Alessandro Baricco alla Leopolda

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Alessandro Baricco alla Leopolda

  • Si, Baricco ha ragione, non giocare con i neri e tutto il resto.

    Ma non basta.

    Servono anche idee NUOVE, non solo stesse idee in corpi nuovi.

    Rischiare ? Rischiamo!

    Il PD deve… avere il coraggio di cambiare idea sulla TAV.
    Avere il coraggio di cambiare idea su Hera. Avere il coraggio di rinunciare ai rimborsi elettorali.
    Avere la grinta di investire sulla democrazia diretta e su cittadini non di partito nelle istituzioni.
    Rivedere le politiche sulle privatizzazioni ritornando al ruolo centrale dei comuni.
    Abolire “davvero” i vitalizi e le sistemazioni facili degli ex politici nelle partecipate.
    Promuovere non solo l’acqua pubblica ma anche tutti gli altri monopoli naturali pubblici, come trasporti, rifiuti, etc.
    Avere il coraggio di dire NO a Marchionne e alla sua idea che la competitività va raggiunta sulle spalle dei diritti collettivi dei lavoratori.
    Dismettere la “politica dei piccoli passi” che ha la pretesa di accontentare tutte le lobby economiche nessuna esclusa, privilegiando le scelte votate al bene comune e alla tutela del territorio.
    Fermare la cementificazione e ragionare in termini di resilienza e di valore strategico del terreno agricolo da preservare.
    Abbandonare il sillogismo per cui la crescita si esplica solo attraverso le grandi opere.
    Prendere una posizione netta contro il precariato e sviluppare politiche a favore dei giovani.
    Permettere il ricambio della propria classe dirigente, con un massimo di due mandati, anche per i leader storici.
    Bloccare sul nascere i conflitti di interessi e ridurre i finanziamenti pubblici all’editoria.
    Dotarsi di una solida e verosimile sensibilità ecologica.
    Copiare le buone pratiche dei comuni virtuosi e prendere spunto dalle migliori esperienze degli altri paesi, anche contro il proprio tornaconto personale.

    Se solo una piccola parte di queste cose entreranno a far parte del background della nuova classe dirigente, un timido passo sarà stato davvero compiuto, e l’elettorato non potrà non riconoscerlo.