“Allargare il perimetro del centrosinistra”

Damiano Zoffoli, Consigliere regionale del Pd, è tra i sostenitori di Matteo Renzi e lo scorso fine settimana ha partecipato al Big Bang a Firenze

LA VOCE di Romagna – giovedì 3 novembre 2011.

Zoffoli, che cos’ha reso differente questa iniziativa da qualsiasi altro appuntamento del Pd?
Una questione evidente è che Berlusconi è stato citato tre volte in tre giorni, durante 150 interventi. È il segno che, per noi, Berlusconi è il passato e guardiamo avanti.

Mi permetta, però il Cavaliere continua ad essere il primo ministro… Ma non lo volete mandare a casa?
Lo si manda a casa costruendo una fase nuova. Mettendo in campo idee nuove e uomini liberi. Il tema della società di oggi è che mancano uomini liberi. Serve libertà di azione, coraggio, concretezza e responsabilità. Io metterei al centro proprio la responsabilità, che vuol dire assumersi degli impegni e dare delle risposte a fronte di questi.

Avete elaborato cento proposte, ma non c’è stata una parola sul tema delle alleanze. C’è chi vi rimprovera questo.
Il Pd è nato per cambiare l’Italia, al centro ci devono essere gli italiani e il Paese nuovo che vogliamo. Quando si parla di alleanze io penso alle alleanze con la società, alla capacità di interloquire con queste energie. Non limitiamoci a Vendola e Di Pietro, a chi ha combattuto Berlusconi, e purtroppo ha perso, ma è ancora lì. Credo che il punto sia rivolgersi a quel cinquanta per cento di italiani che non votano o che sono sfiduciati dalla politica, di destra e di sinistra.

Vi mettete a rincorrere Beppe Grillo?
No, da noi niente demagogia e solo proposte concrete. Idee per come approcciare il futuro.

Quest’anno non solo rottamatori.
Siamo passati da una fase di partecipazione, di voler esserci, all’individuare una prospettiva di cambiamento. Le famose cento idee che stanno facendo tanto discutere. Sono un contributo aperto importante. Abbiamo detto: piuttosto che preoccuparci di cosa ha fatto Berlusconi alla notte, preoccupiamoci di cosa non fatto di giorno. Berlusconi ha fallito perché ha promesso una rivoluzione liberale e ha fatto l’esatto contrario.

C’è la possibilità che i sostenitori di Renzi possano diventare una corrente del Pd?
Non c’è nessuna volontà di fare correnti. Le nostre sono idee per allargare il perimetro tradizionale del centrosinistra. D’altronde questa era l’ispirazione originale del Pd: i partiti precedenti avevano riconosciuto i limiti verso il cambiamento, il Pd doveva essere un partito coraggioso, che rompesse gli schemi tradizionali.

Renzi piace a destra e nel Pd in molti storcono il naso. Perché?
Secondo me non è un difetto, ma un pregio. Un voto conquistato dall’altra parte vale doppio. È un pregio perché riesce a rompere quei recinti che hanno costretto il centrosinistra ad essere minoranza in questo Paese.

Il sindaco di Firenze dovrebbe candidarsi alle primarie?
Quando sarà il momento non farebbe male a presentarsi. La politica spesso è fatta di tatticismi, Renzi ha dimostrato di saper rischiare per vincere e interpretare le nuove sfide.

Sabato sarà alla manifestazione del Pd a Roma?
Ci sarò. E mi aspetto tanti cittadini pronti a testimoniare un’idea di cambiamento. Dobbiamo mandare a casa questo governo, vincere, convincere e governare. La maggioranza degli italiani è delusa, vuole chiudere con Berlusconi, ma a me interessa cosa si vuole fare dopo. Con Firenze abbiamo dato un’idea di società e di futuro.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.