura ad altre persone.

Un messaggio che richiama l’importanza di donare il sangue del cordone ombelicale poiché in esso sono contenute cellule staminali in grado di generare globuli rossi, globuli bianchi e piastrine, utili a curare malattie del sangue e del sistema immunitario.

Stiamo parlando del sangue che rimane nel cordone ombelicale e nella placenta dopo la recisione del cordone ombelicale, alla nascita. Normalmente viene scartato assieme alla placenta, dopo il parto: basta però una scelta della donna, durante la gravidanza, per fare in modo che il sangue cordonale venga raccolto e destinato al trapianto per curare persone ammalate, in particolare bambini e adulti di basso peso.

Con questo tipo di trapianto si possono curare malattie tumorali del sangue, come la leucemia e i linfomi; patologie come ad esempio la talassemia (una malattia ereditaria del sangue), l’aplasia midollare (mancata produzione delle cellule del sangue) e le immunodeficienze congenite (mal funzionamento del sistema immunitario che provoca una maggiore predisposizione alle infezioni). Inoltre, le cellule del sangue cordonale sono utilizzate per curare persone sottoposte a chemioterapia o terapia radiante ad alte dosi.

La donazione del sangue del cordone ombelicale è sicura, anonima e gratuita. Non comporta rischi né per la madre, né per il neonato e non è dolorosa (solo dopo aver reciso il cordone ombelicale, viene prelevato il sangue al suo interno).

Il Servizio Sanitario Regionale garantisce la qualità di tutte le procedure connesse alla donazione, alla conservazione e alla distribuzione del sangue cordonale: le sacche di sangue, dopo essere state analizzate, vengono classificate per stabilirne la compatibilità con eventuali destinatari del trapianto, e inviate alla specifica Banca regionale, che ha sede presso il Policlinico-Sant’Orsola-Malpighi di Bologna.

È possibile scaricare l’OPUSCOLO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.