Educazione alla sostenibilità, al via il Programma 2011-2013

Parte con uno stanziamento di 500 mila euro, per il 2011, il Programma triennale della Regione a sostegno di Enti pubblici, scuole e privati, impegnati a diffondere tra i cittadini, in particolare studenti, la cultura della sostenibilità.

Il provvedimento è stato approvato, questa mattina, dalla Commissione “Territorio Ambiente Mobilità”, presieduta da Damiano Zoffoli.

Il Programma, per ragioni di efficienza e risparmio, ha tra i suoi obiettivi un’accelerazione del processo d’integrazione delle varie iniziative regionali a carattere educativo (educazione ambientale, stradale, sanitaria, alimentare).

Sul Programma 2008-2010, Regione ed Enti locali hanno investito oltre 3 milioni e 600 mila euro. In dettaglio, la Regione ha messo a disposizione: 360 mila euro per le scuole; 1 milione e 463 mila euro per le azioni educative, comunicative e informative attivate dal sistema regionale; 894 mila euro (poi diventati 1 milione e 591 mila euro, grazie al cofinanziamento degli Enti locali) per i progetti dei Centri di educazione ambientale (CEAS).

L’esperienza dell’Emilia-Romagna, prima sul tema della tutela ambientale e poi su quello della promozione di una cultura orientata ad uno sviluppo sostenibile – ha detto il Presidente Zoffoli – è ricca e consolidata. È un patrimonio fatto di iniziative partecipate, soprattutto dalle generazioni più giovani, ma non solo, volte ad approfondire le complesse questioni dello sviluppo e della salvaguardia delle risorse naturali, della salute, della qualità della vita dei cittadini. È un’esperienza in sintonia con le scelte compiute da organismi internazionali, Unesco e Assemblea delle Nazioni Unite, che hanno dedicato il Decennio 2005-2014 all’Educazione per lo Sviluppo Sostenibile. Va pertanto particolarmente apprezzato, in un periodo di pesante difficoltà per la finanza locale, che la Regione confermi il sostegno a questo settore, accompagnandolo a corretti interventi di razionalizzazione e integrazione”.

La programmazione del prossimo triennio, sulla base delle indicazioni contenute nella Legge regionale 27/2009, intende infatti riorganizzare e qualificare i CEAS, con l’obiettivo di diminuirne l’attuale numero (69) e costruire strutture più forti e qualificate. A questo fine indica, come prioritarie nell’accreditamento, alcune nuove tipologie: i multicentri per la sostenibilità urbana (nelle città e nei comuni capoluogo); i centri intercomunali, gestiti da più enti in un territorio omogeneo, e diretti a specifici target (scuole dei territori comunali, famiglie, categorie sociali ed economiche, …); le specializzazioni/eccellenze (università, centri di ricerca, fondazioni ed altri soggetti con caratteristiche analoghe); gli istituti scolastici che hanno assunto, o stanno assumendo, la sostenibilità come asse portante del Piano dell’Offerta Formativa (POF).

Saranno ancora le Province, con programmi triennali, a coordinare le azioni, svolte da soggetti pubblici e privati, in tema di ambiente, energia, rifiuti, acqua, sviluppo agrario, mobilità, salute, pari opportunità.

Il Programma triennale prevede inoltre iniziative di carattere regionale; tra queste Rio 1992-2012: un bilancio culturale e scientifico dei venti anni di Agenda 21; una nuova edizione (la prima si è svolta nel 2010 nell’ambito di Ecomondo) del Forum internazionale Ambiente ed Energia; una nuova edizione del premio “Emilia-Romagna sostenibile”.

“Questo programma, anche grazie all’entusiasmo e alle competenze degli operatori del settore – una rete territoriale di persone ed Enti che hanno messo a disposizione le loro capacità per progettare un futuro migliore partendo proprio dall’educazione all’ambiente ed alla sostenibilità – è uno strumento che, negli anni ha conseguito risultati concreti; ora bisogna arrivare, in tempi rapidi, all’aggregazione dei vari soggetti e alla messa a punto di procedure più semplici per l’accesso ai finanziamenti” conclude Zoffoli.

È possibile scaricare il testo del PROGRAMMA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Educazione alla sostenibilità, al via il Programma 2011-2013

  • bisacchi carlo , parco Fellini , gambettola

    buona sera ZOFFOLI ,come coop Idea, pensiamo di realizzare al parco Fellini una struttura
    di circa 400 mq al parco Fellini, con copertura a volta circolare,in legno ecocompatibile
    ed autonoma per varie attivita all’aperto.
    la destinazione d’uso e’ dedicata ad uno sviluppo sostenibile del parco , particolarmente
    orientata al divertimento per i bambini, all’istruzione di come amare di piu’ il verde del parco ed utilizzarla tutto l’anno .
    vorrei sapere se puo’ rientrare nel progetto visto che sarebbe una novita’ assoluta per Gambettola , per adesso grazie e poi ci possiamo se possibile possiamo sentirci

    saluti BISACCHI CARLO 348 9021809

    • Caro Carlo,
      il programma di educazione alla sostenibilità 2011-2013 prevede di finanziare CEAS, scuole o azioni educative.
      Si tratta principalmente di contributi in spesa corrente e non di contributi per investimenti.
      In linea di massima è quindi difficile che il vostro intervento possa rientrare tra quelli finanziabili.
      Nel caso invece che la struttura sia messa a disposizione del Comune (o delle scuole o dei CEAS), si potrebbe sondare l’ipotesi (non so se sia possibile) di ottenere finanziamenti per la gestione delle attività all’interno della struttura stessa.
      In ogni caso ci sentiamo al telefono nei prossimi giorni, per approfondire meglio il tutto.
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli