BENIGNO ZACCAGNINI – “Vogliamo rimanere forza del cambiamento”

Il 5 novembre del 1989, 22 anni fa, si spegneva, a Ravenna, Benigno Zaccagnini.
Ricordo, con ammirazione, la sua fede, la sua serenità, la sua forza, la sua semplicità, la sua lealtà e il suo pensiero politico.
Quanto ci manca l’onesto Zac, il segretario dalla faccia pulita, un politico che sapeva guardare lontano.
Ho riletto, in questi giorni, alcuni dei suoi scritti, che riporto qui di seguito, e che, ancora oggi, ci fanno riflettere, e possono forse esserci di qualche aiuto.
Damiano Zoffoli

Essere il partito della società, vuol anche dire sapere raccoglierne, comprenderne e rappresentarne segmenti diversi ed esprimerne le distinzioni.
L’unità non rinuncia alla discussione, non teme la ricerca, non sfugge al confronto. L’unità non si salva con l’esercizio autoritario dei poteri di vertice, non si fonda sulla imposizione, non si ottiene con la sola disciplina, non si costruisce con patti di potere interno, non si consolida con accomodamenti tra diverse convenienze. L’unità è sintesi delle diversità e valorizzazione dei contributi che ciascuno esprime; tolleranza, ma soprattutto desiderio, delle diversità: collegialità nella gestione e solidarietà nell’azione politica”.
(Discorso all’assemblea dei segretari provinciali e regionali – 29 marzo 1978)

Cari amici, nel nostro partito c’è una forte domanda di unità ma anche una forte domanda di rinnovamento. Questo vuol dire che l’unità non può essere intesa come una chiusa difesa per durare qualche tempo di più nel potere. L’unità non può essere rinuncia alla ricerca, l’affievolimento del dibattito o, peggio ancora, la riduzione al silenzio. Anzi, l’unità oggi si può e si deve costruire sulla capacità di guardare al futuro del Paese e di vedere in tempo quale ancora è lo spazio, la necessità, il bisogno, la utilità della tradizione cattolica-democratica nel nuovo tratto di storia che ci attende”.
(Discorso al congresso nazionale – 2/5 maggio 1982)

Vogliamo rimanere forza del cambiamento. Un partito di molti, non di pochi, e perciò legato alle cose che vivono, non condannato ad intristire con le cose che muoiono”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.