L’ITALIA SONO ANCH’IO

Sabato 22 ottobre alle 10.30, il Consigliere regionale Damiano Zoffoli assieme ad altri rappresentanti locali del PD sarà al circolo “Enzo Biagi” (Piazza del Popolo 1, Cesena), per firmare e raccogliere le firme per garantire i diritti di cittadinanza.

Ai nastri di partenza è la campagna nazionale “L’ITALIA SONO ANCH’IO”, sostenuta da diciotto associazioni nazionali tra cui Acli, Arci, Caritas e Cgil, Fondazione Migrantes, Libera, Tavola della Pace.

Sabato prenderà il via anche a Cesena la raccolta firme per la presentazione in Parlamento di due proposte di legge ad iniziativa popolare, per garantire e tutelare i diritti alla cittadinanza.

Il Pd di Cesena si fa promotore sul territorio dell’iniziativa, forte del cammino intrapreso in estate con la Festa Democratica Nazionale sull’Immigrazione, un momento di grande partecipazione che ha coinvolto associazioni e cittadini per riflettere sul delicato tema.

Le due proposte si pongono l’obiettivo di riformare la normativa italiana, aggiornando i concetti di nazione e nazionalità sulla base del senso di appartenenza ad una comunità determinato da percorsi condivisi di studio, di lavoro e di vita. E per riconoscere ai migranti il diritto di voto nelle consultazioni elettorali locali, quale strumento più alto di responsabilità sociale e politica.

Difatti, allo stato attuale, si può nascere in Italia ma non essere considerati italiani. Questo succede a chi ha genitori di origine straniera, è nato e cresciuto qui, va a scuola, si crea una cerchia di amici, si sente a tutti gli effetti italiano, ma solo compiuti i 18 anni può chiedere la cittadinanza. Con un lungo percorso burocratico. Che tocca una larga fetta di popolazione: i minori nati in Italia da genitori stranieri sono oltre mezzo milione, quasi il 60% dei circa 900mila minori stranieri residenti nel Paese e il 7% dell’intera popolazione scolastica.

I problemi di cittadinanza non riguardano solo i giovani, ma coivolgono anche i lavoratori stranieri impegnati regolarmente da anni nelle aziende, nelle famiglie e nelle comunità locali. Che pagano le tasse ma non possono scegliere chi deve amministrare la città in cui vivono.

Un Paese democratico non può esimersi dal tutelare i diritti dei propri cittadini acquisiti. Tanto più che tali diritti sono già riconosciuti costituzionalmente: l’articolo 3 stabilisce il principio dell’uguaglianza tra le persone, impegnando la Repubblica a rimuovere gli ostacoli che ne impediscono il pieno raggiungimento.

Oltre alla raccolta firme saranno organizzati eventi e iniziative per sollecitare organizzazioni e singoli a dar vita ad un movimento trasversale e unitario sul tema del diritto di cittadinanza.

Affinché si possano presentare le proposte di legge, sono necessarie cinquantamila sottoscrizioni entro la fine di febbraio 2012.

Per ulteriori informazioni cliccare qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.