Dizionario online di dialetto romagnolo, sottoscritta la convenzione

Par no scurdès la nosta lengua e ad chi sém i fiol!
Damiano Zoffoli

Un mezzo di comunicazione nuovo e all’avanguardia come internet, per conservare la memoria del dialetto romagnolo. Questo singolare connubio sarà reso possibile con un dizionario partecipato online di dialetto romagnolo. La Giunta provinciale della Provincia di Forlì-Cesena, nell’ambito della tutela e della valorizzazione delle tradizioni, ha accettato la proposta – presentata dall’Istituto Friedrich Schurr di Ravenna e dall’associazione “Te ad chi sit e’ fiol?” di Cesena, entrambi costituitesi con lo scopo di salvaguardare e valorizzare il patrimonio dialettale – per realizzare questo strumento informatico che sarà reso disponibile ai cittadini tramite il web.

È già stata sottoscritta ed è operativa per cinque anni la convenzione fra la Provincia di Forlì-Cesena e i due soggetti proponenti. Il progetto non comporta oneri specifici per l’Amministrazione provinciale: all’Ente, invece, viene richiesto di mettere a disposizione le strutture tecniche, le licenze software e le professionalità informatiche interne, in particolare di riservare un adeguato spazio in uno dei server della Provincia, per ospitare il sito che conterrà il dizionario.

Il portale avrà l’indirizzo http://dialettoromagnolo.provincia.fc.it.

Come funzionerà? Attraverso un sistema aperto e “democratico”, basato su un programma di tipo “Wiki”, in cui ognuno è libero di connettersi e di dare il proprio contributo, inserendo nuovi vocaboli o varianti locali di vocaboli già esistenti. In altre parole, saranno i cittadini stessi, con il loro patrimonio di memoria, tradizioni e uso quotidiano del dialetto romagnolo, ad arricchire il dizionario.

A questo lavoro si affianca quello dei tre soggetti firmatari. L’associazione “Te ad chi sit e’fiol?” si impegna a realizzare le attività legate alla messa in linea del portale per la gestione del dizionario, inserendo una prima base di contenuti. L’Istituto Friedrich Schurr, invece, svolgerà un ruolo di organo di controllo di tutte le notizie inserite da utenti e collaboratori, per garantirne la validità. Infine, la Provincia di Forlì-Cesena si impegnerà a rendere disponibile lo spazio/disco sul proprio sistema centrale per mantenere fruibile nel tempo il dizionario online (conservazione, backup, manutenzione hardware).

Commentano il Presidente della Provincia Massimo Bulbi e l’Assessore provinciale alla Cultura Iglis Bellavista: “Questa originale iniziativa si inserisce nell’ambito di una fitta serie di progetti innovativi nell’ambito della tutela del dialetto, portati avanti in questi anni dalla Provincia, come il CD musicale “Voci”, con le poesie di tre romagnoli per eccellenza (tra cui Tonino Guerra), le celebrazioni interprovinciali della cultura dialettale in musica con il centenario della nascita di Secondo Casadei, il sostegno all’iniziativa “Romagna Nostra” della scuola di musica popolare. Con quest’ulteriore intervento, che per altro non prevede carichi sul bilancio, la Provincia prosegue con una precisa volontà di sostegno e valorizzazione del dialetto”.

(Illustrazione di Flavio Montelli, pubblicata su LA VOCE di Romagna del 25 settembre 2011).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

6 comments to Dizionario online di dialetto romagnolo, sottoscritta la convenzione

  • Giovanni Alessandrini

    Ottima iniziativa. La seguirò con piacere.

  • massimo neri

    Continuate così, siete forti. Appena possibile utilizzare il sito, cercherò, anzi porterò un modesto ma particolare contributo per particolari parole del mondo della caccia e della fauna selvatica.
    Cordialità. Massimo Neri

    PS. Comunque a parte un’eventule contributo, se ne sarò capace, certamente attingerò molto dal dizionario anche perchè sono innamorato della nostra lingua.

  • Alessandro montagna bolognese

    Av voi di’ che:

    l’è propri un bel quel st’iniziativa què de dizionéri romagnool. E noster dialet – ai met in mez ench’ e noster dla montagna bolgnes e va saivà da l’estinzion. Purtrop a sen avanza’ in poc a ciacaree in dialet (la nostra lengua). I zoven in al dscoren mia, la verita’ l’e’ questa. Me a degh che su zent zoven a cgnosen e dialet al vint dal zent.
    Me peder l’ha vro’ insgnem fin da ciin a ciacare’ ala nostra manera e purtrop me a ved che ogni de’ ca pasa ai e’ semper na parola c’la s’perd.

    Meree fee compagna in Friuli, in dov e friulen l’e’ considera’ ona lenga compagna l’italien. Ma nueter in Emilia Romagna aven vro’ fe’ i moderen (fe vedere ca dscoren un italien pulid, fe veder ca dscoren ingles)….

    Bravi vi faccio i miei complimenti.

    PS – ITALIANO : C’E’ – BOLOGNESE DI MONTAGNA: A I’E’ oppure E I’E’ – MODENESE
    SECCHIO DI RAME (calzeder oppure calceder)
    SEDIA (scrana)
    ARTICOLO DETERMINATIVO IL (bolognese AL) bolognese di montagna E (e gat, e chen, e foren, e pordg e mandg ossia il gatto, il cane, il forno, il portico, il manico)

    OGGI inco’ (dal latino in hoc die)
    DOMANI dmen
    DOPODOMANI (dmen d’la)
    IERI L’ALTRO (ier d’la, ier pasa’)
    LUNEDI’: lonede’
    MARTEDI’: martede’
    MERCOLEDI: merchel
    GIOVEDI’: giovede’, gioba,
    VENERDI’: vegner
    SABATO: sabet
    DOMENICA: dmenga.

    Dieci: des
    Undici: ondg
    Dodici: dodg
    Tredici: tredg
    Quattordici: quatorg

  • Teneteci informati su questa pagina quando sarà operativo il dizionario online:

    Pagina fan ufficiale del gruppo facebook Rumagnul in Tedeschia®
    https://www.facebook.com/Rumagnul.in.Tedeschia

    • Lo faremo certamente!
      Grazie per l’attenzione e buon lavoro anche a voi, che lavorate “a distanza” per il nostro stesso obiettivo: tenere vivo il nostro dialetto e, di conseguenza, le nostre radici e tradizioni.
      Av salut!
      Damiano Zoffoli