DON LUIGI CIOTTI – “La speranza non è in vendita”

“In un mondo di ingiustizie sempre più intollerabili, la speranza rischia di diventare un bene alla portata di pochi. Vogliamo dire no a questa “falsa” speranza, esclusiva, fondata sulla disperazione degli esclusi”.
Per farlo non è sufficiente indignarsi e riempire le piazze, bisogna trasformare la denuncia dell’ingiustizia in impegno concreto per costruire giustizia.
Sono alcune delle riflessioni che, lunedì sera, don Ciotti ha portato alla nostra attenzione, durante la prima serata della Settimana Sociale cesenate, offrendoci le ragioni per reagire al decadimento politico e culturale: “siamo tutti molto fragili e piccoli rispetto ai cambiamenti che viviamo. Ognuno faccia la sua parte perché è il plurale che vince”.
Un invito puntuale e incalzante per ciascuno di noi.
Damiano Zoffoli

 

Un maestro e un testimone

“Don Luigi Ciotti è maestro e testimone. Per questo lo si ascolta con attenzione. Perché, come disse Paolo VI, l’uomo contemporaneo ascolta più volentieri i testimoni che i maestri, o se ascolta i maestri lo fa perché sono dei testimoni”. Così il vescovo di Cesena-Sarsina, Douglas Regattieri, ha accolto lunedì scorso il sacerdote fondatore del Gruppo Abele in una chiesa di Sant’Agostino gremita in ogni ordine di posti per l’apertura della settima Settimana Sociale diocesana.

La prima serata del ciclo di incontri organizzati dalla Commissione diocesana Gaudium et Spes, verteva sul tema “Educare alla legalità”. Un soggetto che sembra calzare a pennello sulla figura di don Ciotti, impegnato da anni sul fronte antimafia con “Libera”, rete che coordina oltre 1500 associazioni e gruppi locali.

“Prima di parlare di giustizia e legalità – ha premesso don Ciotti – bisogna parlare di libertà. Il primo compito che ci affida la vita è liberare chi libero non è. Chi è senza lavoro, o perde il lavoro, non è una persona libera. Il cristiano, nel rispetto di tutti, deve battersi per difendere la libertà e la dignità di ciascuno. Perché la speranza o è di tutti o non è speranza”.

In questo modo il concetto di libertà si salda a quello di giustizia. Giustizia che, a sua volta, si ritrova legata in un binomio imprescindibile alla legalità. La legalità da sola, infatti, si ridurrebbe a formale rispetto delle regole, mentre la giustizia senza leggi rischierebbe di trasformarsi in esercizio arbitrario: “Non bisogna confondere la legalità con la giustizia – ha proseguito don Ciotti – pensando che siano sinonimi. Legalità è la saldatura tra la giustizia e la responsabilità individuale. Oggi l’Italia vive in un coma etico, ma sarebbe sbagliato puntare tutto sulle regole. Il fine ultimo resta quello della giustizia, realizzazione effettiva dell’uguaglianza. Le leggi sono solo un mezzo per realizzarla”.

Un richiamo alla responsabilità e all’impegno personale, in nome della giustizia sociale, che deve toccare nel profondo l’animo di ogni cristiano ed ogni cittadino: “Nessun cambiamento sarà mai possibile se non partiamo da noi stessi. Il passo successivo è quello di educare alla responsabilità. In una società, quella di oggi, che comunica molto ma si relaziona poco, l’unità di misura dev’essere quella dell’ascolto e della reciprocità. Ognuno deve sentire il compito di educare, per combattere i peccati di superficialità, i tanti saperi di seconda mano che oggi imperversano”.

Una responsabilità personale che il magistrato Rosario Livatino, ucciso dalla mafia nel 1990, aveva ben presente quando scriveva nel suo diario: “Alla fine della vita nessuno ci verrà a chiedere quanto siamo stati credenti, ma quanto siamo stati credibili”.

