Perché andiamo alla Leopolda

Cari amici,

una stagione politica si sta chiudendo nel modo peggiore. Il declino di Berlusconi è forse irreversibile. Ma sarà di certo inutile se si trasformerà solo nell’occasione di celebrare una rivincita tardiva.

La sfida ora è di scrivere una pagina nuova che sappia ricostruire tutto ciò che è stato distrutto dal berlusconismo, raccogliere le nuove sfide per dare al nostro Paese un’occasione di rilancio.

Costruire un percorso nuovo che sappia appassionare e coinvolgere.

In Italia non mancano le energie. Mancano i catalizzatori. Ecco perché abbiamo scelto di partecipare al Big Bang a Firenze, dal 28 al 30 di ottobre.

Non si tratta del raduno di una parte. Né di una generazione, né di un partito.

La nostra convinzione è che oggi la maggioranza degli italiani, di tutte le età e di tutti gli orientamenti politici, voglia il cambiamento. Le resistenze, beninteso, esistono. Ma questo è uno dei rari momenti nei quali il desiderio di svoltare pagina è più forte di quello di conservare l’esistente.

Alla nuova politica spetta il compito di rafforzare le ragioni del cambiamento. E di organizzarle intorno ad una piattaforma che non sia il solito libro dei sogni. Per questo chiediamo a tutti di venire a Firenze con i propri progetti e le proprie idee.

Sarà l’occasione per dimostrare che la buona politica può non rimanere un’utopia, se all’insulto, alla cooptazione e alla rissa sapremo sostituire ascolto e proposte.

Vi aspettiamo alla Leopolda!

Damiano Zoffoli, Matteo Richetti, Beppe Pagani
Consiglieri regionali dell’Emilia-Romagna

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Perché andiamo alla Leopolda

  • massimo faggiotto

    Damiano, sai che condivido questa impostazione.
    Non potrò essere presente a Firenze per impegni di lavoro, ma ho inviato al blog del big-bang alcune riflessioni su due tematiche: le allego.

    Credo che ogni cittadino debba formulare idee per gli aspetti che conosce, senza guardare al colore politico: mi è molto piaciuto il motto “dimmi dove vai, non dirmi da dove vieni”.
    Io mi limito a due aspetti:
    – Enti pubblici di 2° livello
    – Pensioni
    Il mio punto di vista è il seguente:
    – non sono le privatizzazioni, più o meno vere, a poter risolvere il problema della scarsa efficienza di alcune di dette società, ma l’applicazione di principi che non devono essere prerogativa esclusiva del privato;
    – è falso il problema dei compensi elevati agli amministratori (quello vero sono il numero ed i compensi dei dirigenti, vedere i bilanci!!!), in quanto se si vogliono persone capaci che dedichino tempo ed attenzione, assumendosi vere responsabilità, devono essere debitamente compensate, ma sempre in funzione degli obiettivi raggiunti!!!!!
    – chi ritiene di avere le capacità per amministrare un Ente deve essere chiamato a rispondere in solido in caso di risultato negativo: la corsa agli incarichi pubblici sarà meno affollata, l’approfondimento preventivo della situazione delle diverse società, oltre che del grado di autonomia decisionale dai politici, sarà più puntuale.
    – chi effettua la scelta degli amministratori dovrà dare pubblica informazione in merito ai criteri ed alle motivazioni della scelta, alle caratteristiche dei prescelti, all’effettiva autonomia nelle decisioni lasciata agli amministratori, agli obiettivi che la società deve raggiungere, in modo da rendere possibile un riscontro oggettivo fra gli obiettivi fissati e quelli raggiunti, e ne dovrebbe rispondere in prima persona!!!!

    Se si riuscirà ad applicare questi principi, si farà un eccellente servizio alla collettività, si avrà inoltre un risparmio di risorse finanziarie disponibili per gli Enti soci (Comuni, …..).

