Carburante agevolato per uso agricolo, le aziende della nostra Regione possono chiedere un’integrazione

Una buona notizia per le aziende agricole dell’Emilia-Romagna, che possono presentare domanda di integrazione per ottenere ulteriore carburante agevolato per uso agricolo, rispetto all’assegnazione annuale. La carenza di precipitazioni e le temperature che hanno raggiunto valori elevatissimi nei mesi di aprile e maggio, mantenendosi poi superiori alla norma nei mesi successivi, hanno infatti provocato, in particolare sul settore orientale dell’Emilia-Romagna, un aumento del fabbisogno irriguo delle colture, che ha portato a maggiori consumi di carburante rispetto a quelli normalmente previsti” dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli.

Il provvedimento di integrazione è stato approvato questa settimana dalla Giunta regionale, su proposta dell’Assessore all’agricoltura, Tiberio Rabboni.

Gli agricoltori che hanno già richiesto gasolio agevolato per irrigazione (e per allevamenti estensivi in acque salmastre) potranno presentare una nuova domanda entro il 31 ottobre e richiedere un incremento, fino al 100%, della quantità inizialmente concessa.

Il programma informatizzato per la gestione delle domande, che le imprese agricole possono presentare attraverso le associazioni di categoria, è disponibile sul portale Ermes Agricoltura, alla voce Sportello agricolo.

“Con questo provvedimento – spiega Zoffoli – dopo aver verificato l’andamento climatico in collaborazione con il Servizio Idro-Meteo-Clima dell’Arpa Emilia-Romagna, abbiamo risposto positivamente alle richieste che il mondo agricolo, nelle scorse settimane, ha rivolto alla nostra Regione. I dati che ci ha fornito l’Unione Regionale delle Bonifiche evidenziano infatti, rispetto al 2010, un aumento medio del 50,3% dei volumi idrici derivati e distribuiti agli utenti dai Consorzi di bonifica, in tutti i distretti irrigui della Regione”.

“È evidente – conclude il Consigliere Zoffoli – che questa situazione impone un uso consapevole e razionale della risorsa idrica. Su questo tema la nostra Regione è impegnata da tempo: abbiamo conseguito risultati positivi, dimostrando che è possibile produrre in modo adeguato risparmiando fino al 30-35% dei volumi irrigui. L’aspetto più importante sul quale concentrare, ora, la nostra attenzione è l’esigenza di contrastare il cambiamento climatico, attuando tutte le iniziative necessarie per ridurre la concentrazione dei gas ad effetto serra, responsabili dell’aumento delle temperature. Anche da questo punto di vista, l’agricoltura, che può consentire di produrre energia senza liberare nuova anidride carbonica, può giocare un ruolo strategico che va riconosciuto e potenziato da riconoscimenti economici, come abbiamo fatto con gli ultimi provvedimenti legislativi”.

È possibile scaricare il testo della DELIBERA di Giunta regionale cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.