Territorio ed Internet, due luoghi da abitare

Il saluto di Damiano Zoffoli al convegno nazionale della Federazione Italiana Settimanali Cattolici, in occasione dei 100 anni del Corriere Cesenate

È con grande piacere che partecipo ai festeggiamenti dei cento anni del nostro settimanale diocesano.

Per tanti di noi il Corriere Cesenate è stato, ed è tutt’ora, un compagno di viaggio, una voce amica, una presenza familiare, che fin da bambini abbiamo trovato, magari buttato là, sui divani delle nostre case.

Anche per questo è stato per me un grande privilegio, dieci anni fa, come Sindaco di Cesenatico, poter seguire da vicino, ospitandoli nella mia città, i lavori in occasione dei novant’anni del settimanale, “Tempo libero, tempo d’evasione?”, di cui conservo un caro ricordo.

Territorio e Internet: due luoghi da abitare è il titolo che avete dato al convegno della Federazione Italiana dei Settimanali Cattolici.

Mai, come ora, nell’epoca dei flussi globali, ci ripete il sociologo Aldo Bonomi, c’è bisogno di una politica che assuma come luoghi del pensare e dell’agire le parole chiave territorio e comunità.

Viviamo una crisi globale, profonda e strutturale, frutto dell’idea folle che si potesse separare il guadagno e il giusto profitto dalla produzione, dal lavoro e dalla fatica.

Una crisi che non è solo politica, economica e finanziaria, ma è soprattutto una crisi di senso e di significato: si è smarrita la speranza.

C’è bisogno di un nuovo inizio, di un nuovo umanesimo che ponga al centro la dignità della persona, riscopra le relazioni, i rapporti e i legami, e ricostruisca la comunità.

Si tratta, di fronte alle macerie di oggi, di “ricostruire, con le pietre dei muri abbattuti, la casa comune europea”, come ci esortava a fare Giovanni Paolo II, già pochi giorni dopo la caduta del muro di Berlino.

Da allora sono passati più di vent’anni; sono cadute le ideologie ma ad esse non è seguito un pensiero forte radicato in valori saldi; ha prevalso la cultura del fai da te e dell’usa e getta, un individualismo sfrenato e un liberismo senza regole; non si è costruito sulla roccia, ma sulla sabbia. E oggi ci troviamo da capo, siamo al si salvi chi può, in mezzo alle macerie.

Per ricostruire ci vuole un nuovo protagonismo, a cui, ogni settimana, ci invita il Corriere Cesenate.

ESSERCI, nel territorio e nella rete; in internet, così come nelle strade e nelle piazze; esserci vuol dire abitare, vuol dire partecipazione e assunzione di responsabilità, pena l’assenteismo e, per i credenti, il peccato di omissione.

Ma ancor prima di esserci bisogna ESSERE; laici, persone libere, umili, mature, con sguardo aperto, ben salde nei nostri valori, al servizio del bene comune, capaci di coniugare diritti e doveri, libertà e responsabilità.

Essere, esserci, PER FARE, per dare concretezza ad una società più a misura d’uomo e ad una nuova fase di sviluppo più umano.

Mentre, in una società come la nostra, nel dibattito pubblico occorre continuamente fare dichiarazioni e inviare comunicati stampa, in una guerra quotidiana per la visibilità, in una lotta a chi la spara più grossa per fare notizia; il rischio è di perdersi in un balletto che non ha nulla a che fare con la verità, ma, soprattutto, con il bene del Paese e il futuro dei nostri giovani che vivono una perenne condizione di precarietà.

Anche grazie al nostro settimanale diocesano, invece, siamo richiamati a un’opera di discernimento e sano realismo; il Corriere Cesenate è un luogo di dialogo e confronto che ci richiama a mettere al centro la vita concreta delle nostre famiglie e del nostro territorio; per costruire e alimentare speranza e riconnettere l’ESSERE e l’ESSERCI, con il FARE; perché, come dice il Salmo 126, “se il Signore non costruisce la città invano noi mettiamo pietra su pietra”.

Infine, con la mia stima, un sentito ringraziamento all’amico direttore e presidente nazionale della vostra Federazione, Francesco Zanotti, al professor Piero Altieri, e a tutta la redazione del Corriere.

E un benvenuto, anche a nome della Regione Emilia-Romagna, a tutti voi giornalisti, arrivati da ogni angolo d’Italia e dall’estero, sicuro che in questi giorni sperimenterete il calore e l’ospitalità della nostra terra, con un grazie per il vostro prezioso lavoro quotidiano, che dà voce alle tante belle e buone esperienze che ci sono, e operano, pur senza fare notizia.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Territorio ed Internet, due luoghi da abitare

  • Emilio

    Bravo Damiano, sempre attento ai valori cattolici, ed ai bisogni sociali.
    Questa è la politica che serve, non le chiacchiere che solitamente fanno i politici a Roma.
    Ciao, grazie,
    Emilio

  • Alberto Manni

    caro Damiano,
    ho letto ed apprezzato molto questo tuo intervento.
    Alcuni amici ed io ti seguiamo grazie alla tua rubrica: grazie per la tua testimonianza e per il tuo lavoro.
    Verrei volentieri con te a Firenze, ma le mie difficoltà di mobilità non me lo permettono: cosa ne dici di organizzare una sera a cena da Tarcisio, dopo l’evento di Firenze?
    Un abbraccio e molti cari saluti a te ed alla tua famiglia.
    Alberto