Ecco le 100 proposte per il WikiPd

Il documento finale che fa da sintesi alla tre giorni fiorentina della stazione Leopolda

Un documento che non ha la pretesa di essere conclusivo ma, anzi, “è a disposizione di tutti per essere discusso, rielaborato e anche rivisto completamente da chiunque abbia voglia di contribuire”.

Le 100 proposte declinano i 5 temi scelti nella fase preparatoria dell’evento:

1. RIFORMARE LA POLITICA E LE ISTITUZIONI;
2. FAR TORNARE I CONTI PER RILANCIARE LA CRESCITA;
3. GREEN, DIGITAL, CULTURA E TERRITORIO: LE NUOVE LEVE DELLO SVILUPPO;
4. DARE UN FUTURO A TUTTI;
5. PER UNA SOCIETÀ SOLIDA E SOLIDALE.

È possibile scaricare il DOCUMENTO cliccando qui.

Le 100 proposte sono un punto di partenza, non di arrivo. Ogni suggerimento, critica, proposta è importante per stimolare la discussione.

E questa pagina del mio sito è a disposizione! Lasciate i vostri commenti, diteci cosa ne pensate.

Perché il Big Bang siamo tutti noi. E tutti insieme vogliamo, e possiamo, riportare la politica a parlare di cose concrete!

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

5 comments to Ecco le 100 proposte per il WikiPd

  • Alessandro Bettoli

    Buongiorno,

    mi permetto, sono un ex consigliere provinciale della Margherita. Sono pienamente d’accordo sull’abolizione delle province, però la privatizzazione degli infortuni mi sembra una boiata fuori da ogni limite.
    Secondo, mi aspetto un maggior rispetto x il sindacato, anche e sopratutto dal nostro leader Renzi. Sono iscritto orgogliosamente alla CGIL (FIOM), anche se non vengo da quel mondo.
    Terzo, chiedo scusa, ma vorrei sapere da che parte andiamo, perchè il sospetto che qualcuno abbia troppe simpatie destroidi non mi fa dormire sonni tranquilli.
    Grazie.
    Alessandro Bettoli, Faenza

  • Nel metodo, non posso evitare di sottolineare come il ghost writer del documento, come si evince dalle proprietà del PDF, sia GIORGIO GORI, uomo Fininvest amico intimo di Berlusconi, marito della famosa Cristina Parodi, ex direttore di Canale 5 e ideatore di numerosi format del biscione. Insomma, la cosa PUZZA TANTISSIMO.

    Nel merito, ci sono cose indubbiamente interessanti, ho apprezzato molto il punto 48 (Avvocati pagati solo su preventivo), come antidoto alle lungaggini della burocrazia giudiziaria.
    Anche il 21 (Fisco), che di fatto prospetta l’introduzione di una patrimoniale per ridurre la pressione del fisco sul lavoro dipendente, è apprezzabile.
    Sono ben pochi i punti ai quali mi sentirei contrario di principio, tranne uno.

    Il (27) che sancisce la liberalizzazione totale dei servizi pubblici locali.

    Credo occorra andare in senso nettamente opposto, come anche sancito dal referendum sull’acqua.

    27. Liberalizzare i servizi pubblici locali. I servizi pubblici locali sono un monopolio d’inefficienza; bisogna liberalizzare i servizi, accorparli in poche società, abbassare i costi di gestione, ottimizzare l’uso del personale, rendere le gestioni trasparenti, allontanare la politica dalle decisioni aziendali.

    Tutto ciò significa solamente privatizzazioni selvagge, occorre lasciare libertà ai comuni la possibilità di decidere quali servizi cedere ai privati e quali gestire in proprio, in maniera trasparente, perchè la stessa distribuzione di attribuzioni non va bene per tutti i comuni, e la politica DEVE mantenere il controllo nelle scelte strategiche sui servizi vicini al cittadino, altrimenti le buone pratiche dei comuni virtuosi possono andare benissimo a farsi benedire.

  • giusto balzani

    Caro Damiano,
    le Province si possono abolire con una legge immediata, la quale preveda che, scaduti gli attuali consigli provinciali, non si vada alle elezioni, ma si preveda che i prossimi consigli provinciali sono formati dai sindaci eletti nel territorio della circoscrizione provinciale.
    Un secondo articolo della legge dovrebbe stabilire il termine entro il quale l’assemblea provinciale dei sindaci deve decidere il trasferimento e le modalità nuove di gestione delle funzioni provinciali.
    In tale modo la Provincia viene svuotata.
    Non c’è bisogno di modificare la Costituzione!!!!!!!

    • caro Giusto,
      immagino avrai visto cosa ha detto, oggi, Mario Monti, nel suo discorso di insediamento: “Il riordino delle competenze delle Province può essere disposto con legge ordinaria. La prevista specifica modifica della Costituzione potrà completare il processo, consentendone la completa eliminazione, così come prevedono gli impegni presi con l’Europa”.
      come dire, “siete in linea”…
      a me sembra, e spero davvero, che siamo sulla buona strada!
      un caro saluto,
      Damiano

  • auriemma

    RITENGO CHE LA PRIMA COSA DA FARE E INTRODURRE UNA PATRIMONIALE, NEI MOMENTI DI CRISI DEVONO PAGARE CHI HA DI PIU’ E NON SEMPRE I SOLITI LAVORATORI DIPENDENTI, COME SI SA NON HANNO LA POSSIBILITA’ DI EVADERE IL FISCO , MENTRE CI SONO MIGLIAIA DI PRESTANOMI CHE HANNO INTESTATO BARCHE VILLE ECC.. SE INTRODUSSIMO UNA PATRIMOILAE VERREBBERO MENO I PRESUPPOSTI DEI FAMOSI PRESTANOMI; RECUPEREREMO MILIARDI DI EURO DALL’EVASIONE FISCALE.

    I SERVIZI PUBBLICI LOCALI NON POSSONO ESSERE DATI IN MANO AI PRIVATI PERCHE’ LORO GUARDEREBBERO SOLO AI PROFITTI E, SE UNA LINEA NON RISULTASSE PRODUTTIVA, NON CI PENSEREBBERO UN ATTIMO AD ELIMINARLA , A DISCAPITO DEI CITTADINI; CI VORREBBE UNA GESTIONE PIU’ OCULATA, EVITARE GLI SPRECHI ,ANCHE QUELLI DELLE CASTE INTERNE CON STIPENDI DA FARAONI, VEDI HERA ATR. CI VORREBBE UN CONTROLLO CAPILLARE SULLA GESTIONE E L’ORGANIZZAZIONE GENERALE. LA POLITICA IN CERTI AMBIENTI HA FATTO SOLO DANNI, VEDI ASL, OSPEDALI, CI SONO PERSONI INCOMPETENTI, SOLO PERCHE’ CATAPULTATI DALLA POLITICA. IL NUOVO DEVE ESSERE ANCHE QUESTO, HA RAGIONE RENZI. BISOGNA AVERE IL CORAGGIO DI CAMBIARE VERAMENTE ALTRIMENTI, COME DICEVA BELINGUER: I PARTITI NON FANNO PIU POLITICA DAGLI ANNI 50 IN POI , E’ VERO, CI TENGONO SOLO A PRESERVARE I POSTI DI POTERE.