Sulla strada di Francesco per costruire ponti di speranza

“Cominciate con il fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile”.

C’è quasi un programma politico in queste parole di San Francesco d’Assisi, che festeggiamo oggi come Santo Patrono d’Italia.

In questa crisi epocale, che scuote gli assetti finanziari ed economici di gran parte del mondo, e fa tremare non solo gli indici delle borse, ma le fondamenta della nostra società, in cui la politica sembra stentare anche solo a trovare le parole per dire del suo smarrimento, l’esempio e gli scritti di San Francesco sono un’immensa risorsa.

Serena fiducia nei nostri mezzi umani, nella consapevolezza dei loro limiti.

Ci sarebbe davvero bisogno che la nostra politica riscoprisse questo messaggio.

Anche per questo, assieme a tanti amici, nello scorso weekend ci siamo ritrovati, proprio ad Assisi, per confrontarci insieme sul come ritornare a fare comunità, di cui abbiamo estrema necessità, nel difficile passaggio che il nostro Paese sta attraversando.

Riporto, qui di seguito, una bella testimonianza di Stefano Tappi e alcune fotografie di Manuela Rontini che raccontano la nostra tre giorni.

Damiano Zoffoli

In un mondo dove prevale sempre più l’egoismo e l’individualismo occorre tornare a mettere al centro la persona e la comunità. Troppo spesso oggi siamo impegnati ad ergere muri per difenderci dall’altro e tutelare così la nostra identità. Continuiamo ad alzare delle barriere convinti di rafforzare la nostra personalità ed invece ci troviamo sempre più soli e poveri. Abbiamo invece assolutamente bisogno dell’altro, soprattutto del diverso che rappresenta una grande ricchezza.
Creare ponti caratterizzati da relazioni autentiche diviene così oggi un obiettivo primario per fare una buona Politica.
In questa prospettiva si colloca la tre giorni ad Assisi organizzata dai Consiglieri regionali Pagani, Richetti e Zoffoli. Una tre giorni alla quale ha partecipato oltre una cinquantina di persone impegnate in ambito socio-politico provenienti da diverse province dell’Emilia Romagna (Bologna, Faenza, Forlì-Cesena, Modena e Reggio Emilia).
Ognuno è giunto ad Assisi da una strada diversa portando con sé il proprio “bagaglio” e mettendolo in comune si è incamminato insieme agli altri sulla strada di Francesco.
Il Consigliere Pagani, appartenente al terz’ordine francescano, ha guidato le meditazioni ripercorrendo le varie tappe del santo patrono d’Italia in un vero e proprio pellegrinaggio.
Umiltà e mitezza sono state le parole chiave di questa tre giorni: due virtù da portare nel nostro quotidiano e da diffondere, oggi più che mai, nella nostra società.
Esperienze di questo tipo fanno una grande iniezione di speranza alla ”malata” Italia. Una speranza che, come diceva Sant’Agostino, ha due bellissimi figli: la capacità d’indignarci di fronte alle cose che non vanno ed il coraggio di cambiare tali cose.
Alla fine della tre giorni ognuno è tornato a casa con un”bagaglio” diverso, arricchito dall’incontro con l’altro, e con la consapevolezza di aver iniziato a costruire dei ponti di speranza.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

5 comments to Sulla strada di Francesco per costruire ponti di speranza

  • Fringui

    Nella sua testimonianza, Stefano Tappi dice che umiltà e mitezza sono “due virtù da portare nel nostro quotidiano e diffondere, oggi più che mai, nella nostra società” e auspica di “creare ponti caratterizzati da relazioni autentiche diviene così oggi un obiettivo primario per fare una buona Politica”. E allora per quale motivo ha sostenuto, alle ultime elezioni di Cesenatico, uno come Panzavolta? Rispecchiava forse le virtù sopra citate?
    Caro Damiano, a cosa serve ispirarsi a un grande santo come Francesco d’Assisi quando poi questi valori sbiadiscono al confronto di misere logiche di partito, scendendo a squallidi compromessi?

