Dalla Regione 63mila euro per la cultura e gli spettacoli di Cesena

Fondi per la mediateca del San Biagio e “Piazze di cinema”

“La Regione Emilia-Romagna – informa il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – finanzierà con 63.100 euro la Mediateca di Cesena e il Festival del cinema in piazza. I fondi, stanziati nell’ambito del Programma triennale per lo spettacolo 2009-2011, sono un giusto riconoscimento alle attività che si svolgono all’interno del centro San Biagio, un contenitore culturale di rilievo regionale”.

Il progetto presentato dal Comune di Cesena, e ammesso al finanziamento, ha un costo totale di 157mila e 700 euro. Prevede l’incremento e la catalogazione del materiale audiovisivo mediante nuove acquisizioni, l’incremento degli archivi fotografici e la realizzazione di collezioni digitali, oltre a nuove attrezzature per la mediateca e al Festival del cinema in piazza. Il contributo in conto capitale della Regione, pari a 63mila e 100 euro, coprirà il 40 per cento delle spese previste dal Comune.

La mediateca cittadina è inserita all’interno del Centro cinema città di Cesena nel complesso del San Biagio, riconosciuto come uno dei luoghi d’eccellenza regionale per i suoi ricchi archivi, i laboratori video attrezzati e il concorso nazionale per fotografi di scena CliCiak, giunto alla 14esima edizione e divenuto punto di riferimento del settore.

Parte dei finanziamenti andranno anche a copertura dei costi di “Piazze di cinema”, l’evento che nel luglio scorso ha visto animare diverse piazze, chiostri e giardini della città di Cesena con la proiezione di film e incontri con attori e registi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Dalla Regione 63mila euro per la cultura e gli spettacoli di Cesena

  • massimo neri

    “Ottimo”. La cultura è sempre un ottimo investimento che spesso non viene recepito come tale ma solo come qualche cosa che porta immagine ad un’amministrazione pubblica, o privata che sia, il che è anche vero ma allo stesso tempo sbagliato, la cultura e la sua promozione sono un potente motore economico che rende sempre molto di più dell’investimento fatto.
    A Cesena, per motivi che non sono certo in questo spazio trattabili, le attività musicali sono quasi sempre curate e incentivate anche se alcune realtà come la polifonia, di un certo gusto esecutivo, è costretta in pratica ad autofinanziarsi o a confrontarsi con le briciole dei già magri bilanci che di questi tempi sono “quanto mai magri”, si può capire che vi siano preferenze in termini di gusto o di convenienza nel ritorno di consenso popolare ma un pochino di maggiore attenzione alle programmazioni più raffinate porterebbe anche ad accrescere la base di conoscenza e quindi di consenso all’attività ed alle esecuzioni polifiniche, specialmente quando le esecuzioni e i programmi sono, e mi ripeto, di un certo gusto e gradevollezza d’ascolto.
    Carissimo Damiano, se intervengo così, spero con ardore, è perchè canto in un coro polifonico, conosciuto per i suoi programmi ed esecuzioni, che produce ed esegue una dozzina di concerti all’anno nei nostri territori e in altre parti d’Italia, ed è di solito apprezzato anche per un qualche cosa di più cioè per il prestigio del suo direttore e fondatore,
    Maetro Adamo Scala.
    Ti invito a dare uno sguardo al nostro sito cliccando Alio Modo Canticum.
    Grazie per l’attenzione e “TEN BOTA”.
    Massimo Neri

  • Caro DAMIANO, ti leggo spesso con piacere e apprezzo le tante iniziative che ti proponi ed anche le opere che riesci a realizzare.
    In questa occasione mi preme presentarti l’attività che la COOPERATIVA AMICIZIA DI SAN VITTORE svolge sul territorio nel settore cultura; negli ultimi anni abbiamo presentato numerosi libri di Scrittori locali, compreso quello de PVLON MAT presente nella Biblioteca Malatestiana, proponiamo annulamente rassegne di teatro dialettale ed in lingua per ragazzi e adulti, abbiamo la responsabilità del Cineteatro Victor nel quale proponiamo i migliori film possibilmente validi culturalmente, con una buona base di dessai, pellicole per famiglie e ragazzi. Da un quinquennio trasmettiamo eventi alternativi, quali Opere Liriche dai migliori Teatri Italiani ed Europei.
    Il nostro scopo come ben sai non è il lucro e pertanto manteniamo dei prezzi vantaggiosi per l’utenza, che con la grave crisi economica in corso ha problemi più gravi.
    Sostanzialmente abbiamo la presunzione i svolgere una attività socialmente utile e nell’interesse dei nostri concittadini.
    La concorrenza nel “libero mercato del settore cinema” è un eufemismo e dobbiamo subire quanto viene deciso dalla concorrenza e dalla distribuzione.
    Nonostante le dichiarazioni che tempo per tempo vengono rilasciate da Politici e Operatori del settore non vengono offerte alle monosale o sale di città le condizioni per poter continuare nella propria attività; ogni spazio o possibilità di ottenere utile che consenta di poter procedere nell’attività vengono eliminati.
    Noto con piacere che la Regione ha messo a disposizione del San Biagio 63 mila €, ma per le altre realtà consolidate autonome ed indipendenti del territorio cosa si sta facendo?? o forse non è un problema……
    cordialmente
    Costaldo Natali