“Basta rottamare, tiriamo fuori le idee”

BIG BANG A FIRENZE. Da oggi a domenica alla stazione Leopolda ci sarà l’iniziativa organizzata dal sindaco Renzi. Parteciperà anche un nutrito gruppo di cesenati guidati dal Consigliere regionale Damiano Zoffoli (Pd) che dice: “anche il centrosinistra deve sapersi innovare”.

La VOCE di Romagna – venerdì 28 ottobre 2011.

A Cesena, nell’élite del Partito Democratico, il sindaco di Firenze Matteo Renzi non riscuote troppi consensi. Ma anche tra le rigide fila democratiche cesenati si annida un nutrito gruppo di “rottamatori” che parteciperà al “Big Bang”, l’iniziativa organizzata dal primo cittadino di Firenze che si terrà fino a domenica alla stazione Leopolda del capoluogo toscano.

Anche quest’anno il consigliere regionale Damiano Zoffoli (Pd) guiderà a Firenze i “rottamatori” cesenati.

“Una stagione politica si sta chiudendo nel modo peggiore, il declino di Berlusconi è irreversibile”, sottolinea l’ex sindaco di Cesenatico. “C’è una crisi finanziaria che mette nel mirino la tenuta del nostro sistema economico. Una crisi di credibilità della classe politica che induce un italiano su due a non riconoscersi più in alcun partito. Una crisi morale che dà del nostro Paese l’immagine peggiore: non solo all’estero, ma soprattutto a noi stessi e ai nostri figli. Adesso è il momento di decidere che Italia vogliamo, l’antiberlusconismo non basta più servono idee forti e uomini liberi. È il momento del coraggio, non della paura; è il momento di cambiare e non di resistere”. Ed è su questi presupposti che Zoffoli si appresta a vivere la full immersione fiorentina.

“In Italia non mancano le energie. C’è una maggioranza di italiani, di tutte le età e di tutti gli orientamenti politici, che oggi vuole il cambiamento. Ecco perché a Firenze, rispetto all’iniziativa dello scorso anno, a cui pure ho partecipato, ci sarà un salto di qualità: basta con la sola rottamazione, è il momento di tirare fuori le idee”.

Il problema è quali idee tirar fuori dal cilindro. “L’impronta sarà molto netta: riformista, liberale, innovatrice. Sì a un nuovo mercato del lavoro, sì al contratto unico, sì alla riforma delle pensioni, sì alla centralità delle famiglie, sì all’eliminazione dei privilegi e delle rendite”, risponde Zoffoli.

L’unica strada per uscire dalla crisi è quella di premere l’acceleratore delle riforme. E anche il centrosinistra deve innovare e sapersi innovare. Non può difendere i soli diritti dei garantiti e lasciar morire gli esclusi. Sul mercato del lavoro oggi si va dall’estrema precarietà, all’impossibilità di licenziare. Sulle pensioni va esteso a tutti il contributivo. Ma la politica non è credibile se continua a chiedere sacrifici senza mai farne”.

Ma il Big Bang non rischia di diventare simbolo di una corrente interna al Pd? “Non è il raduno di una parte, né di una sola generazione, né tantomeno di un partito”, conclude Damiano Zoffoli. “È l’esigenza, e la voglia, di rompere tabù consolidati, per affrontare finalmente quei nodi che, da troppo tempo, bloccano il nostro Paese”.

Maicol Mercuriali

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.