“Renzi è quello giusto, ha l’età ed il coraggio”

La parte dell’Emilia Romagna che ha scelto la Leopolda

Intervista pubblicata su “il sito di Firenze” – venerdì 28 ottobre 2011.

Damiano Zoffoli, consigliere regionale dell’Emilia Romagna. Medico odontoiatra che ha iniziato la sua carriera politica come consiliere comunale nella Margherita, poi eletto sindaco a Cesenatico nelle fila del Pd, infine eletto “inaspettatamente” dice lui stesso nel Consiglio Regionale.

Com’è che un medico arriva a fare politica?
Compito di un medico è quello di curare, ma prima ancora di prevenire. Ed è questo quello che dovrebbe fare la politica oggi: ARRIVARE PRIMA! Non deve limitarsi a essere solo una politica di emergenza. Ad oggi invece è mancata la prevenzione.

Perché ha scelto l’evento della Leopolda di Renzi?
Perché condivido alcune sue idee, io credo che la politica debba rischiare qualcosa, ci vuole un cambiamento profondo. Condivido con Renzi l’idea che ci vuole coraggio, e che bisogna metterci la faccia. Condivido il suo stile, concreto, da sindaco, come lo sono stato io. Anch’io come lui ho fatto delle scelte impopolari.

Per esempio?
Ho pedonalizzato il centro storico di Porto Canale, tra l’altro progettato da Leonardo Da Vinci, e in molti allora, soprattutto i commercianti, hanno protestato; gli stessi che ora si lamentano quando un’automobile passa da lì abusivamente.
Ho eliminato i parcheggi vicino al mare e li ho sostituiti con parchi giochi; stabilito che fossero a pagamento quelli nelle adiacenze e gratuiti quelli più lontani.
Perché ritengo che sia fondamentale il tema della qualità ambientale.

Torniamo a Renzi, lei condivide dunque l’idea che fare politica deve essere a tempo e non debba diventare un mestiere?
Certo. Alla politica servono idee forti e uomini liberi, liberi economicamente, dai condizionamenti, dalle solite incrostazioni. Ci vuole libertà d’azione.
Ai miei più cari amici raccomando sempre: ‘Avvertitemi quando pensate che abbia fatto il mio tempo, che ho dato quanto potevo dare’. Si può fare politica in molti modi.

Che cosa si aspetta da questo evento? Sarà fondativo di che cosa?
Intanto io c’ero già l’anno scorso. Allora ho còlto che c’era la voglia di rompere gli shemi di una politica autoreferenziale. C’erano le idee, ma erano un po’ confuse, ciò che è mancata è stata la sintesi. Mi aspetto quindi che stavolta siano più strutturate.

Come sarà possibile realizzare questo non godendo della simpatia dei vertici del partito?
Sono cambiati tanti partititi ma i leader sempre gli stessi. Non abbiamo bisogno di un nuovo partito ma di un partito nuovo. O il partito cambia il Paese o morirà.
Il messaggio della Leopolda va in questa direzione: cambiare l’Italia.

E sulle Alleanze?
Da questo punto di vista sono molto perplesso. A me personalmente la foto di Vasto mi sa di vecchio. Bisogna invece intercettare ambizioni più grandi, interloquire con la società, che è quella che è venuta fuori dai referendum, dalle ultime elezioni amministrative. Io ho un’idea di società che è del Noi. Non basti più dire ‘guardiamo con simpatia’ , deve esserci un innervato di queste energie.

Come crede che sarà possibile realizzarlo politicamente?
Con le Primarie, che sono uno strumento fondativo: Siamo di fronte alla fine di un ciclo storico, è la fine di un modello di società e di economia. Quello che può fare il vecchio apparato è solo resistere. A me da l’idea di un gigante con i piedi d’argilla.

Ormai da più parti si parla di rinnovamento. E ciascuno vuole avere la patente di ‘innovatore’: l’anno scorso c’era anche Civati con voi, lei è andato all’evento di Bologna?
No, non potevo.

Cosa pensa del divorzio da Renzi?
Sa lì scattano meccanismi di empatia legati alle persone. Mi sento piu vicino al popolo di Renzi. Civati e Renzi hanno in comune l’idea di cambiare, a differenziarli è il ‘come’. La rottamazione legata alle persone mi lascia perplesso, la carta d’identità non vuol dire necessariamente cambiamento. Un esempio è il Presidente Napolitano.
Prodi è l’unico che ha vinto contro Berlusconi, ed è anche l’unico che si è ritirato.
Tutti quelli che invece con Berlusconi hanno perso sono ancora lì, quindi non possono essere l’alternativa. Per una fase nuova ci vogliono soggetti nuovi.

Quali idee o programmi condivide con Renzi?
La riforma della Pubblica Amministrazione innanzitutto, che al momento è obesa, ridurne i costi insieme ovviamente a quelli della politica, procedere a una semplificazione. In Italia abbiamo confuso la complessità con la complicazione. Bosogna sburocratizzare.
E poi il mercato del lavoro; questa è una società in cui i giovani sonofuori. Da un lato ci sono i supergarantiti, dall’altro chi non ha un futuro. E sono molte le forze che resistono al cambiamento, il sindacato è uno di queste.

Ha assistito alla querelle televisiva tra Cofferati e Renzi?
Sì. Non ho condiviso lo stile, si è andato molto sul personale e questo non mi piace. Ma nella sostanza credo che Renzi avesse ragione. Il sindacato è vecchio e vale anche per le associazioni, da troppo tempo le stesse poche persone si confrontano con i vecchi schemi. La concertazione andava bene prima, serve una programmazione negoziata; bisogna allargare il perimetro: i nuovi soggetti protagonisti devono sedere ai tavoli su cui si decide il futuro, vedi le famiglie che hanno dato vita a dei servizi nuovi, questa è la vita vera.

A Renzi si rimprovera sempre di essere poco di sinistra, lei che ne pensa?
Quello che gli viene imputato come un difetto per me è un pregio. Il centrosinistra deve uscire dal suo recinto tradizionale, a maggior ragione in regioni come la Toscana e l’Emilia Romagna. Un voto che viene dall’altra parte, è un voto guadagnato, vale doppio. Se il centro sinistra non sfonda dall’altra parte, continuerà a perdere.

Chi candiderete?
Renzi.

Perché lui?
Ci tengo a precisare che non c’è nessun innamoramento della persona, io sono innamorato solo di mia moglie. Non abbiamo bisogno di un Berlusconi di sinistra, ci serve una guida, non un capo. Secondo me lui ha l’età, ha dimostrato di avere coraggio, ha delle idee che condivido.
Sono sicuro che prima o poi lui arriva, se non è oggi, sarà domani ma nel frattempo avremo perso tempo.

Filomena D’Amico

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.