Meno burocrazia e più risparmio per le aziende agricole emiliano-romagnole con il “Ruc”

Il Registro unico dei controlli sulle imprese agricole e agroalimentari viene istituito con da un nuovo progetto di legge regionale, che prevede anche la semplificazione degli interventi amministrativi in agricoltura

Meno burocrazia per le imprese agricole e agroalimentari dell’Emilia-Romagna e più risparmio per gli Enti della Pubblica Amministrazione che svolgono i controlli. È, in estrema sintesi, l’obiettivo di un progetto di legge, approvato lunedì dalla Giunta regionale, che prevede la creazione di un Registro unico dei controlli (Ruc) sulle imprese agricole e agroalimentari, basato su un apposito archivio informatizzato. Qui, per ogni impresa, verranno inseriti l’elenco dei controlli effettuati, l’Amministrazione che li svolge, la data e la tipologia di controllo eseguito, la scheda o il verbale di controllo e i relativi esiti.

Nel comparto agricolo e agroalimentare, in base a quanto previsto dalle diverse normative di settore, oltre che da quelle sanitarie e ambientali, l’impresa è periodicamente soggetta a differenti tipologie di controllo e ispezione, svolte da soggetti diversi, che implicano hanno un’effettiva incidenza sull’attività lavorativa dell’imprenditore, qualificata nel linguaggio comune come “costo dell’impresa in termini di burocrazia amministrativa”. Si stima, infatti, che in Italia un’azienda agricola debba dedicare mediamente cento giorni all’anno per gli adempimenti burocratici e che la burocrazia in agricoltura, a livello nazionale, abbia un costo complessivo di 3 miliardi di euro l’anno.

“Con questo progetto di legge passiamo dalle parole ai fatti in tema di snellimento della burocrazia e risparmio. – afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – Interveniamo in modo concreto riducendo, da un lato, i controlli in azienda e, dall’altro, velocizzando determinate procedure con il meccanismo del silenzio-assenso”.

Sebbene il numero possa variare sensibilmente di anno in anno, si stima che, nell’esercizio delle funzioni agricole da parte degli Enti incaricati (Regione, Province, Comunità Montane, Unioni di Comuni) e di Agrea (l’organismo pagatore regionale), vengano realizzati in Emilia-Romagna almeno 10.000 controlli l’anno; di questi 7.000 richiedono ispezioni nelle aziende agricole (mentre gli altri 3.000 sono eseguiti con il telerilevamento), con il coinvolgimento di oltre 300 incaricati. Tenuto conto della molteplicità di strutture di controllo che si interfacciano con il soggetto unitario “azienda agricola”, è possibile che controlli sulla stessa impresa riguardino gli stessi aspetti, sebbene siano eseguiti da enti diversi, con modalità e obiettivi specifici.

La Regione ha quindi deciso di intervenire attraverso nuove disposizioni per razionalizzare l’attuale sistema, a partire dalla creazione del Registro unico dei controlli (Ruc): nell’apposito archivio informatizzato verrà inserita tutta una serie di dati, a partire dalle eventuali visite già programmate in azienda, per permettere alle diverse Amministrazioni di concordare sopralluoghi congiunti. Le Amministrazioni coinvolte nel progetto (Regione, Province, Comunità Montane, Unioni di Comuni, Agrea, servizi veterinari delle Asl e Arpa), a loro volta, dovranno introdurre direttamente i dati nell’archivio informatizzato e potranno utilizzare, per i procedimenti di propria competenza, i risultati dei controlli riportati nel Registro. Al tempo stesso le imprese, consultando direttamente il Registro, potranno venire a conoscenza delle visite di controllo in azienda eventualmente programmate.

L’archivio, interconnesso con l’Anagrafe delle aziende agricole, potrà inoltre essere arricchito con dati in possesso di altre Amministrazioni pubbliche con cui verranno sottoscritti accordi specifici di collaborazione, soprattutto per acquisire dati collegati alla prevenzione e sicurezza sul lavoro, ad aspetti previdenziali e assicurativi, e alla disciplina del rapporto di lavoro.

Oltre alla realizzazione del Ruc, un altro obiettivo del progetto di legge è l’avvio di un processo di snellimento di alcuni procedimenti amministrativi in merito all’applicazione dell’istituto del silenzio-assenso con delega di attività istruttorie documentali ai Centri di Assistenza Agricola (CAA): questa scelta consentirà di alleggerire le Amministrazioni pubbliche di alcuni adempimenti favorendo una specializzazione dell’Ente nel ruolo di certificatore-controllore.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO DI LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.