Big Bang Renzi

“Vogliamo un Big Bang che segni l’inizio di un’altra storia”. Così il sindaco di Firenze ha convocato una convention fuori dagli schieramenti. In un’intervista a Vita spiega le ragioni e le attese, invitando tutti a tirar fuori le idee.

Ma quest’anno la scena intorno è molto diversa: ormai non c è più niente da rottamare. Matteo Renzi, sindaco di Firenze, dal 28 al 30 ottobre da appuntamento in quella che era stata la prima storica stazione fiorentina per il Big Bang, ovvero una tre giorni in cui l’obiettivo è “sommergere i democratici e gli italiani di idee, di proposte, di iniziative concrete”. Un invito aperto a tutti. “Saremo in tanti e a ciascuno chiediamo un contributo di idee, impegno e partecipazione”, promette Renzi. Che garantisce: nessuna distrazione sul tema delle candidature. Prima vengano le idee. Le grandi giornate devono sempre avere un pensiero buono e solido alle spalle.

Lei nella lettera di convocazione del Big Bang fa riferimento alla “Firenze culla del pensiero politico”. A chi pensa?
Anche a Machiavelli, se per quello. Ma nella lettera scrivo anche che il senso di tutto deve essere quello di “riportare la cosa pubblica nella case private”. In questo a Firenze abbiamo avuto un maestro straordinario, Giorgio La Pira. Uno che ha sempre visto nelle circostanze che la vita gli metteva davanti non dei problemi ma delle opportunità, sia che affrontasse questioni internazionali sia che fosse nei panni di amministratore della città. Teneva sempre uniti i due piani, globale e locale, sostenendo che le città hanno il dovere di portare un messaggio di pace oltre se stesse, poteva dire un messaggio del genere perché considerava le città non un insieme case ma una comunità. Oggi i riferimenti valoriali sono sempre quelli. Di diverso c’è un’idea di Stato che non può essere quella di 50 anni fa.

E quale deve essere?
Uno Stato più leggero. Dobbiamo essere coraggiosi su questo punto. Non possiamo più accettare che i grandi movimenti che avvengono nella società trovino nello Stato un’entità fondamentalmente ostile, che pretende ancora di arrivare dappertutto nonostante sia sempre più in affanno. È una sfida che riguarda soprattutto la cultura delle amministrazioni di sinistra. È importante, perché quando si parla di Stato leggero non si fa un discorso qualunquista o antipolitico. Questa è una battaglia che è davvero a favore della politica. In che senso? Guardiamoci negli occhi. Nelle amministrazioni pubbliche ci sono situazioni davanti alle quali non riesco a trattenere le parole: mi fanno schifo. Oggi un assessore della Sanità in Sardegna prende 15mila euro al mese, più rimborsi spese vari. Un giovane oncologo che lavora in un ospedale della stessa regione prende otto volte meno. È una situazione che non sta ne in cielo ne in terra. È segno di una realtà malata, che va cambiata al più presto. In queste condizioni nessuna posizione politica, anche la più corretta, può avere alcuna credibilità. Alleggerire lo Stato, in tutti i suoi livelli, è quella che io definisco un’azione di autotutela della politica. La crisi da questo punto di vista, per dirla con La Pira, non è un problema ma una straordinaria opportunità. Usando una metafora calcistica, direi che è come un assist di Cassano…

Quindi non basta l’indignazione…
Proprio così. L’indignazione alla fine porta solo all’antipolitica. Invece noi della politica abbiamo bisogno. Dobbiamo capire che la realtà sta cambiando davanti ai nostri occhi. Nel mio passato di scout ricordo sempre l’esperienza che si faceva quando dopo una salita scollinavi: il paesaggio cambiava completamente. Eri davanti a qualcosa di nuovo. Mi sembra quel che abbiamo davanti oggi: stiamo scollinando. E questo non vale solo per i partiti.

A chi sta pensando?
Al mondo dei sindacati, per esempio. La loro rigidità di fronte al nodo delle pensioni è proprio di chi pur scollinando continua a guardare il paesaggio che si lascia alle spalle. Io non ho nulla contro i pensionati, ma è evidente che certe condizioni non sono più realisticamente sostenibili, perché si scaricano i costi sulle generazioni che verranno. Ma non ci sono solo i sindacati. Anche Confindustria vive uguali rigidità e la sua capacità di rappresentanza mi sembra tutta da discutere. Le realtà imprenditoriali che mi capita spesso di incontrare, sono molto più in contatto con la realtà. Con loro è semplice stabilire degli obiettivi e cambiare le cose, anche quando li si incontra in momenti collettivi o in assemblee. Quando entra in gioco la rappresentanza sembra invece di essere proiettati nel passato. Il tavolone di Palazzo Chigi oggi non rappresenta più nessuno. Dobbiamo avere il coraggio di smantellare questi riti.

