Accatastamento edifici rurali, serve una proroga di sei mesi per evitare il caos

Presentata una risoluzione all’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna

“Una sentenza della Corte Costituzionale prima, e un decreto applicativo poi, – afferma il Consigliere regionale Mario Mazzotti, primo firmatario della risoluzione – pensavamo avessero definitivamente risolto il problema, aperto da anni, relativo all’accatastamento dei fabbricati rurali e del loro assoggettamento alle imposte comunali sugli immobili. Su questa materia si sono succeduti numerosi contenziosi a livello nazionale e regionale, con vari pronunciamenti delle commissioni tributarie provinciali, spesso in contraddizione tra loro”.

“Lo scorso 14 settembre – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha emanato un decreto che riconosce la ruralità degli immobili, a condizione che questi siano accatastati nelle categorie di riferimento: D10 per i fabbricati adibiti a lavorazione e trasformazione di prodotti agricoli e A6, classe R per le abitazioni rurali e le loro pertinenze. Il decreto, tuttavia, impone in maniera perentoria il 30 settembre 2011 come data ultima per accatastare correttamente gli immobili”.

“Con questa scadenza troppo vicina si è determinata una situazione paradossale: le prime indicazioni per l’attribuzione delle categorie catastali sono state emanate solamente il 22 settembre e con l’inevitabile alto numero di richieste gli uffici sono stati sovraccaricati di lavoro. A peggiorare le cose contribuisce la modulistica diffusa dall’Agenzia del Territorio, ritenuta dai tecnici complessa, inadeguata e persino fuorviante. L’argomento è stato al centro di un’interrogazione parlamentare firmata, tra gli altri, dall’on. Sandro Brandolini. Dopo aver interloquito con l’Assessorato regionale e aver chiesto un intervento anche alla Conferenza Stato Regioni, con questa risoluzione – concludono i Consiglieri – sollecitiamo la Giunta regionale ad adoperarsi con urgenza presso il Ministero competente perché si decida una proroga, di almeno 6 mesi, dei termini previsti”.

È possibile scaricare il testo della risoluzione cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Accatastamento edifici rurali, serve una proroga di sei mesi per evitare il caos

  • william

    Nella risoluzione che avete predisposto c’è un passaggio grave che non aiuta senz’altro a risolvere il contenzioso in materia di Imposta Comunale sugli Immobili. Volete infatti riproporre il disegno di legge approvato alla Camera nel febbraio 2011 ma quell’interpretazione si poneva in contrasto con la Corte di cassazione. Anche l’ANCI è su questa linea. Consiglio di cercare davvero una soluzione che non sia frutto di battaglie di parte ma piuttosto tesa a salvaguardare tutti gli interessi in gioco.

  • serri pierluigi

    quante proroghe, chi l’ha fatto negli anni novanta e ha pagato? (fesso)