    Alcuni suggerimenti, attuabili anche nel pubblico, se c’è la volontà:
    Amministratori:
     Legare in larga misura il loro compenso ai risultati ottenuti e non alle presenze (è vero che i compensi forfetari sono stati generalmente ridotti, ma se i gettoni di presenza sono più che consistenti con Consigli di amm.ne convocati anche settimanalmente per discutere o.d.g poco impegnativi se non inutili, il risparmio va a farsi benedire!!!).
     Chiedere agli amministratori di restringere la forbice esistente fra i livelli retributivi più alti e quelli più bassi (normalmente quelli di chi produce sul campo) con una verifica della struttura gerarchica ed organizzativa degli Enti, operando la mobilità fra gli enti soci se ci fossero esuberi nei livelli più alti, anche per favorire il ricambio e lo scambio di esperienze fra i livelli più alti.
     Iniziare eventuali tagli dai livelli più alti: di norma in una società in difficoltà economica i risparmi si fanno da questi!!!! Non si può risparmiare su chi prende 850/1000 euro al mese. ma da chi ne prende 3000/4000 e più!
     Verificare le modalità di assunzione, i concorsi interni (spesso dei veri bluff per favorire “amici”), le società di consulenza e selezione del personale …: ci sono centinaia di diplomati e laureati del territorio in cerca di lavoro …….. e arrivano quadri e dirigenti da ogni dove!!!!!!!
     In ogni c.d.a dovrebbe essere presente un amministratore (se di nomina pubblica) nominato dalla minoranza: questo darebbe un forte segnale di trasparenza e sarebbe da pungolo per tutti i componenti dei c.d.a!!!!
     In ogni c.d.a dovrebbero essere inseriti giovani laureati, con un compenso simbolico, in qualità di “uditori” con vincolo di segretezza, in modo da favorire la crescita di nuove classi dirigenti; sarebbe un segnale forte alla fascia dei giovani laureati, mortificati dalla loro condizione attuale.

    Dirigenti:
    • Non devono essere destinati allo stesso settore per troppi anni (5 max), si rischia di generare blocchi di potere che minano l’efficienza, la crescita dei sottoposti, il ricambio,…..; il dirigente, per sua prerogativa, deve essere in grado di “dirigere” i diversi settori di un Ente, sono i responsabili tecnici che devono avere capacità tecniche specifiche!!!!
    • I premi di produzione ed i vari riconoscimenti economici devono essere vincolati non alla presentazione di progetti ma al successo degli stessi!!!! Esistono “cancelletti” da raggiungere che nel privato porterebbero al licenziamento in tronco per i modi con i quali vengono raggiunti e che negli Enti di emanazione pubblica portano a premi spropositati: presento un progetto e vengo premiato con un bonus di 20-30.000 euro!!???, anche se il progetto non produce nulla o addirittura crea perdite (dovrebbe esser previsto il risarcimento!!).
    • La loro uscita dall’Ente per raggiunti limiti pensionistici deve essere preceduta dalla verifica (Direttore Generale o Amm.ne Delegato che ne deve rispondere in prima persona!!) del passaggio reale delle consegne (come nel privato!!) a chi dovrà sostituirli: è poco serio ed antieconomico che un dirigente esca per essere immediatamente reinserito come consulente perché senza di Lui il lavoro non potrebbe andare avanti!!!!!
    • Non consentire ad un ex dirigente di poter assumere per 3/5 anni dall’uscita, incarichi di consulenza o di amministratore nell’Ente dal quale è uscito!!!! Si evita il perpetuarsi di blocchi di potere e si favorisce la crescita di chi deve proseguire nel lavoro.

