Giustizia. Sezioni distaccate dei tribunali, evitare chiusure ingiustificate

Uffici a rischio in dieci città dell’Emilia-Romagna. Approvata una risoluzione

L’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna ha approvato ieri, all’unanimità, una risoluzione sottoscritta da tutti i Gruppi consiliari (prima firmataria Roberta Mori, PD) che impegna la Giunta a valutare gli effetti, sul territorio, del testo approvato al Senato sulla ridefinizione dell’assetto degli uffici giudiziari.

Il 7 settembre 2011, infatti, il Senato della Repubblica ha approvato il disegno di legge di conversione, con modificazione, del D.L. n. 138 del 13 agosto 2011 recante ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e lo sviluppo, in cui, all’art. 1 comma 2 lettera d, si legge di “procedere alla soppressione ovvero alla riduzione delle sezioni distaccate dei tribunali”.

Il sistema giudiziario italiano ha urgente bisogno di interventi idonei a ridurre la durata dei processi civili e penali ed è ormai indifferibile portare avanti un effettivo percorso di razionalizzazione e semplificazione dell’attività processuale. – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – Pregiudiziale a qualsiasi riforma di sistema è la riorganizzazione degli uffici e, in particolare, delle circoscrizioni dei Tribunali”.

In Emilia-Romagna sono presenti 10 sezioni distaccate di Tribunale (situate nei Comuni di Carpi, Cesena, Faenza, Fidenza, Guastalla, Imola, Lugo, Pavullo nel Frignano, Porretta Terme e Sassuolo) che hanno contribuito in modo efficiente all’organizzazione complessiva della geografia giudiziaria ed al sistema dei servizi diffusi sul territorio regionale. – prosegue Zoffoli – Con la risoluzione, pertanto, impegnamo la Giunta regionale a valutare gli effetti sul territorio regionale del testo approvato al Senato, in particolare le ricadute sulla geografia giudiziaria della distribuzione degli Uffici Giudiziari emiliano-romagnoli, e ad attivarsi, nelle sedi opportune, affinché i criteri di riordino messi a punto siano fortemente integrati per contribuire a limitarne gli effetti distorsivi, nonché chiusure ingiustificate e potenzialmente lesive dell’efficacia complessiva”.

“Il tema della razionalizzazione della giustizia, fortemente attuale nel dibattito politico – afferma la Consigliera Roberta Mori – ha trovato, in questa risoluzione, un ampio consenso di forze politiche. Quando si tratta di definire con serietà i criteri per un percorso di semplificazione e di riorganizzazione occorre abbandonare qualsiasi forma pregiudiziale per cercare le soluzioni più appropriate. Per questo motivo auspichiamo che il tavolo di confronto tra Regione Emilia-Romagna e Governo definisca una geografia degli uffici giudiziari sul territorio regionale conforme all’efficienza, senza rinunciare alle valutazioni di merito. Il fatto che la Risoluzione abbia ottenuto l’approvazione all’unanimità è un segnale importante”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.