Riforma della Politica Agricola Comune, iniziato anche in Regione l’iter di discussione

Parere critico della Regione Emilia-Romagna alla Proposta di Regolamento della Commissione Europea

Nei giorni scorsi, la Commissione assembleare “Politiche Economiche” ha discusso le Proposte di Regolamento (del Parlamento europeo e del Consiglio) sul finanziamento, la gestione e il monitoraggio della Politica Agricola Comune, che avrà valenza per il periodo 2013-2020.

Si tratta di una riforma di capitale importanza, anche per dare risposte alla crisi che stanno vivendo gli agricoltori europei.

Le proposte confermano la PAC nella sua architettura basata sui due pilastri: il primo pilastro più verde e più equamente; il secondo pilastro, più focalizzato sulla competitività e l’innovazione, i cambiamenti climatici e l’ambiente.

La proposta di riforma presentata il 12 ottobre scorso prevede, a regime, una ripartizione finanziaria tra gli Stati membri basata su un contributo per ettaro uguale per tutti, in ragione degli ettari coltivabili.

Non importa se su quei terreni si fanno o meno coltivazioni ad alto valore aggiunto, ad alta intensità di investimenti e di mano d’opera, prodotti di qualità o commodity indifferenziate.

Per Bruxelles conta solo la superficie, cioè le grandi estensioni despecializzate dell’Europa continentale ed orientale. Non possiamo assolutamente accettarlo. L’agricoltura italiana rappresenta appena il 6,33% della Sau europea, ma ben il 12,63% della Plv agricola. Per quale motivo deve contare la prima percentuale e non la seconda?

Con questi numeri l’Italia vedrebbe una decurtazione di risorse pari ad un valore nominale di circa il 6,7%, nel caso del I Pilastro, e di circa il 9%, per il II Pilastro.

La Regione Emilia-Romagna lavorerà per cambiare le decisioni iniziali, che dovranno essere adottate entro la fine del 2012.

Riporto, qui di seguito, il resoconto dei lavori della Commissione e l’intervento, in merito dell’Assessore Rabboni.

Damiano Zoffoli

 

“È fortemente criticabile la proposta di adottare quale criterio di riparto delle risorse tra gli Stati membri destinate ai pagamenti diretti, il solo parametro della superficie, peraltro riferito alla superficie ammissibile a premio nel 2009. Questo meccanismo, infatti, escluderebbe dal computo le superfici coltivate a ortofrutta e vite, colture che, nel periodo considerato, non erano ammissibili ai pagamenti PAC, e di conseguenza non potrebbero essere prese in considerazione in sede di riparto delle risorse. Si propone pertanto di integrare il criterio della superficie con altri parametri quali la PLV, l’occupazione, il valore aggiunto riparametrando l’entità dell’aiuto in considerazione del diverso potere di acquisto esistente negli Stati membri”.

Sono alcune delle osservazioni, contenute nel documento che la Commissione assembleare “Politiche Economiche” ha approvato a maggioranza, sulla proposta di Regolamento presentata dal Parlamento europeo e dal Consiglio sui pagamenti diretti agli agricoltori nell’ambito dei regimi di sostegno previsti dalla Politica Agricola Comune (PAC).

L’Assessore regionale Tiberio Rabboni ha messo in evidenza che “con il passaggio dal regime attuale (legato alle produzioni storiche) al nuovo sistema che estende a tutte le superfici agricole (regionalizzazione) pagamenti degli aiuti entro il termine del 2019 avrebbe come conseguenza una riduzione del valore unitario dell’aiuto significativa rispetto alle medie registrate nelle economie agricole di vitale importanza per la tenuta socio economica di ampie porzioni del territorio rurale nazionale caratterizzate da un apporto di lavoro per unità di superficie o bestiame molto elevato e, per questo, più esposto ai rischi del mercato. Per consentire l’adattamento dei sistemi agricoli al nuovo regime, si propone pertanto di estendere il periodo di transizione al 2026”.

