Rifiuti, in Emilia-Romagna la raccolta differenziata va a buon fine

Presentata un’indagine sul recupero e sul riutilizzo dei rifiuti differenziati nella nostra Regione

Grazie al riciclo, con 800 lattine si fa un telaio di bicicletta e con tre scatole da scarpe si può produrre una nuova cartelletta di cartoncino. E ancora: con 20 bottiglie di plastica una nuova coperta, con 287 barattoli in acciaio una nuovo carrello per la spesa, con 4 pallet una scrivania, con 10 chilogrammi di umido e verde si produce compost per fertilizzare un metro quadrato di giardino.

Questa la mappa (dalla raccolta al riutilizzo) sulla re-immissione dei rifiuti riciclati contenuta nell’indagineChi li ha visti? Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani” che è stata presentata dall’Assessore regionale all’Ambiente, Sabrina Freda, nell’ambito della fiera Ecomondo, svoltasi a Rimini nei giorni scorsi.

La Regione Emilia-Romagna ha realizzato, con la collaborazione di Arpa (Agenzia regionale per la prevenzione e l’ambiente), uno studio per ricostruire il percorso che compiono i rifiuti dalla raccolta differenziata fino agli impianti di riciclo e recupero. In questo modo la Regione, con il sostegno di Conai (Consorzio nazionale imballaggi), garantisce l’intero ciclo che permette di dare una seconda vita ai rifiuti e, soprattutto, di ridurre il prelievo di nuove materie prime dall’ambiente.

Lo studio – attraverso i flussi gestionali di carta, plastica, vetro, metalli e alluminio, legno, organico e verde – mette in evidenza che la quasi totalità del rifiuto raccolto in modo differenziato viene effettivamente avviato a recupero.

Per quanto riguarda la raccolta differenziata della carta, in un anno (l’indagine riguarda il 2009) in Emilia-Romagna ne sono state raccolte 295.903 tonnellate (68 kg a testa, per ogni cittadino): il 99% di questo materiale viene reimmesso nel ciclo produttivo.

Per la plastica il materiale raccolto è 81.660 tonnellate (19 kg a testa) e il 76% viene reimmesso nel ciclo produttivo. Il 97% dell’acciaio e dell’alluminio (28.182 tonnellate raccolte, 6,4 kg a persona) torna nel ciclo produttivo. Rientra in circolo produttivo il 91% della raccolta di vetro (138.627 tonnellate raccolte, pari a 32 kg a persona), il 98% del legno (114.023 tonnellate raccolte, 26 kg a persona), il 95% dell’umido (181.803 tonnellate raccolte, 42 kg a testa) e il 98% del verde raccolto (315.483 tonnellate raccolte, 72 kg a persona).

In Emilia-Romagna gli impianti di recupero della carta sono 17 come quelli per il legno, mentre sono 15 quelli della plastica, 12 quelli dell’acciaio e alluminio, 11 quelli del vetro, 16 quelli dell’umido e 19 quelli del verde.

Altre informazioni (come, ad esempio, i dati suddivisi per Provincia) sono contenute nell’INDAGINE, che è possibile scaricare cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Rifiuti, in Emilia-Romagna la raccolta differenziata va a buon fine

  • La fonte dei dati sulle percentuali di riciclo e reimmissione al consume, sono fornite direttamente da Hera, e sono assolutamente inattendibili. Quando poi si parla del 76 di plastica reimmessa nel ciclo produttivo, ci si dimentica sempre di specificare che nella percentuale è compresa la “termovalorizzazione”, pertanto più che “reimmessa in circolo” sarebbe più opportuno e veritiero dichiarare che è “reimmessa in atmosfera come fumi”.

    Che non si arrivi a pensare che solo una agenzia realmente indipendente possa fornire tali dati, è davvero uno scandalo.

  • ceccarelli mirella

    Mi trovo spesso in autobuss, o altri siti, dove persone scettiche sulla raccolta differenziata,facendo crollare i miei discorsi sull’ importanza della raccolta differenziata, dicono che tutta la raccolta viene ammucchiata senza fare distinzioni di sorta dell’ immondizia raccolta.
    Insistendo nel dire “io ho visto” o “io ho le prove” che la raccolta non viene differenziata nell’ iter finale di questo processo(?).
    Ma perchè tanto disfattismo e distruzione di un impegno sociale nuovo, lento, ma costruttivo, utile a noi tutti e alla società intera.
    Per me è pigrizia individuale, inerzia, apatia a non voler assumere l’ impegno nuovo richiesto.
    Io credo che tutta questa poca voglia e speranza che le cose possano davvero cambiare ci è stato ereditata dalla cultura che abbiamo assunto dal Governo che ci ha da poco lasciato(finalmente).
    E che si esprime anche nelle piccole cose della nostra vita quotidiana.
    Io oggi, invece, sono ottimista. Non tutto è risolto, ma è stato eliminato quel grosso macigno che ci impediva di fare passi in avanti e migliorare la nostra vita.
    Basta poco per sorridere di fronte al futuro, anche la raccolta fifferenziata.
    Ciao a tutti
    Mirella Ceccarelli

  • Sono convinto che il vero salto di qualità nella raccolta differenziata possa avvenire solo partendo da ognuno di noi. Solo combattendo l’apatia e le vecchie abitudini, come scrive Mirella, potremo costruire qualcosa di nuovo. Ma la differenziata non basta. Il nostro impegno personale deve andare nella riduzione dei rifiuti a monte, privilegiando beni privi di imballaggio, e nel riutilizzo delle cose. Da troppi anni sentiamo dire “non conviene aggiustarlo, meglio buttarlo via e comprarlo nuovo”. Comprare nuove cose costa meno nell’immediato, ma questo consumismo sfrenato scarica altrove i costi maggiori, di energia e di smaltimento.
    Impegnandoci nella riduzione dei rifiuti, nel riutilizzo dei materiali e nella raccolta differenziata riusciremo anche, in futuro, a superare i termovalorizzatori. Quelli già attivi dovranno funzionare fino al raggiungimento di alte percentuali di differenziata, non oltre. Non possiamo concepire un ciclo dei rifiuti basato sull’incenerimento come pilastro permanente del sistema.