Perché è così difficile il ricambio?
Perché le rappresentanze si sono corazzate dietro un’autoreferenzialità. In sostanza si autolegittimano. Per questo, più che lavorare dall’interno, mi sembra interessante proporre e rischiare su percorsi nuovi. A Firenze ci abbiamo provato con le 100 assemblee nei 100 luoghi della città. Non voglio farla facile, perché è un percorso accidentato e pieno di imprevisti. Però posso dire che è bellissimo vedere ad esempio gruppi di insegnanti uscire allo scoperto e giocarsi con proposte su questioni che riguardano tutti. Si ha il senso dello scollinamento, del cambiamento che va nella direzione di allacciare nuovi legami di comunità. Nessuno conosce la ricetta, tanto meno io. Ma questa è una strada nuova che va percorsa con coraggio e con entusiasmo. Eppure nel mondo delle rappresentanze qualcosa sta cambiando. Rete Imprese ad esempio… È un tentativo che giudico interessante. È un soggetto che può svolgere effettivamente un ruolo di player, sempre se tiene presente i la profondità della crisi di fiducia che oggi attraversa tutti i soggetti. Dobbiamo sturare le arterie italiane incrostate da troppe caste e troppe carte. Prendiamo le Camere di commercio. Cosa rappresentano? Oggi se avessero un’alternativa le imprese se ne andrebbero via su due piedi. Dal mio punto di vista andrebbero abolite. La cura dimagrante non riguarda solo la politica.

È questo il Big Bang?
In parte. Poi il Big Bang consiste nel portare a galla la scandalosa deriva in cui sono finiti temi fondamentali della nostra vita. Prendiamo la formazione: oggi è umiliata e frustrata da un sistema concepito solo per preservare sacche di rendita. Ma sulla formazione ci giochiamo il destino delle prossime generazioni, e invece è un carrozzone che, per rispettivi interessi, nessuno osa mettere in discussione. È uno scandalo inaccettabile. Il Big Bang per incidere deve avere anche un sbocco politico. Quale potrebbe essere? La prima cosa chiara è che non si può fare la rivoluzione con i colonnelli della restaurazione. E questo vale per tutti. La seconda cosa è che alla Leopolda noi vogliamo fare un qualcosa accettando il rischio di essere arroganti: portare la discussione politica sui contenuti e non sulle simpatie. Che Berlusconi sia al capolinea è cosa chiara ed è un declino che intristisce persino i suoi più accaniti sostenitori della prima ora. Ma di fronte a questa situazione il centrosinistra ha qualcosa di credibile da mettere in campo? O alla fine tutto si traduce in un ricambio di nomenclature? Le primarie potrebbero essere lo strumento per un cambio di marcia? Certamente, a patto che siano primarie aperte e non controllate dalle segreterie. Le primarie sono un fattore costitutivo del Pd. Se le si imbriglia con qualsiasi mezzuccio, alla fine si fa del male al Pd.

Quindi questo vuoi dire che lei è pronto a correre?
Davvero non è il momento dei personalismi. In questo momento il mio e nostro desiderio è quello di candidare dei contenuti, in modo molto netto, senza ambiguità. Ce ne sono alcuni che saranno spiazzanti per la sinistra radicale, meglio essere chiari subito.

Ad esempio?
Che noi dobbiamo rappresentare non i vecchi mondi, ma questi nuovi mondi. Dobbiamo stimolare l’autorganizzazione dei cittadini, dare sostanza reale alla sussidiarietà, puntando sul privato sociale. E poi non dobbiamo eludere il rigore dei conti e affrontare seriamente la competitività del sistema Italia. Non si parte da zero, comunque. Ci sono esperienze positive, in fatto di amministrazione di realtà locali, in Italia a cui guardare.

Ad esempio?
Per me è un modello l’amministrazione di Graziano Delrio, sindaco di Reggio Emilia. Per questo, contro la volontà della segreteria del Pd che candidava in quel posto Emiliano, l’ho sostenuto alla presidenza dell’Anci. Delrio è un punto di riferimento, perché in un momento complicato come questo ha trovato risorse nelle forze vive della città, in particolare in quelle del privato sociale. A dimostrazione che la crisi può trasformarsi davvero in un’opportunità.

Non teme che alla fine queste sue posizioni le costeranno troppo in termini di consenso? Ad esempio all’interno del Pd. Quest’anno non c’è più neppure il suo compagno di strada Civati…
Quando si scollina i paesaggi cambiano, e mi auguro cambino anche i vecchi meccanismi del consenso: dobbiamo credere nella forza e nella persuasività dei contenuti che usciranno dalla 3 giorni della Leopolda. E poi mi lasci un’ultima battuta: qui o si fa il Big Bang o si finisce in un buco nero.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.