Nerio Alessandri è stato ospite di Matteo Renzi a Firenze

Sul palco, il Presidente e fondatore di Technogym, ha parlato del wellness: “Il petrolio che abbiamo sotto i piedi in Italia si chiama arte, design, cultura, tech e style”

LA VOCE di Romagna – giovedì 3 novembre 2011.

A qualche democratico cesenate non è parso vero di vedere il patron della Technogym salire sul palco dei rottamatori di Matteo Renzi. Probabilmente, Nerio Alessandri non figura nell’albo degli elettori storici del Pd. A livello locale non si è mai apertamente schierato né da una parte né dall’altra e non ha mai dato idea di essere interessato a scendere in politica. Ma ha destato parecchia sorpresa la partecipazione dell’imprenditore cesenate al “Big Bang”, l’evento organizzato dal sindaco di Firenze alla stazione Leopolda lo scorso fine settimana. Qualche pezzo grosso del Pd cesenate pare che, forse un po’ preoccupato, o forse solo curioso, abbia anche alzato il telefono per chiamare direttamente mister Technogym e capire cosa lo abbia spinto a intervenire alla kermesse fiorentina.

In realtà pare che Nerio Alessandri sia stato invitato a Firenze da Giorgio Gori – i bene informati lo indicano come il ghost writer del sindaco Renzi – lui è l’ex direttore di Canale 5 e Italia 1, produttore televisivo nella galassia berlusconiana Mediaset, marito della giornalista Cristina Parodi, ma soprattutto amico di lunga data dell’imprenditore cesenate. Insomma, un invito che non si poteva rifiutare. Tra l’altro proprio ieri Gori ha fatto capire di voler entrare in politica e di essere pronto a sostenere l’iniziativa politica di Matteo Renzi.

Nel capoluogo toscano Alessandri ha incontrato anche una quarantina di cesenati che hanno partecipato al Big Bang e tra questi anche qualche dipendente della Technogym, sorpreso pure lui nel vedere il “capo” parlare alla convention di Matteo Renzi.

A proposito dell’intervento di Alessandri, le considerazioni dell’imprenditore cesenate sono state largamente condivise alla Leopolda e gli applausi non sono mancati. Alessandri ha parlato sabato poco dopo mezzogiorno, alla seconda giornata del Big Bang. L’imprenditore ha sottolineato l’importanza di tornare a mettere la persona al centro dell’agenda politica, ha spiegato come il Paese abbia grandi potenzialità: l’unire l’alta qualità della vita, il territorio e la storia al prodotto ci può rendere vincenti, nessuno ci può imitare. Infine Alessandri ha ricordato che “il petrolio che abbiamo sotto i piedi in Italia si chiama arte, design, cultura, tech e style”.

Maicol Mercurial

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.