Nasce il Fondo regionale per il lavoro giovanile, con 20 milioni di euro

Crescita, lavoro e welfare le priorità. No all’aumento delle tasse. Queste le linee guida della proposta di Bilancio 2012, approvata dalla Giunta regionale e costruita assieme ai Comuni e a tutta la società regionale.

Un bilancio difficile, sul quale pesano, rispetto al 2010, 390,15 milioni di euro di tagli statali dovuti all’azzeramento dei trasferimenti ex Bassanini; 31 milioni di euro in meno per la cancellazione da parte dello Stato del Fondo per la non autosufficienza; il congelamento di 400 milioni conseguenza del Patto di stabilità nazionale, secondo quello che emerge dal testo approvato sabato scorso.

Tali riduzioni incidono prevalentemente sul trasporto ferroviario (meno 73,5 milioni di euro), sulle attività produttive (meno 70,6 milioni di euro), su viabilità e opere pubbliche (meno 63,3 milioni di euro), sul fondo sociale (meno 34,1 milioni di euro), sull’edilizia residenziale (meno 34,3 milioni di euro), sull’agricoltura (meno 31,1 milioni di euro) e sull’ambiente (meno 25,5 milioni di euro).

Ma, allo stesso tempo, un bilancio che dice “no” alla logica dei tagli lineari, che non aumenta la pressione fiscale per cittadini e imprese e che non rinuncia a dare alcuni segnali forti, coerenti con la direzione di marcia intrapresa con il Patto per lo sviluppo per una crescita intelligente e inclusiva: crescita e lavoro innanzi tutto, ma anche salvaguardia del sistema di welfare, per salvaguardare il potere d’acquisto delle famiglie, e proseguimento del processo di riorganizzazione e di riduzione della spesa della macchina regionale e degli enti collegati.

“In un quadro politico ed economico in forte movimento – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – abbiamo cercato di fronteggiare i tagli del Governo, senza aumentare la pressione fiscale, ma operando scelte forti e molto selettive per dare opportunità alla crescita economica e salvaguardare la coesione sociale”.

Tra gli interventi più significativi un impegno per il lavoro giovanile e la crescita del sistema produttivo, che vale 60 milioni di euro. Di questi, 20 milioni di euro saranno destinati ad un intervento straordinario di accompagnamento al lavoro dei giovani e a sostegno delle imprese che investono nel futuro. Come avverrà l’intervento di sostegno alle imprese che investono sui giovani? Attraverso forme di incentivazione al contratto di apprendistato con contenuto formativo, forme di incentivi per l’assunzione di giovani, azioni di accompagnamento per l’innalzamento delle competenze del fare impresa e, sostanzialmente, politiche per la stabilizzazione lavorativa.

Nel nostro Paese – prosegue Zoffoli – secondo stime recenti, solo 1 ragazzo su 5 lavora. E più di 2 milioni e 110 mila giovani, tra i 15 ed i 29 anni, sono “invisibili”: non studiano, non lavorano, non sono in cerca di occupazione. Questa situazione rischia di deprimere e frustrare un’intera generazione che, per la prima volta dal dopoguerra, trasforma la sua precarietà lavorativa in precarietà esistenziale. Con questo bilancio abbiamo quindi deciso di rimettere al centro i nostri giovani, investendo sul sostegno all’occupazione, alla formazione e alla stabilizzazione del lavoro. È l’unico modo per assicurare uno sviluppo sostenibile e durevole alla nostra economia e alle nostre imprese, e dare speranza e futuro alla nostra comunità regionale”.

Per il welfare, sul territorio, vengono confermati i 22 milioni di euro per alimentare il Fondo anticrisi dei Comuni istituito già nel 2011 e ulteriori 15 milioni di euro per il Fondo per la non autosufficienza, che andranno a supplire i tagli nazionali. Viene salvaguardato con uno sforzo particolare il livello dei servizi del trasporto pubblico locale.

Il Bilancio 2012 conferma anche l’impegno della Regione sul fronte del riordino e dello snellimento del sistema di governo regionale: dopo la forte riduzione (-43 milioni di euro) delle spese di gestione della macchina regionale e dei trasferimenti a enti e società partecipate realizzata nel 2011, anche per il 2012 si riduce questa tipologia di costi di gestione per un totale di quasi 8 milioni di euro (meno 2,3% rispetto all’anno precedente).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Nasce il Fondo regionale per il lavoro giovanile, con 20 milioni di euro

  • antonella

    che significa virgolette tutta la societa regionale virgolette?

    • cara Antonella,
      in questo caso, “tutta la società regionale” sta per Regione Emilia-Romagna, assieme ad Upi, Anci, Lega Autonomie regionali, Unioncamere, associazioni imprenditoriali, organizzazioni sindacali regionali, Abi e rappresentanti del terzo settore.
      ovvero il tavolo “istituziionale” che, dal 2009, ha costruito il “Patto per attraversare la crisi” e oggi sta lavorando al nuovo “Patto per lo sviluppo”.
      colgo l’occasione per mandarti un carissimo saluto.
      buon lavoro e a presto,
      Damiano

  • balzani gilberto

    soliti incentivi e agevolazioni generiche, quando vai a vedere nel concreto solo qualche grande azienda o le solite cooperative riascono ad ottenere qualcosa. Un giovane che vuole intraprendere un’attività propria deve avere già di suo i soldi per poterlo fare. Le piccole imprese non potranno mai usufruirne per cui non si aumenta la crescita ma si inietta un po’ di denaro per evitare i licenziamenti, ma non ci sarà sviluppo o crescita alcuna.