    Pensioni
    Si mantiene la grande ingiustizia che per pagare le pensioni future e quelle già maturate, saranno soprattutto tre categorie di cittadini:
     i giovani, gli attuali 40/55enni ed i lavoratori a regime misto (per un periodo dipendenti ed un altro periodo autonomi per scelta o per forza) che si vedono allungare l’età pensionabile e ridurre sotto il livello di sopravvivenza il valore della pensione che matureranno (la pensione integrativa con investimento del TFR è una bufala!!!); il tutto per mantenere in una posizione di privilegio categorie quali ad esempio:
     i baby pensionati, che hanno versato contributi per 19/20 anni ed hanno rendite equiparabili a quelle che matureranno coloro che verseranno 35/40 anni di contributi, fruendone per un periodo geologico;
     i parlamentari e assimilabili (boiardi di Stato ….), che maturano pensioni assurde in tempi brevissimi;
     coloro che sono andati in pensione prima dei 57 anni;
     ……………………………………………………. elenco inesauribile

    Allora per una riforma delle pensioni in grado non solo di essere più equa, ma di evitare tensioni sociali molto pericolose e più che latenti nel Paese, si possono ipotizzare da subito alcuni provvedimenti (solo alcuni esempi ….):
    – stabilire una soglia minima (1.300,00 euro/mese/netti???) e massima (5.000,00- 7.000,00 euro/mese/netti???) della pensione pubblica DI TUTTI COLORO CHE NE HANNO DIRITTO, per i prossimi anni (5-7 ??), in funzione delle esigenze reali di una famiglia standard (Enti pubblici di ricerca che devono studiare le tendenze e le esigenze socio-economiche del Paese non sono in grado di darci queste informazioni con certezza, rispondendone in solido se sbagliano???); chi non riesce a vivere con 5.000,00-7.000,00 euro/netti al mese?????
    – aggiornare ogni 2 anni le due soglie sempre in funzione delle esigenze reali di una famiglia standard (per una persona di 80/85 anni, per esempio, l’esigenza principale da soddisfare è probabilmente quella di un’assistenza sanitaria adeguata e dignitosa, garantita dallo Stato); d’altra parte se l’aspettativa di vita si allunga, ciò non avviene solo per coloro che attualmente lavorano o che inizieranno a lavorare, ma anche per coloro che sono in pensione già da tempo; per questi chi paga se hanno versato contributi non sufficienti?????;
    – bloccare le pensioni dei baby pensionati per un periodo di tempo che consenta il loro allineamento con il livello di contributi versati realmente, favorendoli nel reperimento di lavori (socialmente utili???) che consentano loro di recuperare il disavanzo che si verrebbe a creare; d’altra parte un gran numero di questi cittadini (ci sono fra loro 50enni e 60enni più che sani, forse perché hanno lavorato poco!!!!!!????) potrebbe svolgere servizi o occupazioni quali ad esempio trasferire la propria esperienza ai giovani (corsi di formazione, incontri di lavoro, affiancamento a scuola o sul posto di lavoro……., il tutto ad orario ridotto o a giorni alterni ….. pagati con i fondi della formazione professionale ????!!!!)
    – porre un tetto massimo alla pensione pubblica , consentendo di recuperare una forte eccedenza da accantonare per promuovere l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e di fornire servizi di assistenza minimi e decorosi (morire con dignità!!) a tutti;
    – porre lo stesso tetto massimo alle pensioni delle categorie privilegiate (parlamentari nazionali/regionali/………. elenco infinito) con maturazione solo al raggiungimento dell’età stabilita per altre categorie di cittadini “comuni”(60/65 anni ??) e non prima, vietandone il cumulo con altre pensioni: in sostanza, se hai fatto il parlamentare o altro servizio allo Stato, significa che in quel periodo*** non hai svolto altro lavoro (se invece lo hai svolto, non eri a tempo pieno per lo Stato!!! e quindi non meriti la pensione intera) ed alla fine avrai versato contributi misti (l’occupazione principale + il lavoro da parlamentare o altro …….) che ti verranno cumulati in un’unica pensione, non doppia pensione!!!
    – Procedere alla cumulabilità dei periodi lavorativi: se hai lavorato 20 anni da dipendente, 10 da co,co.co, co.co.pro. …… e 10 da autonomo, devono esserti riconosciuti 40 anni di versamenti, prescindere a chi li hai versati, e ricevere un’unica pensione in base alla somma di quanto versato!!!!!!!