“Dalle proposte europee – continua Rabboni – non emerge inoltre una politica specifica e adeguata a sostegno dei prodotti di qualità, di conseguenza si propone di dare in questa sede concreta attuazione alle strategie dell’Unione europea di incentivazione delle produzioni di qualità anche attraverso l’attivazione, a discrezione degli Stati membri/Regioni, di una componente volontaria per il sostegno alle produzioni di qualità certificate entro la quota massima del 2% del massimale nazionale. Con riferimento al greening, ovvero le disposizioni che disciplinano i pagamenti per le pratiche agricole finalizzate a tutelare il clima e l’ambiente, si rileva che, così come attualmente strutturate nella proposta di regolamento (escludendo le colture arboree), penalizzano fortemente i Paesi dell’area mediterranea e deprimono ulteriormente la competitività delle aziende collocate in queste aree e risultano anche troppo rigide e di dubbia efficacia in termini di tutela dell’ambiente. Appare, inoltre, troppo alta la percentuale di incidenza, sia in termini finanziari che in termini di modalità e di superficie. Di conseguenza, si propone: di inserire fra gli agricoltori che hanno diritto al premio aggiuntivo per il greening anche i titolari di superfici a colture permanenti e chi ha aziende situate in tutto, o in parte, in zone contemplate dalla direttiva nitrati 91/676, in aggiunta a quanto già previsto per le direttive 92/43/CEE o 2009/147/CE; di ridurre al 20% la componente ambientale, attualmente stabilita nella proposta di regolamento al 30%, e il chiarimento netto delle relazioni di tali impegni con gli interventi dello sviluppo rurale (biologico, indennità natura 2000, ecc.). Sarebbe anche opportuno assicurare che nella componente ecologica possano rientrare gli elementi caratteristici del paesaggio, i terrazzamenti, le fasce tampone che sono tutelati anche dalla condizionalità in termini di mantenimento. In merito alla mancanza di adeguati strumenti di stabilizzazione del reddito degli agricoltori e di gestione delle crisi, si propone di trasferire sul I pilastro gli <strumenti di stabilizzazione del reddito> (o income stabilization tool), attualmente inseriti nel II pilastro relativo allo sviluppo rurale, così da rendere questi interventi coerenti con gli obiettivi del I pilastro di garanzia ai redditi e da consentire una gestione semplice, dinamica, tempestiva. In quest’ottica si richiede l’attivazione, a discrezione degli Stati membri/Regioni, di una componente volontaria per l’adozione di misure per la gestione dei rischi di mercato entro un massimo del 10% del massimale nazionale. Sull’obiettivo di semplificazione si rileva che il regime forfettario per le piccole aziende non appare in grado di compensare le complicazioni e le difficoltà di attuazione determinate dall’introduzione delle misure di greening e dai problemi di demarcazione tra OCM unica e Sviluppo Rurale che, per come è strutturata la proposta di regolamento, continuano a sussistere”.

L’Assessore ha inoltre evidenziato che “con la soppressione delle quote zucchero (a partire dalla data del 30 settembre 2015), si andrà a destabilizzare definitivamente il comparto bieticolo saccarifero italiano già oggetto di una profonda ristrutturazione, a vantaggio, invece, della bieticoltura nel nord Europa, di conseguenza andrebbero pensati e inseriti nella proposta dei sistemi più flessibili per orientare la produzione al mercato, collegati con gli stock mondiali di zucchero. Per quanto riguarda la soppressione delle quote in generale, si rileva la necessità di prorogare oltre il 2015 tali regimi. In particolare, per le quote latte si ravvisa la non positività della cessazione dell’obbligo degli acquirenti di dichiarare mensilmente la produzione di latte ritirata e da parte dei produttori in vendite dirette di dichiarare annualmente la produzione prodotta/venduta. Tale informazione, infatti, è fondamentale per traghettare il settore verso il superamento della politica delle quote, mantenendo contemporaneamente monitorata la produzione, presupposto questo essenziale per la conoscenza del mercato e per supportare al meglio i rapporti contrattuali in questo settore. Per quanto riguarda invece le Organizzazioni di Produttori e organizzazioni Interprofessionali, si sottolinea che l’obiettivo di prevenire la volatilità dei prezzi dei prodotti agricoli e di migliorare il buon funzionamento della catena alimentare è stato affrontato in maniera troppo blanda, anche in risposta all’abbandono del regime delle quote”.

“Sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della Politica Agricola Comune, sarebbe opportuno ripristinare – sostiene Rabboni – l’entità dell’anticipazione del 7% che costituisce un indispensabile volano finanziario necessario all’avvio tempestivo delle iniziative programmate e consente di evitare i maggiori rischi di disimpegno delle risorse nei primi anni. Inoltre si richiede l’ equiparazione delle procedure gestionali previste per lo Sviluppo rurale con quanto previsto per i fondi strutturali, e in particolare si dovrebbero applicare anche per il FEARS le procedure di controllo semplificate già contenute nelle proposte di regolamento per i fondi strutturali, a partire dalle regole per il disimpegno automatico. Infine, si rileva l’opportunità di rivedere complessivamente le linee d’intervento per le produzioni di qualità che, a fronte della grande enfasi data ai contenuti del Pacchetto Qualità, sono di fatto depotenziate, dalla riproposizione della disposizione sui costi di certificazione, senza le opportune modifiche necessarie a migliorarne l’attuale ridottissima portata, e la contemporanea eliminazione della disposizione sulla promozione nei mercati interni”.

È possibile scarica il DOCUMENTO DI SINTESI “Le Novità che saranno introdotte nella Politica Agricola Comune nel periodo post 2013” cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Riforma della Politica Agricola Comune, iniziato anche in Regione l’iter di discussione

  • fiorenzo antonioli fantini

    sono d’accordo con la vostra proposta: il nostro paese sarà quello più penalizzato da questa riforma perchè siamo il maggiore produttore in europa di ortofrutta, produzioni che necessitano di elevati investimenti.
    non so se ne siete al corrente che esistono industriali come benetton e tronchetti provera che prendono i contributi pac.
    il meccanismo è semplice: basta aprire una partita agricola intestata a un familiare o a una società controllata e anche se hai 1000 ettari di terreno puoi accedere ai contributi.
    questo non è giusto: va a sottrarre risorse agli agricoltori.
    per correggere questa anomalia basterebbe mettere un tetto agli ettari finanziabili, infatti tenendo conto delle statistiche risulta che il 95 per cento delle aziende agricole non supera i 30 ettari.