A Borella, una serata con i Consiglieri regionali

Dibattito alla festa PD di BorellaUna serata di confronto con i cittadini sul futuro della Regione, la situazione politica e lo stato di salute del Partito democratico. Più che un incontro formale quello di giovedì, alla Festa democratica  di Borella di Cesenatico,  è stato un botta e risposta tra i consiglieri regionali eletti in provincia di Forlì-Cesena e i cittadini. Oltre a iscritti e simpatizzanti del Pd, infatti, alla serata erano presenti anche ex elettori delusi ed esponenti di altre forze politiche, come il Movimento 5 stelle.

Thomas Casadei, Tiziano Alessandrini e Damiano Zoffoli hanno risposto alle domande di tutti senza peli sulla lingua. Come nel caso di Hera, nei confronti della quale molti presenti avevano puntato il dito.

“Quando si parla di rifiuti – ha spiegato Zoffoli – prima di tutto, ancor prima di parlare della gestione, bisogna affrontare di petto il problema della riduzione alla fonte degli stessi. Ridurre gli imballaggi, eliminare gli sprechi, come fa il progetto last minute market, spingere  sul riciclaggio. Tutte azioni che ci permetteranno, in futuro, di superare gli inceneritori. Ciò premesso, per quanto riguarda la gestione, bisogna dire che su Hera c’è effettivamente un conflitto d’interesse, dato che i comuni soci sono sia controllori, per mezzo delle Ato, che azionisti dell’azienda. Da un lato chiedono all’azienda di tenere sotto controllo le tariffe, dall’altro le chiedono investimenti sulle reti e incassano dividendi sempre più preziosi in tempo di crisi. Ora la legge ci impone il superamento delle Ato, bisogna cogliere questa occasione per ripensare il sistema dei controlli sulla società di gestione. Con l’obiettivo finale di un approdo alla tariffa puntuale, fare in modo cioè che chi inquina di più paghi di più, mentre chi ricicla di più possa godere di sconti in bolletta”.

Sul fronte delle alleanze politiche, invece, Zoffoli non ha posto paletti legati a sigle o persone: “Siamo immersi in una società fondata sulla cultura dell’Io, quella propugnata da Berlusconi. Bisogna trovare persone che mirino alla costruzione della società del “noi”, cercando al tempo stesso di riguadagnare la fiducia del fronte del “voi”, quelli che non vogliono più sentir parlare dei politici attuali, in gran parte gettati nel discredito da un certo modo di fare politica. Solo costruendo una buona politica, così come nella recente stagione referendaria, si potranno coinvolgere gli sfiduciati, smontando il “voi”, costruendo una piattaforma comune con quelli che sognano la società del “noi”. Fino ad oggi troppo spesso ci siamo limitati a non fare del male al Pd, mentre il tema vero è che bisogna agire per ben altro: fare del bene per questo Paese! Bisogna essere più coraggiosi, più attivi, più scattanti, coinvolgendo tutte le diversità, che sono la ricchezza della società e anche della politica”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.