    A questo punto elevare l’età pensionabile (62/65 anni) non sarebbe uno scandalo e chi vuole pensioni maggiori potrà fare piani pensione integrativi, veri, versando parte dei compensi maturati nel corso della vita (se non gli sono serviti per sopravvivere!!!); sarebbe una libera scelta per coloro che guadagnano di più mentre il livello minimo di base sarebbe garantito a tutti, senza incidere sul livello di tassazione.

    Nei 5-7 anni di transizione si otterrebbero risparmi in grado di evitare di gravare solo sulle categorie sopra indicate.

    I politici coraggiosi e con i “maroni”, quelli veri, non quelli che hanno creato lo scalone o cincischiato con delle finte riforme, dovrebbe dare un colpo d’ala ad una situazione scandalosa; sia che siano di “destra” che di “sinistra”, anche perché in questi ultimi anni il cittadino non li distingue più!!!!

    D’altra parte in una famiglia composta da persone di diversa età, con esigenze diverse che si manifestano in periodi temporali differenti, le risorse economiche vengono distribuite non una volta per tutte, ma dosate dal capo-famiglia in funzione delle necessità più urgenti e dal momento nella quali si manifestano.

    Una famiglia numerosa, di norma e quando può permetterselo, garantisce ai figli maggiori: la possibilità di studiare, un abbigliamento decoroso ed un minimo per soddisfare le esigenze di una persona giovane; per eventuali altre esigenze il figlio deve procurarsi direttamente le risorse.

    Le altre risorse economiche vengono destinate alla vita familiare ed alle necessità dei figli più giovani e quindi più deboli.

    Nel momento in cui, per diverse vicissitudini, le risorse dovessero essere insufficienti la famiglia non andrebbe a ridurre le risorse destinate ai figli più giovani ma agli altri e questi dovrebbero cercare altre soluzioni (cercarsi un lavoro extra studio, ridurre il tenore di vita, rinunciare, risparmiare,…..); in sostanza non si andrebbe ad incidere sulla fascia più debole!!!!!!

    Lo Stato dovrebbe agire come il capo-famiglia che sa dosare di volta in volta le risorse ed ha il coraggio e l’autorità di intervenire quando si accorge che ci sono disuguaglianze fra i vari componenti, chiedendo sacrifici a tutti e non solo a coloro che si trovano nel mezzo del problema, riducendo sempre le risorse a chi ne ha a sufficienza e molte volte anche oltre.

    Per affrontare realmente il problema pensionistico non si possono evitare i seguenti passaggi:
    – intervenire anche su quelle già maturate in modo legale ma ingiusto, socialmente parlando;
    – intervenire su quelle “assurde” che superano i 10.000 euro mensili e più (non parliamo degli appannaggi immorali di alcune categorie!!!) e sono reversibili;
    – fissare un’età eguale per tutti (esclusi i lavori usuranti) per la maturazione del diritto alla pensione;
    – vietare il cumulo delle pensioni maturate durante lo stesso periodo*** (eccetto quelle volontarie con versamenti privati, per chi se lo può permettere).

  • stiamo aspettendo un cambiamento, giovani e non, io ho 26 anni di presidenza nella scuola sulle spalle, ho diretto la scuola europea di Parma per 2 anni molto ostacolata dal sindaco che ha fatto la figura che abbiamo visto, e aspetto da voi giovani quelle innovazioni che ormai i vecchi cristallizzati nelle loro congetture non sanno trovare. buon lavoro e se c’è bisogno chiamate
    Maria Dari

  • fabrizio fornasari

    Caro Damiano,
    Matteo Renzi va sostenuto. Le idee buone debbono circolare e diffondersi. Dovremmo organizzare un convegno in provincia (a Cesena o a Forlì o anche in un altro nostro Comune) con Renzi. Quando venne a Cesena all’inizio dell’anno era presente molta gente.
    Riproviamoci. Mi dispiace non essere venuto alla Leopolda. Ciao. Fabrizio Fornasari