Negozi “compro-oro”, più regole e più controlli anti-truffe

Approvata una risoluzione che prevede di informare i consumatori sulle criticità di queste attività e mette in guardia sulle infiltrazioni mafiose

Promuovere, in collaborazione con le associazioni di categoria, un censimento dei punti vendita presenti in tutta la Regione, informare ed educare il consumatore per metterlo in guardia da potenziali truffe, realizzare interventi di prevenzione per evitare le infiltrazioni mafiose e i fenomeni criminali. Sono i principali punti contenuti in una risoluzione sul fenomeno dei “compro oro”, approvata all’unanimità dall’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna.

Secondo il Rapporto Italia 2011 dell’Eurispes, negli ultimi due anni i cosiddetti negozi “compro oro” in Italia sono quadruplicati, generando un giro di affari di circa 3 miliardi di euro all’anno. Anche in Emilia-Romagna si è riscontrato un vero e proprio proliferare di “compro oro” che, tra il 2009 e il 2011, hanno registrato un incremento pari al 25%, raggiungendo la quota di circa 20.000.

“Una crescita esponenziale – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – avvenuta anche grazie a procedure amministrative snelle e, nella maggior parte dei casi, lacunose dal punto di vista dei controlli: ogni negozio che acquista e vende oro si attiene, infatti, ad un proprio listino e può effettuare le proprie valutazioni di stima. Oltre al rischio di truffa nei confronti dei consumatori, spesso non al corrente delle reali quotazioni dell’oro, l’universo dei “compro oro” cela poi altre insidie ben più serie, come il rischio di infiltrazioni mafiose o, più in generale, di episodi criminogeni come contraffazioni, usura, ricettazione e violazione delle leggi di pubblica sicurezza”.

“Tra le cause del proliferare di queste aziende ci sono purtroppo da annoverare sia l’impennata dei prezzi dell’oro, trasformato da bene rifugio in un vero e proprio bene di investimento; sia la perdurante crisi economica che costringe molte famiglie a vendere oggetti preziosi per acquistare la disponibilità di denaro liquido” prosegue Zoffoli.

È per questi motivi che, con la risoluzione, si chiede alla Giunta regionale di valorizzare e incrementare, nei limiti delle proprie competenze, le azioni per prevenire e contrastare i rischi di proliferazione dei fenomeni criminosi collegati alle attività di “compro oro” e di sollecitare il Parlamento ad adottare una normativa che, nel rispetto delle norme nazionali ed europee, dia garanzia di omeogeneità procedurale su tutto il territorio nazionale, permetta una mappatura aggiornata dei punti vendita e garantisca un’efficace azione di controllo e monitoraggio su detti esercizi e sulla liceità dell’attività svolta.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Negozi “compro-oro”, più regole e più controlli anti-truffe

  • ENZO

    Bene.
    A Roma ci sono dei compro oro truffaldini che gonfiano i prezzi, ti allettano e poi ti fregano sul peso.
    O si fanno la fotocopia del documento. Non basta prendere i dati del documento???? La cosa non mi piace…
    I nostri documenti così possono essere usati dalla malavita???

  • francesca

    ciao Enzo,
    anche io in passato la pensavo come te, in effetti i dubbi sono leciti.
    ora che ho un compro oro posso dirti che (almeno io) faccio le fotocopie solo per una comodità.
    comunque siamo soggetti a molti controlli da parte delle forze dell’ordine, e a random, quindi non
    c’è pericolo. comunque i documenti si possono ottenere da un qualsiasi negozio, ufficio, chessò andiamo in palestra, in autoscuola, in una concessionaria ecc ecc… ma perchè non abbiamo dei dubbi anche su quelli??? che oltretutto non sono per niente controllati (e ripeto, noi si!).