  • Stefano Tappi

    Cara Fringui,
    visto che mi chiami in causa nel tuo precedente post, ti rispondo. Nell’attuale panorama politico nazionale e locale mi pare che non vi siano grandi luci che brillino nel cielo della politica, ma emerge un grande buio generale a 360° (da destra a sinistra passando per il centro).
    Tornare a dare dignità alla politica per cambiare la situazione attuale è quindi un dovere morale per ogni uomo di buona volontà. Per cambiare le cose occorre però mettersi in gioco. Il partito è uno strumento necessario per poter avvicinarsi alla vita politica e poter quindi dare il proprio contributo per rendere questa società migliore. Il partito democratico, attualmente, mi pare il partito più vicino alla mia idea di società e di politica. Sono consapevole dei mille limiti e difetti che esso presenta, ma anche per questo in esso mi sono candidato, per provare a dare il mio piccolo contributo per migliore dall’interno questo partito. Dovevo forse candidarmi nel partito dell’amore attualmente ribattezzato “FORZA GNOCCA”?
    Sono convinto che per costruire veramente il bene comune occorra portare umiltà e mitezza in ogni luogo dove siamo chiamati a vivere (anche nel PD).
    Io voglio provare a farlo e per questo mi sono messo in gioco!

    Stefano Tappi

  • Fringui

    Caro Stefano, ti ringrazio per la risposta. Tu parli di voler portare il tuo piccolo contributo per migliorare dall’interno il partito di cui fai parte. E ti rifaccio la domanda: pensavi davvero di migliorare il Pd sostenendo uno come Panzavolta? Se si vuole cambiare il partito di cui si vuole far parte, forse è ora di smetterla di assecondare certe tattiche e incominciare a far sentire la propria voce. E se non iniziano a farlo i giovani, non cambierà mai niente.
    Noto che per giustificare i limiti del Pd, i suoi iscritti tirano spesso in ballo il Pdl, asserendo “loro sono peggio”. Bisogna decidersi però: c’è molta differenza tra l’ispirarsi a uno come San Francesco e ispirarsi a essere meno peggio di qualcun altro.

  • Stefano Tappi

    Cara Fringui,
    ti rispondo alla tua domanda con una contro-domanda: per migliorare/cambiare il PD è meglio mettersi in gioco sostenendo il candidato sindaco scelto dalla maggioranza del partito o rimanere chiusi nel proprio privato fregandosene e pensando solo al proprio orticello?
    Riporto poi la tua ultima frase del post precedente: “Bisogna decidersi però: c’è molta differenza tra l’ispirarsi a uno come San Francesco e ispirarsi a essere meno peggio di qualcun altro.” Attenzione a fare paragoni fra soggetti diversi (la persona ed il partito). Ogni persona deve sempre fondare il proprio impegno politico su dei valori Alti e deve ispirarsi a Giganti come san Francesco; poi se vuole incidere e cambiare la società deve scegliere in quale partito impegnarsi. Attualmente la scelta del partito è sicuramente un scegliere il meno peggio, però c’è una grossa differenza fra ciò a cui si deve ispirare una persona e la scelta del partito in cui impegnarsi. Il partito è solo uno strumento per vivere la politica in maniera attiva, non è assolutamente la politica.
    Se vogliamo davvero cambiare la società dobbiamo assolutamente metterci in gioco con coraggio rimanendo saldi nei nostri valori e non avendo paura dell’altro o della scelta di quale partito, altrimenti finiamo tutti per chiuderci nei nostri salottini con le pantofole a guardare la tv mentre l’Italia va a rotoli!

  • Fringui

    Stefano, non metto in dubbio i tuoi valori, però mi pare che le parole della tua testimonianza non trovino riscontro nella realtà dei fatti.
    Da un lato dici di “creare ponti caratterizzati da relazioni autentiche diviene così oggi un obiettivo primario per fare una buona Politica” … ma se hai sostenuto un candidato che non ti piaceva (e non ti piaceva perché nei tuoi commenti non hai mai cercato di difenderlo), quali sono queste “relazioni autentiche”?
    Poi scrivi di aver “iniziato a costruire dei ponti di speranza”, però dall’alta parte affermi che “attualmente la scelta del partito è sicuramente un scegliere il meno peggio”. E scegliere il meno peggio non è sinonimo di speranza ma rassegnazione.
    Personalmente auspico che nel Pd si affermino maggiormente persone portatrici di valori come i tuoi. E chissà che la sonora batosta delle ultime elezioni non sia l’inizio di un percorso diverso. Ciao!