Diciamo la verità sulla manovra finanziaria del Governo

Il debito lo pagheranno le famiglie, soprattutto quelle meno abbienti e con figli

Riporto, qui di seguito, gli studi e le tabelle elaborate dall’AFI (Associazione delle Famiglie – Confederazione Italiana) sugli effetti che la manovra finanziaria del Governo avrà sulle famiglie italiane.
Questi numeri, più di ogni altra cosa, descrivono bene qual’è la realtà dei fatti di una politica che, ancora una volta, colpisce le famiglie, e in particolare quelle con figli o con anziani non autosufficienti a carico.
Il Governo, che aveva fatto della centralità della famiglia la sua bandiera e che aveva promesso, solo a giugno scorso e per l’ennesima volta, l’introduzione del quoziente familiare, non sa far di meglio che ricorrere ad altri tagli lineari: questa volta sulle deduzioni e detrazioni che riguardano la casa e la famiglia.
Così avere figli diventerà un lusso o si sarà condannati alla povertà.
Questa situazione richiede però, anche qui in Emilia-Romagna, di rivedere il nostro sistema di welfare. Anche per noi è giunto il momento di cambiare, a partire dalla vicenda dei ticket sanitari.
Damiano Zoffoli

Il Presidente del Consiglio ha di recente affermato che la manovra salverà l’Italia e soprattutto è equa, difende le famiglie, soprattutto le meno abbienti.

I dati diffusi sui vari giornali parlano di aggravi sui conti delle famiglie variabili dai 2.000 ai 4.000 euro.

Abbiamo voluto fare i conti anche noi, almeno su alcune voci.

Sono previsti tagli lineari del 5% nel 2013 e del 20% nel 2014 sulle agevolazioni e riduzioni fiscali. Se non viene cambiata questa regola (che porterebbe nelle casse dello Stato 9 miliardi nel 2013 e 40 miliardi di euro nel 2014), chi pagherà queste somme?

Abbiamo confrontato tre fasce di reddito per una famiglia di 4 componenti (la più diffusa) ed evidenziato l’aumento di tasse che queste famiglie subirebbero.

Il tutto è poi confrontato anche con una persona che vive da sola e con famiglie con maggiori carichi familiari.

L’aumento percentuale di tasse è spaventoso per redditi bassi e più figli a carico. Per redditi fino a 20.000 euro si va dal 39% (con coniuge e due figli a carico) al 135% (con 4 figli a carico), contro il 6% dei single.

Si può parlare di Robin Hood tax alla rovescia: si ruba ai poveri per difendere le rendite finanziarie ed i patrimoni dei ricchi.

Parliamo poi di IVA?

Una famiglia di 5 componenti avrà un aggravio di spesa dovuto all’IVA superiore del 74% rispetto ad un single (dati de Il Sole 24 Ore), con un costo in più di 357 € all’anno che, sommati all’aumento delle tasse di 1.000 € (con reddito di 20.000 €), fanno circa 1.357 € in più all’anno.

Se il reddito è di 70.000 € l’aumento sarà solo per l’IVA, cioè parliamo di 357 € in più all’anno.

Il single da 20.000 € di reddito sopporterà aumenti di 234 € di IRPEF e di 200 € di IVA, pari a circa 434 € in più all’anno….

Con le manovre finanziarie estive, la situazione per le famiglie italiane diventa insostenibile.

È possibile scaricare lo STUDIO, completo di TABELLE, elaborato dall’AFI cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Diciamo la verità sulla manovra finanziaria del Governo