Tutti questi temi si ritrovano nelle pagine dell’ultimo libro di don Ciotti “La speranza non è in vendita” (edizioni Giunti), pubblicato da pochi giorni. Se la speranza non si può comprare, le pillole di educazione civica di questo volume sono invece disponibili in tutte le librerie.

Il prossimo appuntamento per la Settimana Sociale diocesana è per lunedì 14 novembre alle 21. Nella sala pinacoteca “Biagio Dradi Maraldi” della Cassa di Risparmio di Cesena, in via Tiberti, si parlerà di “Giustizia e bene comune”. Relatore don Giancarlo Guerzoni, docente di Teologia Morale a Bologna.

Michelangelo Bucci
(Corriere Cesenate – giovedì 10 novembre 2011)

È possibile scaricare il CALENDARIO degli incontri della SETTIMANA SOCIALE CESENATE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to DON LUIGI CIOTTI – “La speranza non è in vendita”

  • Zavagli Giancarlo

    Don Ciotti dice: è necessario partire da noi stessi, altrimenti nessun cambiamento sarà possibile.
    Nulla in contrario; ma vedo (è miopia dei miei 78 anni?) come individuali anche le cosiddette comunità parrocchiali (che di comunità spesso hanno solo il nome sbandierato ipocritamente). Mi sembra che le parrocchie (forse non tutte e mi auguro che siano un minoranza) non si rendano conto della loro importanza non solo religiosa ma anche come unità civile con compiti di assistenza, di educazione e perciò di informazione dei fatti che avvengono nella società, di polo per esercitare l’azione di sussistenza di cui la dottrina soc. della Chiesa. La parrocchia dispensatrice, o “bottega” dei sacramenti oggi mi sembra anacronistica. Mi piacerebbe fare un indagine per verificare quanti sono stati i parroci, che hanno informato i fedeli delle iniziativa detta “settimane sociali” per giunta promossa da un organismo che porta il nome “Gaudium et Spes”. Infine Paolo VI ha detto che la POLITICA, QUELLA VERA, E’ LA PIÙ ALTA FORMA DI CARITÀ CRISTIANA. Se ho urtato la sensibilità di qualcuno chiedo comprensione. L’età può influire negativamente.

    • Caro Giancarlo,
      questo sito è stato proprio pensato come un piccolo spazio di dialogo, dove ognuno possa esprimere quel che pensa, in un confronto libero e aperto.
      Tra l’altro, condivido quel che dici su un ruolo “più civile e sociale” delle nostre Parrocchie.
      Ti riporto, qui di seguito, alcune considerazioni che avevo scritto, in merito, sul Corriere Cesenate, a seguito della Settimana Sociale di Reggio Calabria:
      È inoltre indispensabile rilanciare sull’educazione alla socialità. Ai fedeli laici non mancano i documenti dell’Alto Magistero, ma è compito dei nostri sacerdoti, nella quotidianità della vita della Chiesa (nelle omelie domenicali, come nei momenti di catechesi ordinaria dei giovani e degli adulti), dare maggior spazio alla riflessione sui problemi della società e sulla necessita di un’attiva partecipazione alla vita pubblica.
      Non può essere, anche questa, una delle ragioni della crisi di vocazioni all’impegno politico?
      Se la politica è una vocazione, la forma più alta di carità (Paolo VI), è necessario che “generazioni nuove e giovani si preparino con una vita spirituale forte e una prassi coerente” all’impegno politico
      ”.
      Se ti interessa, il testo integrale della lettera, lo trovi qui: http://www.damianozoffoli.com/2010/09/24/verso-la-46esima-settimana-sociale-dei-cattolici-italiani-e-ora-di-un-nuovo-protagonismo/.
      E un’altra mia riflessione, sempre sul tema, è qui: http://www.damianozoffoli.com/2011/02/26/cattolici-in-politica-una-proposta/.
      Grazie per il tuo contributo e a presto,
      Damiano Zoffoli