Aree protette, approvata risoluzione per avviare un processo partecipato di riordino dei Parchi

L’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna, ha approvato, nell’ultima seduta del 21 settembre scorso, una risoluzione che impegna la Giunta regionale ad avviare un processo trasparente e partecipato, che coinvolga i consorzi di gestione delle aree protette, gli Enti locali e tutti i portatori di interessi, con l’obiettivo di arrivare, entro la fine del 2011, ad un riordino dei parchi e alla modifica della Legge regionale 6/2005.

“L’occasione di modifica della Legge 6/2005 – afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – può essere un’opportunità per una revisione complessiva della gestione delle aree protette e dei siti della Rete Natura 2000, che ne aumenti l’efficacia, assumendo come obiettivo quello di arrestare la perdita della biodiversità, anche sulla base degli impegni assunti in sede europea”.

“Si tratta – prosegue Zoffoli – di mettere in valore l’esperienza fin qui compiuta in Emilia-Romagna, dare certezza giuridica e istituzionale al sistema dei parchi e tutelare gli operatori, costruendo un assetto che garantisca la piena partecipazione degli Enti locali”.

“Per questi motivi – conclude il Consigliere – appoggiamo con favore il documento, elaborato alcuni mesi fa dall’Assessore regionale all’Ambiente, che ha avviato il dibattito con enti parco, ANCI, UPI, UNCEM, associazioni ambientaliste e mondo agricolo, per favorire il processo di accorpamento; e auspichiamo che porti a una soluzione razionale e condivisa e a una gestione semplificata e trasparente delle aree protette regionali, nel rispetto delle esigenze dell’ambiente e di tutte le parti coinvolte”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.